sabato 26 ottobre 2013

Sez. Le torte di Ninà - Tema: La torta di mele

Sez. Dagli Archivi della Maestra
Svolgimento


Domani viene mammina da noi, non mi ha chiesto altro, mi ha detto Giacomo, chiedi a Paola di farmi la sua deliziosa torta di mele.
Torta di mele, quella deliziosa.
Paola non fa eccezione al luogo comune che vuole nuore e suocere odiarsi cordialmente, spot della candeggina incluso, spot della carne simmenthal idem. E se Paola sbuffa quando Giacomino annuncia la visita, la suocera, la signora Maria (così la chiama Paola) prima va dal parrucchiere, si acconcia con odiosissime onde azzurrognole, prende la camicia bianca di merletto e si profuma con mezza bottiglia di Air du Temps, di Nina Ricci, un profumo antichissimo, da cavernicola – dice Paola storcendo il naso.. non lo sopporta, tant’è che la suocera entra in casa e Paola apre finestre per far circolare aria.  La signora Maria già sa che Paola la farà crepare di freddo e allora indossa la maglia di lana sotto la camicia e previene la botta di freddo con una tachipirina. 
Diamoci alla cucina, Paola deve preparare la torta di mele, la torta per la signora Maria. Solo per lei. Deve essere deliziosa.


Paola prende la farina, la pesa (quattrocento grammi) e la butta per terra, la sparge con i piedi, poi la raccoglie con scopa e paletta e la ripone a fontanella in una terrina.
Adesso è il turno delle uova: le apre in una ciotola, chiama il gatto dei vicini e ne fa leccare un po’ – è goloso per le uova, questo gatto non sa resistere!
Lo zucchero è già pronto: lo aveva messo in balcone prima, adesso è sicuramente pieno di  formiche:  dopo la cottura si confondono con le noci che Paola frantuma e con la cannella macinata non troppo a velo. Il burro lo compra scadente, il peggiore (chissà come lo fanno, si chiede Paola), per sì e per no Paola lo mette su un piatto di plastica, scende giù per strada: c’è il cane adottato dal vicinato, un vecchio spinone probabilmente allergico alle pulci, ha qualche piaga che si ostina a leccare: lo spinone leccherà il burro a mo’ di benedizione. 
Tutti gli ingredienti sono pronti: se le mele di Biancaneve fossero in commercio, Paola ne comprerebbe un chilo, ma si sa, certe bontà esistono solo nelle fiabe; si fa di necessità virtù, pensa Paola mentre, in cucina, si diverte a giocare a calcio con le mele.
La torta è pronta, Paola con il vestito che la signora Maria le ha regalato, è orribile, una cosa fuori moda che chissà in quale svendita lo avrà comprato, un’orribile fantasia di rose rosse grandi quanto un girasole, circondate da foglie gialle su sfondo verde petrolio. E con qualche farfalla.

La signora Maria è arrivata, Paola ha aperto le finestre,  la signora Maria ringrazia per il dolce, ne sente il profumo, Paola pensa che a profumare è l’altra torta, quella buona che lei ha fatto per sé, intanto la signora Maria accetta di bere un tè,  Paola  versa il tè e agevola una bella fetta di torta di mele alla cara suocera, la signora Maria avvicina alla bocca un pezzetto di torta e mentre lo gusta pensa a quel bel vestitino che Paola indossa, l’aveva dimenticato a casa sua Dolores, la colf peruviana che sparì all’improvviso, forse morta… soffriva di eczema o forse era psoriasi o chissà quale altra dermatite: a Paola quell’abito dona proprio, dona davvero, neanche a Dolores stava così bene, pensa la signora Maria.

Giorgio D' Amato

21 commenti:

  1. Si può avere la versione vegana di questa torta? Che ne so, magari senza la leccata del cane (che lascia tante di quelle proteine animali con la saliva!)...

    RispondiElimina
  2. Che Invidia ! Vorrei averla scritta io questa ricetta :) ahahahahha!

    Fili sei un mito ! , Non mi piace solo questo " previene la botta di freddo con una tachipirina preventiva" previene e preventiva non mi suonano.

    Adoro l'Air du Temps.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai raggione, sono stato un po' veloce..
      gd

      Elimina
    2. FIliiiii , non hai incontrato il favore delle mie amiche a cui l'ho inviato via mail ...troppo cinico sarcastico cattivo :) ahahahha
      A me piace per questo!!

      Elimina
    3. davvero? argh..... lo so, sono molto cattive queste due ma io le torte per il vegano giovane le cucinavo così prima di diventare vegano pure io..ahaahhaaha
      gd

      Elimina
  3. Grilletto Salterino4 ottobre 2012 11:41

    Air DU temps (sono sufficientemente arcaica da saperlo - orripilante, confermo)
    Fiaba quella di Biancaneve(non favola)
    Certo che sei perfido GD, gran bella accoppiata queste due perfette gentildonne.
    Non vorrei essere nei panni di Giacomino quando fa inc...... la moglie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grill, sei magnifica, vado a cambiare favola (Esopo) in fiaba!!!

      Air du temps: puzzolentissimo, lo mettono un paio di persone anziane che conosco.. bleah
      GD

      Elimina
  4. Grande GD, questo post ti è venuto proprio ma proprio bene: rapido, bel ritmo, finale fulminante. Mi stai diventando un po' holdeniano???
    Manubirba :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci credi che c'avevo pensato anche io ma non avevo osato tanto? :

      Elimina
    2. ahahaah, grazie Manu... holdeniano? argggghhhhhhhhhhhhhhh
      (vado ad innaffiarmi di Bufalino!)
      gd

      Elimina
  5. mi piaceeeeeeee...ho la suocera a casa da dieci giorni e non schioda per adesso... quasi quasi faccio una bella torta di mele

    RispondiElimina
  6. Mi piace tanto, io però al posto del latte, nella torta c'avrei messo il latticello, eheh.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Latticello

    SID

    RispondiElimina
  7. la parola latticello mi piace tanto... premesso che a me fa schifo il latte, ho seguito il tuo link, stavo vomitando.. Siddiolo, io ti scanno!
    gd

    RispondiElimina
  8. Questa torta di fiele è favolosa, quasi quasi ne preparo una anch'io, tranne il cane ho già tutti gli ingredienti. Bravo!

    RispondiElimina
  9. ma sono deliziose questa torta e questa stronzaggine tutta femminile che me l'avevi proprio fatta, caro GD!
    OK terrò a mente, non ci vuole poi molto perché anch'io diventi suocera (Davide è precoce, si sa!)... Intanto vado subito a buttare quel vestitino che mi hanno regalato (ecco cos'era il prurito...)

    pat

    RispondiElimina
  10. Ce vo proprio n'animo perverso per scrivere ste cose!
    GD ma tu chi sei veramente?
    L.I.

    RispondiElimina
  11. Oddioddioddio ... ora che ce penso, proprio ieri sera abbiamo mangiato torta alle mele ... e tu c'hai 'nsacco de cani ... Oddioddioddio ... Ce vo' proprio n'nimo perverso ...
    L.I.

    RispondiElimina
  12. Giorgio, dopo tanto tempo questa torta di Ninà ci voleva proprio, finalmente una sana e colesterolica torta non vegana che solo a vederla fa venire l'acquolina in bocca, e la dermatite fulminante, e la cacarella galoppante. (emoticon delizioso)

    RispondiElimina
  13. Bravo GD! Certo che si sono scelte proprio bene suocera e nuora. L'una ancor meglio che l'altra. AhAhAh!! Mi piace quel che dici delle mele: "certe bontà si trovano solo nelle fiabe". Pezzo divertente e (secondo me) molto realistico.
    Ho letto da qualche parte che Marina Ripa di Meana su divertiva ad offrire ai suoi ospiti cibi scaduti!

    RispondiElimina
  14. Fine, la Signora Ripa di Meana ...
    L.I.

    RispondiElimina
  15. grazie a tutti, questa torta suscita sempre disgusto, funziona ancora!!!
    GD

    RispondiElimina