mercoledì 31 ottobre 2012

I Temi di Halloween: Zeta

Svolgimento

Sono in sei. Anzi no, forse in otto. Ci sono anche delle femmine. Le loro risate stridule mi spaccano i timpani. Li sento salire le scale furtivi e veloci. Piccoli passi leggeri. Ridono. Urlano. Li attendo, immobile. Nel lettore cd son pronti gli effetti terrorifici. L’accurata e attenta scelta è caduta sulla traccia 12; lupi ululanti con tuoni e pioggia scrosciante. Anche la 13 era interessante; lupi ululanti con grida di giovine vergine sacrificale. Manca la pioggia scrosciante però. Vada per la 12. E’ pronta. Metto pausa e attendo. Candele accese e porta socchiusa. Ombre sinistre si proiettano sulle spoglie pareti. Il trucco è perfetto. Succo di amarena spalmata a dovere sul volto livido. Manciata di citrosidina pronta da spararsi in bocca. Il cuore mi batte forte sotto la stretta nera camicia. Le voci urlanti e festose si avvicinano. Mi apposto al buio. Respiro lento e profondo. Eccoli…silenzio. Risa soffocate sull’uscio. Uno di loro esclama forte e fiero “dolcetto o scherzetto!” bussando forte con le mani inzaccherate la mia porta blindata in puro acero canadese. Maledetto! Preparati. Schiaccio play. Partono i lupi, tuoni e saette. I nani zuccherosi si placano, silenti. Il più ardito spinge la porta lasciata abilmente socchiusa.


Le candele tremolanti illuminano i loro piccoli visi stupefatti e sbaffati di orrido cioccolato. Il lupo ulula forte cercando di coprire il rimbombo dei tuoni. Un lungo interminabile brivido freddo mi percorre lungo la schiena. “Signore?…dolcetto o scherzet….” sguainando il mio spadaccino piombo in scena con un balzo da pantera ed un urlo belluino. Il mio superbo vestito attillato di raso nero lucente aderisce perfettamente al mio corpo scolpito da decenni di lunghe sedute in palestra. I nani zuccherosi urlano in paranza con un discreto accordo sinfonico. Due di loro fanno testa e testa cercando una via di fuga. Un terzetto si precipita per le scale chiamando la mamma. Uno impietrito perde la dentiera e sbiancando in volto si fa sotto. Le due femmine (erano in due, lo sapevo) fuggono piagnucolando mano nella mano al piano di sopra. Soddisfatto mi godo la scena. Il palcoscenico è solo mio. Mio!!! I nani zuccherosi dissolti in uno solo schioccar di dita. Richiudo, lucidando con il mantello le impronte glucosiche lasciate dal nano temerario. Spengo le candele e stoppo il lupo oramai raucedico. Sorseggiando un sassicaia d’annata, attendo al buio comodamente seduto nella mia bianca comoda poltrona Frau. 

Eccole sono in sei. Anzi no forse in otto. Le loro grida stridule mi spaccano i timpani. Orsù mamme dei nani zuccherosi. La spada di Don Diego della Vega è pronta a marcare l’indelebile zeta sui vostri flaccidi e cellulitici culi. Scherzetto.

Roberto Testa

8 commenti:

  1. Questo post è divertentissimo e la chiusura è un capolavoro. Sono felice di sapere che in giro c'è ancora qualche misogino che odia i bambini. E se le otto mamme fossero Monica Bellucci e altre sette più belle di lei? Senza un filo di cellulite e vestite di veli...

    RispondiElimina
  2. Roberto, e dillo che ci vuoi far morire ma dalle risate, cosi' te la cavi con poco sangue, fai passare la cosa per un infarto e nessuno ti accuserebbe mai! :)

    Bello da matti!
    La Lepri ha ragione, e se le mamme fossero delle GRAN FIGHE????

    RispondiElimina
  3. se fossero fighe il Bob Head pianterebbe la zeta sui con più gusto ;)
    ah ah ah ah iniziamo proprio bene con i post di Halloween !! Grande Testa
    Meis

    RispondiElimina
  4. Misogino , edonista, sadico...c'è ne per tutti. Venghino siori venghino...ho un bidone di succo d'amerena da consumare eheheheheheh....
    Ps: Vi voglio bene. Gradite un zuppa di cervello caldo?

    RispondiElimina
  5. Mi sembra un buon metodo per abbordare le mamme.
    Mi piace "nani zuccherosi". Hanno avuto quello che si meritano. Molto divertente.
    PS. Per il cervello caldo chiedi ad Andrew Zimmern (orrori da gustare).
    RQ

    RispondiElimina
  6. ... bello scherzetto!!!

    manubirba

    RispondiElimina
  7. Che goduria pensare quei mostriciattoli morti di paura!
    M'è piaciuto :)

    RispondiElimina
  8. Uno Zorro dal senso di giustizia molto personale :D !

    RispondiElimina