venerdì 27 settembre 2013

Tema: Oblio e Graffiti

Svolgimento
La ricchezza della vita è fatta 
di ricordi, dimenticati.
C. Pavese
Rimango a fissare l’ultima pagina bianca per un tempo indefinito. Ipnotica, la grammatura più ruvida del foglio di risguardo trascina tutto il testo appena letto in una sorta di finis terrae sferzata da dubbi e incertezze corrosive. Allora cerco di ancorarmi alle pagine precedenti, annaspo a ritroso dove il discorso fluisce, ma niente: ormai ogni storia non è che un sibilare di sabbia pungente. Poi, impercettibile, ricomincia il silenzio e piano piano si trasforma in un ronzio sordo, frantumato come l’eco indistinta di mille vite scomparse. Solo allora l’immaginazione riesce davvero a spiccare il volo e a percepire il senso che ogni singola lettera o frase ha sedimentato dentro il mio oblio.
Tutto ruota intorno a un incipit lontano che non ricordo più, o forse non voglio ricordare. Un incipit arcaico che precipita la storia di mille anni in un presente senza tempo. Libri, vite, viaggi: tutto si rilega in un presente assetato di storia.
Ed è in quel preciso istante tutto prende a narrarsi da solo:
Ho scaricato l’e-book che mi hai mandato e ora apro il PDF con la stessa avidità con cui da bambina scartavo un regalo a Natale. Mi sento presa da una smania assurda. Per nulla virtuale. Sento il silenzio delle pagine non lette mentre mi allontano dalle mie certezze. Voglio crederti. Ho bisogno di crederti.
Tu viaggi in mondi che io non conosco. Poi torni e scrivi reportage e articoli e sei una persona che mi insegna a non avere paura.


Io non so nulla di ciò di cui mi parli se non qualche brandello di verità percepita oltre fiumi d’ansia e retorica che ogni giorno i nostri telegiornali ci vomitano addosso.
Ma ora basta, è venuto il momento di iniziare. Leggo sul monitor un incipit bellissimo e ti penso. Anzi ti vedo:
Sei tu? Non lo so. Forse sono io stessa, quando bambina leggevo storie di guerra e sognavo di diventare Oriana Fallaci. Sorrido. Siamo due scritture e due vite che si intrecciano in una trama nuova, tutta da ri-scrivere:
Milano. Fine gennaio 2011. Sto camminando nella nebbia. Il rumore dei miei passi si confonde al tramestio anonimo dei passanti. Oltre il cristallo, osservo manichini smembrati e lattescenti. Tossisco. Quasi impercettibile, una raucedine sottile di polvere e catrame mi avvolge.
Mi fermo sotto casa tua e alzo lo sguardo. Dai soffitti opachi filtrano lampi irregolari di luce mentre una palinodia di ombre e intermittenze tambureggia alla radio.
Salgo le scale e busso alla tua porta. Trovo l’uscio scostato. Entro senza far rumore e appoggio la giacca su una bella cassapanca egiziana.
Ciao, ti ho portato due pasticcini. Ci sono novità?
Dopo un primo scambio di battute, Il ricordo della mia routine è già una terra sconosciuta.
Parliamo concitatamente mentre tu continui a controllare il sito dell’Ansa.
Sull’altra sponda del Mediterraneo, qualche bagliore supera le censure. Headlines. Cortine di fumo e abusi di potere. Di colpo, mi sento trasportata in un luogo buio di frontiera: nero e profondo, il mare ingoia l’ultima sincope di luce.
Ma la dignità non può essere abusiva, protesto.
Ti osservo da ore davanti al portatile, una tazza di tè allo zenzero tra le mani, non riesci a darti pace.
Trattengo il fiato. Il monitor sgranato oppone un diaframma di silenzio. Poi all’improvviso sui riflessi immobili dei nostri volti corrono dei caratteri che non so decifrare. Pulsano dentro i miei occhi. Tu li leggi sollevata e rispondi in inglese.
Please, keep in touch, my dear friend’. Click. Invio. Dopo pochi secondi, lo schermo si incendia in una Deflagrazione d’insonnia. E’ Karama ("Dignità, in Arabo). Emerge dalla rete come un avatar senza volto.
Sulla superficie del tuo tè ondeggia una patina bianca e opalescente. Ti guardo negli occhi e capisco. Hai deciso. Mentre frughi tra le tue scarpe da viaggio, percepisco un fruscio di terra sventrata.
Sono in attesa delle tue prossime e-mail. Di solito mi scrivi la mattina presto. Sbircio un tuo vecchio taccuino di viaggio.
25 gennaio 2011. Un magma di colori e forme esplode sul web. Vertigini. Mubarak dégage. Blackout. Tam tam. Like. Unlike. Click. Ti vedo stringere un velo di lacrime.
Come si scrive tutto questo ?
Mentre leggo la tua ultima e-mail, mi si gela il sangue. E’ già qualcosa per una che vive in un decubito di democrazia.
28 gennaio 2011. Blackout. Sul selciato di Piazza Tahrir, grovigli di corpi schiacciati dalla polizia a cammello. Un massacro. Hanno potuto opporre solo una debole intifada. Vedo centinaia di niqāb colorati e una folla inarrestabile. Scaglia immagini e parole sulla città. Murales, stencil, trompe l’oeil acrilici. Opere per loro natura destinate a scomparire. Opere per loro natura destinate a scomparire. Crittografie di una lunga preistoria. Forse il mistero si cela nell’evidenza.
Novembre 2011. Nove mesi di ribellione e resistenza. Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a ballare. Writers incappucciati e armati di stencil incrociano soldati in tuta mimetica e nei caffè si discute animatamente delle prossime elezioni. Aria di libertà.
Ma niente è per sempre . . .
Giugno 2012. Il Cairo brilla acrilico di sole. All’imbrunire, graffiti, bombolette e stencil sfidano l’occhio di Horus. Onniveggente e ‘normografo’ più che mai. Contro-rivoluzione. Il neo-eletto presidente Morsi digrigna i denti. E bave di graffiti colano lente dai muri. La calce incandescente è una furia iconoclasta. Ancora una volta. Ma come sempre, non appena cala il sipario, esce un fool e irridente annuncia: “Se non ci lasciano sognare, non li faremo dormire” (Keizer.)
Mi risveglio di soprassalto. Riavvio il computer e prego di vederti dall’altra parte del monitor.
You are connected. Tiro insieme a te un sospiro di sollievo. Quei graffiti e quegli slogan non potranno più essere cancellati. Ora rimbalzano come schegge su Twitter, Facebook, Skype e dentro le nostre coscienze
Yes, we all need more Karama”. Assistiamo insieme a una trasformazione alchemica: il lungo sonno dell’indignazione”, costato la vita a migliaia di egiziani, germoglia inarrestabile dai muri dimenticati della storia.
Sì, hai ragione. Ogni ribellione continua perché ci sarà sempre qualcuno armato di cuore e dignità.
Finalmente possiamo berci un altro tè. Ti ascolto. Mi ascolti. Ci rispecchiamo nelle nostre parole. Ora tocca a noi raccontare anche la nostra storia, possibilmente senza mentirci troppo.



Più che un semplice reportage, Urban Cairo è un viaggio nel cuore pulsante della Rivoluzione egiziana e nella Primavera araba. Attraverso una documentazione attenta e originale, l’autrice apre squarci urlanti sull’arte urbana nata dalla rabbia e dalla disperazione dei giovani street artists cairoti, riuscendo a trasmettere emozioni forti e indimenticabili. Una narrazione densa di pathos e verità che spiega meglio di mille dissertazioni accademiche il potere dirompente e iconoclasta dell’arte. Da vivere.
Dall’ebook è consultabile liberamente una mappa interattiva dei graffiti più significativi, molti dei quali sono stati rimossi o sono svaniti perché la street art è per antonomasia un’arte effimera.
Elisa Pierandrei è una giornalista e blogger (Urban Cairo Linkiesta.it.htm) specializzata in arte e mondo arabo. Ha viaggiato a lungo in Medio Oriente e durante tutto l’arco del 2011 ha inseguito la caduta dei regimi arabi in Egitto, Tunisia e Libia. Scrive di cultura araba contemporanea per diverse testate nazionali, tra cui Il Venerdì, D di Repubblica, Ventiquattro e Wired. 
Elisa è anche una grande amica della Maestra e ha citato Tutta colpa della Maestra come esempio di Blog creativo all’interno di un suo seminario su “Web e Blog Writing all’Università Ca’ Foscari (http://www.unive.it/nqcontent.cfm?a_id=152832)
Grazie a lei, il prossimo ottobre si esibiranno alcuni tra i più importanti writers egiziani del momento all’interno dello Yalla Shebab Film Festival , giunto alla terza edizione.
5 ottobre lo street artist del Cairo NAZEER realizzerà una opera murale alle Manifatture Knos di Lecce, mentre dal 20 al 29 ottobre la street artist di Alessandria d'Egitto Aya Tarek e lo street artist del Cairo El Teneen saranno a Pistoia e Firenze per una opera murale e un workshop con artisti locali. L'evento è a cura di PoieinLab.

Bea Ari



33 commenti:

  1. appartiene al giornalismo la cronaca dei fatti, appartiene alla narrativa la capacità di rendere la temperatura di eventi, di rivolte e in questo brano si sente tutta l'ansia di un momento di grande dramma.
    grazie Bea per questo contributo prezioso!
    gd

    RispondiElimina
  2. trovo questo pezzo, oltre che ben scritto, un ottimo esempio di "giornalismo" laddove chi racconta, non solo mostra i fatti ma il "peso" che questi fatti riverberano...brava bea!
    Meis

    RispondiElimina
  3. Secondo me la vera protagonista del pezzo è Elisa.
    Piccolo neo, alla prima riga parli di "grammatura" e io ho pensato a un libro stampato su carta. Meglio forse "tessitura". Ciao Bea. (emoticon pignoletto)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. passare dal grammatura al parlare di ebook mi ha fatto l'effetto di bere un té dove ho versato il sale per sbaglio al posto dello zucchero. Sarà mica un libro un ebook...

      Elimina
    3. Grammatura è voluto perché come spiegavo a Raimoticon pur essendo un ebook, mi ha riportata ai tempi in cui leggevo Oriana Fallaci la sensazione che conservo è la stessa. Lo stile è volutamente giornalistico e SINCOPATO come una sequenza di avvenimenti in stile Ans(i)a continua...Poi sai che noi scrivere sempre nello stesso modo?
      :-)

      Bea

      Elimina
    4. @Raimondo: Caro ho visto ora che non sono riuscita a postare la risposta.
      Tu e Mauro avete colto giustamente la collocazione 'impropria' del termine grammatura. Ma è voluto. Infatti nel primo paragrafo l'esperienza che descrivo è quella vissuta in tempi passati,con libri cartacei...che però anche in presenza di ebook, riemerge immancabilmente ,come la Madelaine di Proust. E questo parallelo è anche centrale per capire il mio passaggio dalla lettura virtuale delle storie vere narrate nell'ebook alla narrazione di un'altra storia non meno reale, anche se forse inventata. In ultima analisi, quello che volevo far passare è che la potenza dell'arte urbana cancellata dal potere può e deve rimanere potente e viva anche attraverso media elettronici come facebook e twitter...Non so se può essere plausibile come scelta.
      Ci ho provato e mi scuso se alle vostre orecchie suonava stridente :-)

      Bea

      Elimina
    5. varda, per stavolta ti perdoniamo!
      Ma quindi l'intero pezzo è tuo? In principio l'avevo pensato, poi credevo che avessi scritto solo la parte finale

      Elimina
    6. Ma ci mancherebbe che chiedi pure scusa, la mia è deformazione mentale da grafico. Hai il mio apprezzamento su tutta la linea e di nuovo brava. (emoticon pignolo ravveduto)

      Elimina
    7. Mauro! Adesso esco col mattarello e te meno! Ma scusa, secondo te, una come me può avere una ghostwriter? Una che è riuscita a spedire ai suoi alunni delle foto private invece dei file audio delle lezioni? No, diciamo che sono io la mia ghostwriter. A volte, scrivo a mia insaputa! :-)

      Bea

      Elimina
    8. Ara, che roba è una ghostwriter? Melinda Gordon?

      Elimina
    9. @Raimoticon: In realtà mi piacciono le critiche e il dibattito libero...Troppo bello essere di nuovo in classe!

      Elimina
    10. @melon: Casomai Mike McAra! Anche se la mela Melinda me la mangerei più volentieri!

      Elimina
    11. @Mauro: Ma perché se posto i commenti con il mio account Google mi compare il segno di divieto invece della foto? L'ultimo delle 00:02 sei riuscito a leggerlo?

      Elimina
    12. Lo vedo adesso; circa la foto non saprei dirti.

      Elimina
  4. grilletto salterino28 settembre 2013 11:43

    ma com'è bella questa cosa... brava Bea

    RispondiElimina
  5. Ara, all'inizio avevo creduto che il brano del libro fosse tuo, e che ti fossi inserita nell'onda della scrittura moderna con le frasette da telegrafo. Piri piri. punto. Piri piri pippi. punto. pio. punto. etc...

    'n me fa' de sti scherzi... c'ho un'età...

    RispondiElimina
  6. Trovo questo brano molto particolare in stile e alta narrativa: l'importanza dei ricordi che costruiscono la storia.
    Brava Bea!

    Nina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nina, sei troppo gentile.
      A volte la ragione e la storia devono naufragare nel mare dell'oblio affinché si possa capire chi siamo veramente.
      Bea

      Elimina
    2. Grazie Nina, sei troppo gentile.
      A volte la ragione e la storia devono naufragare nel mare dell'oblio affinché si possa capire chi siamo veramente.
      Bea

      Elimina
  7. Bellissimo, come mai, ho preso il cuore tra le mani e sono corsa verso la rivoluzione della primavera araba...
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cla. Ogni lettura è davvero un viaggio.ogni viaggio però non sempre riesce a trovare le parole giuste. Elisa ci è riuscita e io ho cercato di renderle omaggio.

      Elimina
  8. Ho sentito il profumo del Cairo, ho sentito il dolore delle persone che vivono in Egitto questo momento. Mi ha riportato alle emozioni e le sensazioni vissute a marzo. Avevamo una guida egiziana, una donna che ci ha parlato del difficile momento egiziano. Ci ha portato in Piazza Tahir abbiamo visto i murales sul muro del campo sportivo. E' un popolo verso un nuovo cammino...difficile e doloroso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cinzia. Il reportage di Elisa è davvero bello e potente. Mi ha trasmesso delle sensazioni forti e antiche che ho cercato di lasciar emergere.Spero di esserci riuscita.

      Elimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Il titolo è azzeccatissimo, Bea: oblio. E' proprio la sensazione di oblio che si sente leggendo questo pezzo forte.
    Complimentazioni!
    Federico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Grazie Fede, infatti è il tema centrale. L'arte urbana è per se stessa effimera e come i ricordi e le letture a volte scompare dalla nostra memoria. Ma è un oblio destinato solo a germinare nuove forme...Ho cercato di rendere quel farsi e disfarsi di tracce e di indizi che ogni lettura del passato e del presente ci porta fatalmente a inseguire e anche la sensazione di riuscire sopravvivere solo creando dalle macerie. A volte si riesce a comprendere il senso di una vita o di un libro,solo scordandoci chi crediamo di essere o quello che sappiamo A volte sprazzi di vite vissute o immaginate piombano nel nostro quotidiano come lampi nel buio. Ogni volta che scrivo o leggo mi sembra di imbarcarmi in un viaggio verso terre sconosciute ...e ogni volta mi meraviglio dell'approdo. W le Maestre che ci stimolano a scrivere!

      Elimina
  11. finalmente riesco a dedicarmi un po' alla lettura "buona", bellissimo Bea, grazie
    llg

    RispondiElimina