lunedì 30 dicembre 2013

Tema: La partenza della Jolanda

Svolgimento

Durante l’ultimo mese il lavoro s’era fatto più pressante e le ore del suo contratto non bastavano più. Le giornate lavorative sarebbero dovute essere di almeno quarantotto ore e di altrettante ore sarebbe dovuto essere il suo riposo. Nonostante la stanchezza però quella sera decise di uscire con i più simpatici passatempo dei suoi amici e stare in giro per la notte bianca della città. 
Arrivò a casa, cenò velocemente, si docciò, si vestì e iniziò a porre rimedio alla sua faccia segnata dallo stress: correttore per le occhiaie, un po’ di fard e infine il rossetto. Fatto. Ma quando si riguardò allo specchio si accorse che il colore non aveva avuto alcuna presa sul suo viso: era ancora pallida. Rincarò la dose, ma di nuovo niente, senonché, nel pieno silenzio della sua casa vuota, sentì il fard dirle: senti, per stasera lascia perdere, neanche con quattro passate di ducotone riusciresti ad ottenere un risultato decente! 
Sto impazzendo, pensò, ma convinta davvero che se anche avesse aumentato ulteriormente la dose di fard non avrebbe comunque sortito alcun effetto, lasciò perdere e andò incontro ai suoi amici, non certo meritevoli di puntualità: ma questi hanno proprio litigato con le lancette dell’orologio! le 21:30, le 22:00, le 22:30, potevo restare a casa in quest’ora e depilarmi, l’ultima volta che l’ho fatto era estate. Certo adesso che è inverno e c’è freddo converrebbe tenerselo qualche pelo in più, risparmierei sul riscaldamento! oppure togliermi questo baffetto alla Mustafà Kemal con un po’ di ceretta.

Mentre pensava così, sentì un’altra vocina, la riconobbe, era quella della Jolanda. e che vuole questa adesso? Una sua amica parlava spesso della Jolanda e del fatto che le mancava il Walter, ma la sua propria Jolanda che voleva?
Cosa voglio? e me lo chiedi pure!? è da più di due anni che non mi usi, da quando hai deciso di riprendere in mano le redini della tua vita e vi siete lasciati con quel coso lì, io non sono più esistita, e dire che ti ho lanciato chiari segnali, quante volte ti ho urlato “ma che carino questo, che carino quell’altro”, ma tu niente, sorda precisa. È da un pezzo che ci penso e ho preso una decisione: ti lascio. 
Mi lasci? in che senso, scusa? 
Nel senso che parto, vado via, tanto a te non servo più, tu oramai hai altre cose per la testa e hai deciso di tagliare fuori il sesso. Ecco, te l’ho detto. andrò lì dove i miei servigi possono essere ancora richiesti. 
E mò? e io che faccio? 
Te lo dico alla Rhett Butler: francamente me ne infischio! 
Finalmente arrivarono i ragazzi e lei non fu più tanto convinta di aver sentito la voce della sua Jolanda. La serata passò  piacevolmente fino a notte, quando si ritirò a casa. Si lavò il viso, si spogliò, mise il pigiama, tutto regolare fin tanto che non si accorse della partenza della Jolanda: al suo posto trovò un cartello con su scritto: 

Fossi in te non mi cercherei!

E ora? 
Rimase sfornita di Jolanda per un bel po’ di tempo. Un pomeriggio mentre smanettava su facebook la vide, era lì in alcune foto che la ritraevano stuntwoman dentro alcuni film a luci rosse, nelle azioni più pericolose per giunta. Si stava divertendo alla grande. 
Non è che aveva le allucinazioni? Aveva avuto la febbre a causa di un crollo delle difese immunitarie, niente di strano che avesse ingurgitato qualche medicina scaduta! 
Ma guardala come si muove bene, com’è padrona della scena, se la spassa proprio! Quanti bei ricordi però, quanti momenti seducenti passati insieme... devo dire che mi manca proprio la mia Jolanda, io sono fatta così, sembro burbera ma mi affeziono. Sarebbe bello riaverla anche solo per compagnia, ma non credo che vorrà più tornare al suo vecchio posto. 
A pensarci, con me rischierebbe il suicidio per depressione da inutilità e mancanza di attività! 

Lucia Immordino

30 commenti:

  1. ahahahahah la jolanda pubblica, ma quanto ho riso leggendo (ma prima ancora ascoltando) questo post?
    La trovata della Jolanda che va via e finisce su facebook è strepitosa.
    Grande Mmurdina!

    Federico

    RispondiElimina
  2. Davvero divertente! Però su facebook questa Jolanda non la trovo. Un aiutino?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu chi essere?

      Elimina
    2. Sono simile a te, ma diverso da te.

      Elimina
    3. Vedi che oggi ho da fare, vediamo di non perdere tempo.
      Allora, chi sei?

      Elimina
    4. Allora, mi rispondi? Mi dici chi sei?

      Elimina
    5. Sei la crozza?

      Elimina
    6. Intanto chi scrive è la Mmurdina, ti chi sei?

      Elimina
  3. Uahahahaha... che spasso scriverla!
    Grazie Moccio.
    L.I.

    RispondiElimina
  4. Luciaaaaaa! Geniale questo post!|
    Quanto ho riso! Troppo, troppo forte! Hai finito l'anno col botto!!
    Ora lo tuitto! :-)

    RispondiElimina
  5. Ahahah....Credo di essere stata la prima a leggere questo pezzo e a riderne. Poi sinceramente ho pensato di influenzare negativamente la dolce Lucia e ho sentito un leggero senso di colpa; credo che nessuno abbia osato pensare che l'amica di cui si parla nel brano sia io. "Io e Walter" potrebbe essere il titolo di un mio nuovo brano, ci sto già pensando.
    E poi Luce stai tranquilla, secondo ultimi avvenimenti lei respira non è morta, aspettati una sua probabile risurrezione...ahahah
    Brava, il tuo post è davvero esilarante!

    Nina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che siano respiri e non rantoli!
      "Tu e il Walter", dovremmo considerare seriamente la possibilità di realizzare una serie esilarante sull'argomento ... in effetti.
      E su queglialtri ritardatari? ho pensato a degli schizzi pure per loro ... (ihihihih) ...
      L.I.

      Elimina
  6. Grazie cara: si mi sono divertita a scriverlo.
    Emticon dello scialo.
    L.I.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voleva essere la risposta a Bea, codesta!
      L.I.

      Elimina
  7. Geniale e spassosissimo, piccante ma mai volgare.
    Braverrima (cit. Wood) Lucia!

    RispondiElimina
  8. Grazie Michi: sei un amico.
    Emoticon della soddisfazione.
    L.I.

    RispondiElimina
  9. opsss mi hanno "rubato" il braverrima!! Ahhahhh! Lucia quanto mi hai fatto ridere ? tantotanto e ora lo spammo a tutte le Jolande amiche mie :)

    vabbe' allora usero' STUPENDERRIMOoo!!@

    RispondiElimina
  10. Cara la Wood, è un onore!
    L'idea di girarlo alle Jolande non è male ... uahahahahahah ...
    Grazie.
    L.I.

    RispondiElimina
  11. A quanto pare tutte noi donne facciamo Jolanda di secondo nome. Ma quanto mi sei piaciuta Lucia! Brava!
    Adele

    RispondiElimina
  12. Noi siamo profondamente Jolande!
    Grazie Adele!
    L.I.

    RispondiElimina
  13. Lucia questo post merita veramente dieci e lode

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jole..non ti fidare mai piu' ! manda al NORD che siamo piu' affidabili...

      Elimina
  14. Ahahahahah, che post ragazzi!
    Lo sapevo che ci saremo fatti un bel po' di risate ....
    Grazie della lode Jole.
    L.I.

    RispondiElimina
  15. le grandi doti di Lucia............ ma a quando una Jolanda di 150 pagine (ma senza sfumature di grigio, nevvero?)
    gd

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah, allora lo hai letto quelle delle sfumature di grigio?! e non ti vergogni? beh, infondo l'hanno letto tutti!
      Ci sarà un altro libro, ma questa volta la croce dell'editing sarà tua (ahahahahah...)
      L.I.

      Elimina
  16. Ahhahha Lucia, questo pezzo è troppo divertente! La trovata della Jolanda stuntwoman è geniale, qualcuno l'ha detto, io lo ripeto. Ho letto il pezzo sentendo la tua voce che lo leggeva, troppo forte ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che non lo vuoi nominare il "qualcuno"?, ti capisco.
      Si voi l'avete sentito appena sfornato, fragrante fragrante, che è tutta un'altra cosa!
      Ahahahahah...
      L.I.

      Elimina
  17. Lucia da shock altro che botti di capodanno! sei proprio imprevedibile, ma quale faccia hanno le Jolande che ci fluttuano intorno, insospettabili, ogni giorno? e chissà quante si sono riconosciute! e brava Lucia!
    scava, mia cara, scava: hai una miniera dentro!
    pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissaà che a forza di scavare io non trovi il petrolio!
      Sto scherzando ovviamente.
      Grazie Pat, lo so che mi sei amica e mi vuoi bene.
      Emoticon del tvb anch'io.
      L.I.

      Elimina