giovedì 26 dicembre 2013

Tema: La stella cometa

Sez. In fuga dal presepe
Svolgimento



Che fenomeno! Io sono la stella cometa, sono speciale, ho trovato il bambino. Ogni anno tanta gente mi prende da una scatola di cartone, mi spolvera e mi posiziona sopra una capanna. Una vecchia storia; anni e anni di splendore. Per secoli non mi sono fermata mai e tutti mi guardano da ogni parte; ho anche perso la coda, ma mutilata risplendo ancora. Il cielo pieno di stelle, le mie sorelle, sembra un presepe, le case da lontano diventano piccole.
Sono carica di luce perenne, costante guida per tutti i viaggiatori, ora messa da parte; sostituita da un piccolo aggeggio in plastica che emette suoni; ha una voce incorporata che ti parla, mica la coscienza che non la senti ma ti infastidisce.
Anni di conti astronomici superati. "Mettiamoci al lavoro, è importante, c'è una popolazione che attende, l'umanità aspetta il nostro lavoro, troviamo le coordinate giuste. Bedda Matri! I conti astronomici mi mettono in crisi. Gaspare, non nominare il nome di Maria invano e poi non sono conti geometrici ma astrofisici: aspetta proviamo a 360 gradi, troppo raro trovarla così, a 180 gradi e dividiamo l'emisfero a metà, visione parziale ma equa. Ma va! partiamo dai 90 gradi, è quella la posizione migliore: la storia comincia sempre da li, fidati!"
"Ti avevo detto di metterlo a caricare, sei fatto vecchio, Melchiorre, sono già 2012 presepi e non ti ricordi le cose che ti dico.



Il navigatore non funziona così! Ti ricordo che la stella cometa è andata in pensione tra stelle non cadenti e desideri non goduti. Ora abbiamo Tom Tom, un nuovissimo navigatore satellitare come regalo di Natale. Pensa che lo voleva pure Babbo Natale ma non è riuscito a ottenerlo; l'hanno dato a noi; noi abbiamo la priorità, si tratta del bambino Gesù.
I cammelli erano vecchi e stanchi e l'anno scorso ne sono morti due così abbiamo un piaggio vespone di colore rosso. Il navigatore è nostro, usiamolo come si deve. Non capite? Adesso possiamo arrivare dappertutto!
Domani si parte, mi raccomando, e non dimenticare di portare il Tom Tom con noi. "Esegui una inversione a U non consentita"...una voce cretina ripete 2 o 3 volte: cerchiamo il bambino Gesù, Maria e Giuseppe.
Dobbiamo trovare quel posto: scriviamo il nome della strada, il luogo, e lui programma la traiettoria e seguiamo la voce. Comodo e facile. Rinunciamo a notti di cammino, a firmamenti spettacolari che vediamo la folgorante bellezza del cielo, del cosmo, a notti stellate che restano.
"Dai Gaspare prendi il gps e scrivi via della Natività - zona stalla sconosciuta, Betlemme- dicono che giorno venticinque ci nascerà il bambinello Gesù e che non hanno trovato altro; il bue e l'asinello sono imbalsamati.
Ora si usa il metano "a tutto gas" in pacchetti per riscaldare l'universo intero; mezzi nuovi. Che ne sai tu? "
Non so cosa portare con noi: vada per l'oro ma incenso e mirra non li vuole nessuno - solo odore e fumo profumato. Con il gps faremo prima, così poi possiamo andare in Cristoteca a ballare prima che chiuda. Tranquillo Melchiorre, starà aperta tutta la notte per festeggiare la nascita del bambin Gesù, ma non ci saranno confetti solo qualche botto. Bene, allora domani partiamo tutti insieme: ci stringiamo tre sul vespone - destinazione Betlemme; vedremo una luce, il navigatore lo griderà, siete arrivati: stalla! dobbiamo solo stare attenti a non perdere questo aggeggio tra la paglia. Fra un anno ci servirà.
Io: tante volte alzo gli occhi al cielo ti cerco, ti vedo brillare, ti osservo, ti seguo ancora.
La stella cometa: non ci sono nuvole, solo stelle e siamo in due a brillare di più. La profezia ha anticipato a lungo la tua venuta ed eccoti visibile a tutti, ora. Dopo la morte di Ison, colpita dal Sole arrivi tu, Lovejoy: sei un'altra stella cometa apparsa all'improvviso sopra di loro e ora siamo in due. Una nuova stella? che bello! Mi farai compagnia.

Antonella Tarantino

7 commenti:

  1. Come al solito, Antonella tira fuori dal cilindro dei post troppo esilaranti!
    Mi hai messa di buon'umore...e si sa che dopo Natale e Santo Stefano è davvero dura...
    Bravissima!

    RispondiElimina
  2. Post che si legge subito e che mette di buon umore.
    La trovata delle due stelle comete se po fa, noialtri amiamo condividere, nnevvero!
    Bacione.
    L.I.

    RispondiElimina
  3. "Dai, Gaspare, prendi il gps e scrivi via della Natività". ahahahahahahaha

    Federico

    RispondiElimina
  4. E il vespone rosso....troppo forte.

    RispondiElimina
  5. E il vespone rosso....troppo forte.

    RispondiElimina
  6. E il vespone rosso....troppo forte.

    RispondiElimina
  7. .... tre magi.. tre vesponi... ;)

    RispondiElimina