mercoledì 24 aprile 2013

Tema: Ruzzle me.

Svolgimento


All’inizio facevo 120 punti al primo turno, 200 al secondo e 600 al terzo.
Perdevo con chiunque. Non vedevo proprio le parole.
Poi ho cominciato a beccare al volo Arso Arsi Orsi Orso Rode Resa Era Ero.
Sono passato a 250-350-800.
Mi sono concentrato sulle lettere con il raddoppio e il triplico.
Sempre che triplico si possa dire. Dirò. Dirai. Direte.
Ho scoperto Ara-Ari-Arai-Arati-Arata, un mucchio di punti facili.
Cercando di evitare che il ditone trascinasse dentro altre lettere facendomi perdere tempo.
Ho cominciato a vincere un po’ di partite, e cercato avversari più forti.
A un certo punto ho visto le doppie. Le doppie sono un filone d’oro.
Ressa-Rossa-Rosso-Osso-Fosso. Via così.
400-650-1200.
E ultimo, i participi presenti. Ceranti-Oranti. Roba così, che nessuno usa mai parlando.
Alla fine ho comprato la versione a pagamento, per vedere che paroleinfilano nel quadrato.
Leporine. Pirroli. Liriope. Ciriole.
Ma cos’ è? Dove le hanno prese?

Ora sono a 500-800-1400.
Solo un paio di persone mi battono sempre. Più veloci. Più sgamate.
Donne. Hanno il dito più selettivo. La mente più libera.
Ma non era vincere che mi interessava.
Volevo poter guardare il maledetto iphone.
Senza che il cuore mi schizzasse in gola e le gambe si piegassero.
Mattino sera notte. Notti. Noto. Nota. Notai.
Perché quello che speravo non c’era mai.
Né sul quadratino verde degli sms, né sulla mail azzurra, né sull’azzurro di fb.
L’assenza che mi stava uccidendo.
Il quadratino arancio di Ruzzle mi ha salvato la vita.
Vite. Viti. Eviti. Evita. Evira. Elica.
Elena. 

Gilberto Gattico



25 commenti:

  1. Gilberto, questo post è fantastico, l'accumulo di parole crea una tensione per tutto il post che non puoi fare a meno di percepire, c'è un flusso di pensieri che scorre e che rende bene l'idea della compulsività con cui si gioca a Ruzzle. All'inizio sembri più nevrotico, poi è come se prendessi coscienza della situazione compulsiva.

    L'unica cosa che avrei evitato è la svolta "poetica" con la rima, per il resto è perfetto.

    Benvenuto (o dovrei dire: bene, venuto, tonne, veto, tuo, venne, tenue, vuote, nuove, neve)

    Ciao!

    RispondiElimina
  2. Ruzzle, ho visto ragazzi che non fanno altro per delle ore, con una tale velocità da farmi sentire un troglodita. Poi ho pensato che per alcuni di loro è anche uno degli unici modi per arricchire il proprio vocabolario personale. Questo pezzo è molto ben scritto, Gilberto, mi è piaciuto assai e spero di rileggerti presto. (emoticon compulsivo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero è, Meis ha imparato a parlare grazie a Zuffle... ha arricchito il suo vocabolario di un centinaio di parole (adesso è a 103, eheh!)

      Elimina
    2. Grazie ma Gg e' gia' scomparso. La sua opera omnia e' questo racconto. :-) Gg

      Elimina
  3. mignazza,che pezzo! (mignazza su Ruzzle c'è?)
    GD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Controllato, non c'e.

      Elimina
  4. Sì, benvenuto a costui! Il mio giudizio? Ma quale giudizio! Solo una parola FA-VO-LO-SO. A me è piaciuta anche la rima, quasi il "sentimento della speranza" che aleggia sopra la follia. C'è ritmo, c'è idea, c'è storia. Dietro tutte queste parole c'è un Autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ellamadonna! Grazie grazie. Ma questo e' un caso in cui c'e la storia, e l'autore passa di li per caso e la racconta. Gg

      Elimina
  5. Non gioco a RUZZLE perche' non posseggo uno smartphone ma solo un quadernetto di carta per gli appunti, ma mentre ti leggevo ho rivisto molti miei amici!
    ssiiii

    Fantastico questo pezzo RUZZLELIANO!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wood, ma gioca tramite facebook!
      Dai dai dai che io e Meis ti sfidiamo a ZUFFLE!

      Elimina
    2. Anna sono ansioso di ruzzlarti. Gg

      Elimina
    3. Idem, niente smarphone. Di smart basto io :))))

      Elimina
  6. Bellissimo post, davvero. Rapido, essenziale e con finale bomba.
    Approvatissimo
    manubirba

    RispondiElimina
  7. Gilberto è un mio carissimo amico che sta vivendo un momento magico ;) e ha voluto dividerlo con noi! Grazie, tesoro!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quale magico. Sono a pezzi. E ho ricominciato a perdere con tutti. Gg

      Elimina
  8. UNA ELENA
    Forte, profondissimo, acuto, incalzante. Proprio un bel racconto.
    Bravo Gilberto, hai trovato una chiave di lettura unica e quanto mai spiritosa per un disagio che forse tutte noi abbiamo vissuto…e mai affrontato così.
    Stupefacente. Come sei tu.
    Ma questa Elena, l'hai poi ritrovata?

    RispondiElimina
  9. No. Mancano ancora diverse lettere per comporre il nome intero. Gg

    RispondiElimina
  10. Stiamo assistendo alla nascita di un amore. Gilberto mi ha già detto che inviterà tutta la classe alle nozze e la maestra sarà la sua testimone...

    RispondiElimina
  11. Il mio obiettivo non e' il matrimonio, era il racconto. ;-) Gg

    RispondiElimina
  12. Gli uomini, che mascalzoni... ;)

    RispondiElimina
  13. Soprattutto senza calzoni.

    RispondiElimina
  14. :-P attento furbetto...

    RispondiElimina
  15. Ruzzle me, and let'see.
    Gg

    RispondiElimina