giovedì 17 gennaio 2013

Tema: Foto

Svolgimento


Le foto sono lì, buttate sul tavolo. Le immagini s’impastano con i ricordi e le sensazioni. Rivedo volti quasi dimenticati, non trovo volti indimenticabili. Mi affanno. Cerco di ricostruire, con quelle foto, la mia vita, il percorso degli anni belli, quelli della giovinezza.
Gli amici, i partenti, i figli, dove sono finiti tutti quanti!?
Mi sento in balia di un incubo fatto di carta e di niente. Qualcosa di cui avere paura e dal quale non volersi difendere. Bacio le foto dei miei bambini, ma non riesco a dire i loro nomi a voce alta. Provo, riprovo, ma le labbra rimangono tonde e vuote. Le melodie delle canzoni che cantavamo sotto l’albero a Natale hanno note strampalate. Dentro la mia testa sembrano, perlopiù, grugniti di animali pronti ad azzannare. Rovisto tra quelle immagini così come un povero rovista tra i rifiuti, cercando un altro giorno di sopravvivenza. Lui si accontenta.
Anch’io.
Di tanto in tanto un sorriso sale su dal cuore con un calore dolce che sento sulle gote. Poi, aggrottate le sopracciglia, spio gli occhi freddi di un uomo senza anima. Indossa una casacca bianca, sembra quella di un barbiere. Quello sguardo! Devo averlo visto troppe volte, anche se la sua faccia mi rimane sconosciuta. Lo osservo intimidita. Mi sento come una bambina che sarà punita per la sua monelleria. Io non ascolto, io solo urlo, piango, oppure taccio.
Dentro un bicchiere, l’uomo, mi versa gocce amarissime, sorride senza dolcezza e mi porta il bicchiere alla bocca.
Sempre la stessa storia. Qualcuno mi punirà oggi, domani, sempre! Così come qualcuno mi ha già punito ieri.
I bambini sono cattivi per questo vanno puniti. Io forse sono rimasta bambina e per questo mi puniscono.
Se ne sono andati tutti quanti, mi hanno lasciata sola.
Lo sanno che io piango quando sono da sola, ma se non sono sola, allora piange chi è con me. Così mi puniscono.
Io rimango sola e piango.
Strappo tutte le foto… domani me ne porteranno altre!

Notizia di molti anni prima: Rogo la notte di Natale. In un appartamento del centro storico muoiono due bambini. La madre salva per miracolo.
Rimane poco chiara la dinamica dell’incidente.

Adelaide J. Pellitteri

16 commenti:

  1. Penso che l'argomento foto sia uno dei più calpestati, strapazzati e banalizzati quando si vuole parlare di momenti passati, di rievocazione di sentimento, di storie d'aMMore andate a male. C'è bisogno veramente di inventiva per riuscire a tirare fuori una storia decente da una situazione in cui ci sono foto che prendono tutta la scena, e tu ci sei riuscita benissimo! La partenza mi è sembrata un po' stentata ed è facile pensare "argh! un'altra storia di foto!", invece, andando avanti, il finale arriva come un colpo in testa. Brava Jole!

    E poi, NUOVA ALUNNA!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con FO!
      Brava Jole e benvenuta! :)

      Elimina
  2. Un benvenuto per la nuova alunna Jole, la quale è riuscita a costruire un'atmosfera talmente opprimente, che il finale mi è sembrato meno tragico, quasi liberatorio.
    I "partenti" mi sembra un buon esempio di lapsus letterario. (emoticon angoscia) RQ

    RispondiElimina
  3. Una corsa tra le parole e l'angoscia, dove dopo aver superato tutti gli ostacoli di un argomento cosi' difficile da descrivere arrivi al traguardo vincente con il fiatome

    Brava e benvenuta Jole ( il tuo nome mi piace tanto!)

    RispondiElimina
  4. benvenuta a Jole e al suo pezzo; Jole non è di primo pelo, ci stupirà con altre belle cose!
    GD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GD " Primo pelo"?? ma come ti esprimi!! La nuova sezione aperta dalla Maestra t'ha un attimo destabilizzato???

      Elimina
  5. Waiting for fetish...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdona la mia ignoranza
      In attesa di...? Forse volevi dire che rimandi il tuo giuduzio al prossimo post?
      grazie comunque per avermi letto.

      Elimina
  6. Questo post è molto bello e molto triste, merita di essre commentato.
    Adelaide è una nuova "alunna" non volete darLe il benvenuto come si deve?

    RispondiElimina
  7. Molto bello, con finale a sorpresa.
    Brava e. . Benvenuta!
    Sabri

    RispondiElimina
  8. benvenuta anche da parte mia Adelaide e a ri-leggerti presto!
    Meis

    RispondiElimina
  9. Carissimi Tutti,sono sbalordita per la vostra accoglienza e per i vostri positivi giudizi. Sappiate che non avevo ancora ricevuto la conferma definitiva circa la pubblicazione del mio primo post e stavo solo cliccando il mio nome su google quando ...all'improvviso trovo Voi e me. E' stato come trovarsi in una sorta di abbraccio inaspettato. Meraviglioso! Grazieeee da Jole (come piaceva alla mamma) o Adelaide (come piace a papà).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Jole ( a me piace di piu') , se la conferma doveva arrivarti da Palermo, allora capisco e comprendo che non ti sia mai arrivata. Del resto noi del Nord e Centro è solo 1 mese che aspettiamo i video del reading dell'apocalisse :)

      ahahahahha!!

      Elimina
    2. Ahahaha, hai ragione Jole (anche io lo preferisco e poi non abbiamo ancora una J nella lavagna). Colpa mia!
      Però questo è un buon motivo per essere sempre aggiornati sui post pubblicati dalla Maestra, no? ahahaha
      alla prossima!

      Elimina
  10. Ok, allora vada per Jole. p.s FO sta per Federico Orlando?
    Alla prossima e ben trovati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma spesso sono in incognito quindi chiamami FO!
      ahahaha
      ciao!

      Elimina