venerdì 10 gennaio 2014

Tema: Mush Mellows

Svolgimento

La maestra ci ha chiesto di raccontare la nostra famiglia usando solo immagini. Le parole, ha detto in quel suo modo ogni tanto esaltato, arriveranno dopo, se arriveranno, ha aggiunto dopo una lunga pausa (almeno a me è sembrata molto lunga).
Ha tirato fuori dal suo cassetto segreto della cattedra pennelli, pastelli, striscioline di carta colorata, forbici tante di quelle con la punta arrotondata, matite su matite. Infine ha distribuito gli album da disegno fatti a Fabriano perché ognuno di noi bambini dovevamo rappresentare l'idea della famiglia, più che le persone fisiche. Sbizzarritevi anzi imbizzarritevi, nitrite forte, fatemi sentire il vostro creare. La maestra sembra proprio matta in quei momenti, ma è così divertente. Ha continuato parlando di un pittore olandese che era arrivato alla suprema forma della rappresentazione attraverso pochi colori fondamentali, distribuiti sulla tela in modo geometrico. Poi di un altro pittore spagnolo ma che stava sempre a Parigi e che disse una frase famosa che adesso è famosa anche per noi e la usiamo sempre quando giochiamo a nascondino invece di dire "tana" diciamo "io non cerco ma trovo".
Infine ci ha detto di un metodo per fare poesie, che facevano degli esuli in Svizzera, ritagliando giornali per ricomporre poi le frasi dopo averle estratte da un cappello. Ho chiesto alla maestra se il cappello dev'essere un cilindro, perché a me sembra proprio magico poter diventare tutti poeti così facilmente.
Per ultimo ha detto "datevi da fare, bambini e soprattutto divertitevi". Tutti ci eravamo portati da casa delle foto familiari per farne dei collage o della composizioni. 
A me son venuti fuori un sacco di mush mellows. 



PS
A me piace nascondere perché solo nel nascondimento avviene la rivelazione. Anche questo ci ha detto la maestra, prima l'ha detto in tedesco che leggeva da un libro antico (sarà anche moderno ma a me i libri grossi pieni di pensieri mi sembrano tutti antichi) poi ci ha tradotto quella cosa del nascondere che molto mi ha colpito l'immaginazione.

Antonio Prenna












7 commenti:

  1. giorgio d'amato10 gennaio 2014 09:06

    questo mix di immagini e parole è troppo ma troppo forte, la tua rielaboraz delle foto è enorme e diventano tutt'uno con il brano che diventa incipit.
    azz, Prenna sei grande!

    RispondiElimina
  2. il titolo è della maestra pop, è stata un'illuminazione anche se io manco so che è un mushmellow, mai mangiati

    RispondiElimina
  3. Prenna questo post mi piace un monte perchè fa pensare con la testa dei bambini e con quella dei grandi che sono rimasti bambini, che poi sono sempre stati i più grandi di tutti. La tua bravura nell'elaborazione grafica non si discute ma di tutti i temi che hai fatto questo è il più riuscito anche dal punto di vista stilistico. Da leggere e rileggere. Bravo.

    RispondiElimina
  4. Eccelso nello stile nella forma nel concetto nella semplicita nella comunicazione nell'idea. Altro? Jole

    RispondiElimina
  5. Antonio...sono commossa! Giuro che se verrai a Torino per il Salone del libro 2014 te ne regalo una borsata di Mush Mellows! E poi come Snoopy ( per il bracchetto sono le #Toffette) li facciamo abbrustolire sul fuoco che accendiamo sotto la lettera M ( di Maestra) del corridoio centrale del Salone !! sisisisi

    Questo tema è speciale, colorato e gustoso ! Mi piace tanto perche' io mi sento colorata dentro, ma è difficile da speigare!

    La Maestra #POP

    RispondiElimina
  6. un bel regalo alla maestra :) i disegni poi sono un gran bel valore aggiunto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io vorrei quello della zia!! Prenna citandoti posso pubblicarlo su FB?

      Elimina