lunedì 31 ottobre 2011

Tema: l'undicesimo comandamento

Non è difficile capire cosa osservi la gente negli altri, quale sia l'obiettivo principale della ricerca minuziosa: lo scandalo anche dove lo scandalo non c'è, la notizia anche dove la notizia non c’è!
Perchè alla gente piace tenersi informata, e se poi l’informazione ricevuta sia vera o falsa, poco importa, se viene raccontata, qualcosa di vero ci sarà!
E se la notizia non c’è? Beh, si può sempre inventare.
Ad inventare la gente è brava, pare fatta apposta: dal nulla tira fuori una creatività priva di limiti, capace di abbracciare storie improbabili, tendenze sessuali, perversioni e chi più ne ha più ne metta!
La gente è così, non ama mostrarsi, preferisce guardare dal buco della serratura, e quello che non riesce a vedere non importa, lo immagina!
L'immaginazione ci mette poco a trasformarsi in voce, la voce ci mette ancora meno a trasformarsi in notizia, e la notizia si sa, arriva ovunque.
Perché lo fa? Perché la vita è infarcita di cose noiose e allora, rivelando grande estro, trasforma le noiosità in rivelazioni interessanti e apprezzate.

Due persone parlano davanti ad un caffè? NOIOSO! Quei due se la fanno sottobanco, lui ha la fede al dito, guarda bene!
Due amici vanno a correre insieme? NOIOSO! Quei due sono una coppia gay, guarda come saltella quello di destra!
Un ragazzo è timido? NOIOSO! Quel ragazzo mi pare troppo riservato, ha lo sguardo glaciale, starà meditando chi uccidere oggi!

E così la gente trascorre ore e ore a guardare, osserva comportamenti, travisa apparenze, si diverte e, soprattutto, sa cosa è giusto e cosa è sbagliato. E magari intanto ti sorride, ti scruta - e perché no? - cerca nel tuo comportamento qualche elemento che possa avvalorare la maldicenza diffusa.

Gli occhi di queste persone si riconoscono subito, non stanno mai fermi. E sono occhi che ti squadrano, che ti interrogano ma che non aspettano risposte, loro le risposte le hanno già e non importa se corrispondono alla realtà o sono solo oggetto di fantasie. Sono sguardi altezzosi, viscidi, diretti. Sono gli occhi di chi non è soddisfatto della propria vita e che cerca di riscattarsi guardando, e criticando, la vita degli altri.

La gente è così, non le piace il mondo come va e ne sogna un altro, non migliore ma più piccante.


FO

19 commenti:

  1. come è vero! :) ma ciò induce solo a credere che la gente ha una vita talmente noiosa e vuota che preferisce attribuire agli altri una "deviazione" o chissà quale "trasgressione" piuttosto che fare i conti con il nulla che alberga in loro...ma tanto vale essere considerati dei piccanti peperoncini che dell'inutile e scialbo sedano no? :)
    GM

    RispondiElimina
  2. Bello questo articolo! Ti do pienamente ragione... la gente è REPRESSA e per sfogare la sua repressione scruta, giudica, inventa storie assurde, critica...
    Aggiungo anche che agisce così per sentirsi migliore degli altri (è troppo penoso ammettere che no... non sei migliore degli altri, cercando di essere conforme ad astratti valori mediatici, tradizionalisti o cattolici!). La vedo più come una forma di autodifesa che di attacco, insomma...
    l'importante è tenersi lontani da questa ottica banale, superficiale, inutile, e svincolarsi dai pareri altrui: "Dite tutte pure le malvagità che volete sul mio conto, la vostra può sembrare una vittoria, ma in sé è una perdita!".

    RispondiElimina
  3. VERO, MA CHE BRAVA STA MAESTRA.... MI PIACCIONO I SUOI TEMI ...... PER ESSERE BRAVA E` BRAVA ..... MA PERCHE LO FA? AHAHAHHAHA G.M.

    RispondiElimina
  4. Giudicare di per se è sbagliato, inventare diavolerie sulla vita degli altri è ingiusto, raccontare queste diavolerie è malefico! Eppure moltissime "anime pie" lo fanno...a loro è dedicato questo post! Buon appetito!

    RispondiElimina
  5. Un premier che frequenta donnine allegre? NOIOSO! Il solito vecchietto in vena di dare consigli di politica economica!

    RispondiElimina
  6. Porca puzzola!! Io non ho una vita vuota e nemmeno mi sento una persona banale, faccio cose vedo gente, ma mi piace tanto tanto spettegolare e costruire storie malefiche :)
    Nella mia prima vita sono sicuramente stata la portinaia delle Twin Towers...

    RispondiElimina
  7. ahahhahahaahaha, ma spettegolare in buona fede è una cosa bellissima!!! io ci sono cresciuto tra chiacchere di vicine e soap operas brasiliane!
    W topazio!
    GD

    RispondiElimina
  8. Dodicesimo comandamento : parlane bene parlane male l'importante è che se ne parli . Io creo queste situazioni e poi mi allontano il giusto per osservare le reazioni che ho innescato , che meraviglia ............

    RispondiElimina
  9. io sono uno di quelle che si inventa le storie sugli altri. a volte anche su di me. la trovo una cosa bellissima. poi magari ci ricavo monologhi o dialoghi da utilizzare per i miei lavori. che gente noiosa la gente che vede solo ciò che vede!

    RispondiElimina
  10. perry mi pare, si perry3 novembre 2011 13:28

    ho percepito solo, magari mi sbaglio, un risvolto negativo a questo atteggiamento, ma secondo me anche questo chiaro/scuro , (più scuro che chiaro)presente nella maggioranza delle persone, anzi esagero e dico in tutte, fa parte, a mio avviso, di quella componente per cui luomo riesce in ogni situazione dalla più soft alla più drammatica a tirar fuori il meglio per se,e non di se intendiamoci.Concludendo, questo aspetto di noi va ad aggiungersi agli innumerevoli escamotage (incredibile si scrive come si legge) che il nostro istinto di soppravivenza ci induce a fare per sopravvivere.
    magari esagero

    RispondiElimina
  11. Mi dispiace per i non-siciliani ma:

    "Chi ci aviti di taliari, ‘un aviti autru a cui pinsari
    almeno un pocu di chiffari
    “Itavinni a travagghiari” vannia ‘n vecchiu indispettitu,
    “avemu u picciu arreri o vitru”.
    Jù ci dicu “m’ha scusari, chista è la me casa e staju unni mi pare."

    Carmen Consoli " A' finestra"

    RispondiElimina
  12. no infatti, dico anche io...

    RispondiElimina
  13. Traduzione per i Padani che come me frequentano questo Blog:

    - - (Ma che avete da guardare, non avete altro a cui pensare
    qualcosa da fare
    "Andate a lavorare" grida un vecchio indispettito,
    "Abbiamo un menagramo dietro il vetro".
    Io rispondo "Mi scusi, questa è casa mia e sto dove mi pare" - -

    RispondiElimina
  14. @Padana: GRANDE e grazie!

    RispondiElimina
  15. quello di 4 commenti fa6 novembre 2011 23:44

    pure padani...2?

    RispondiElimina
  16. @quello di 4 commenti fa: Certamente! Poi uno con un nick così...

    RispondiElimina
  17. alcuni commenti precedenti purtroppo non fanno altro che confermare quello che scrivi... credo che molta gente nasca proprio con intriso il gusto del pettegolezzo..che per quanto mi riguarda ha un pessimo sapore ed è anche molto banale, spesso davvero cattivo e insignificante. trovo però divertentissimo osservare la gente che sparla e che mi fa davvero tanto ridere(per non piangere)...ed è allora da lì che parte il mio pettegolezzo!

    RispondiElimina
  18. Anonimo, non credero' MAI che tu non abbia mia detto una cattiveria o uno spetteguless, i tempi delle fiabe son lontano anche per te...
    ciau cu cu merlu, spettegolare fa bene alla salute!!

    RispondiElimina
  19. @wood infatti il mio scopo non era passare per quella che non ha mai spettegolato in vita sua,ma ti assicuro che non amo fare prendere aria alla bocca e poi... ti credo che il tempo delle fiabe è lontano se la gente (generalizzo naturalmente)non sa fare altro che passare il suo tempo a criticare gli altri! è verissimo però che c'è gente che le critiche te le esce dalla bocca ... eD è proprio questo tipo gente che sparla,sparla e ancora sparla. questa ti assicuro che me le esce fuori tutte!! insomma non è per me un passatempo e poi...fa bene a chi?! prova a chiedere a chi è l'oggetto di quella momentanea ca...a!!

    RispondiElimina