martedì 11 febbraio 2014

Tema: Eri l'Estate

Sez. Mi sono innamorato di te perché
Svolgimento

Parlavi in modo strano, diverso dagli altri. Tu non gesticolavi, lo faceva la tua voce. Si spostava nell'aria, ondeggiante, come una musica mai sentita prima, e mi sono accorta, ormai troppo tardi, che il mio corpo ne seguiva il ritmo. Mi sono innamorata di te prima ancora di rendermene conto, prima di accorgermi che i tuoi occhi erano grandi per effetto delle lenti da vista, prima di toccare la tua pelle liscia e glabra, prima di percepire ciò che celava la tua mente, il tuo cuore. Mi sono innamorata di pancia, aggrappata a quel calore viscerale che saliva fino al petto ogni volta che annusavo la tua presenza. Mi sono innamorata d'estate, quando il giorno pare infinito e la notte ne rilascia il profumo, e tutto quel tempo amplificato è cassa di risonanza, è melodia, è sapore di aria e vita.

Mi sono innamorata di te perché tu eri la mia stagione più bella.

Cetta De Luca

19 commenti:

  1. Non servono tante parole per spiegare un perchè. Cetta ci riesce molto bene costringendoci a usare i nostri sensi messi nella moviola del ricordo: odori, sapori e colori.E' vero che l'amore è la stagione più bella, è la verità più normale del mondo ed è piacevole sentirla ripetere in modo così semplice e pulito.
    Anche io mi sono sempre innamorata d'estate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non si dimentica, vero? Grazie per questo bellissimo commento.

      Elimina
  2. mi piace quel riferimento alla vista deformata dalle lenti, rende bene lo sguardo degli innamorati! Bentornata tra noi Cetta :)
    Gianluca Meis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che è la mia dannazione. Gli occhiali mi fanno perdere la testa...

      Elimina
  3. Scrivere d'amore non è semplice, facile scadere nella banalità, nelle frasi già dette, perchè fondamentalmente l'amore come concetto è astratto e di contro tutti pensiamo di averlo conosciuto, di averlo attraversato. Tutti abbiamo vissuto l'ebbrezza di quel periodo intenso in cui non si pensa ad altro se non al volere stare con qualcuno che ci piace.
    Di questo post mi piace tanto l'incipit, "parlavi in modo strano", cosa che potrebbe connotare negativamente e invece diventa motivo di interesse. Questa cosa, posta subito, stringe subito il patto con me lettore. Tutto il resto è in crescendo, grazie Cetta, grazie Cetta e torna presto!
    Giorgio D'AMato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te. Sono senza parole...e tornerò prestissimo!

      Elimina
  4. Mi piace il calore della stagione che è il calore dell'more. Quel calore che cede senza ripensamenti. Avvolge e basta come lo scirocco che taglia i sensi e fa abbandonare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel calore che cede senza ripensamenti...bellissimo. Grazie!

      Elimina
  5. Ritrovarsi in una memoria comune, ma ... attenzione. del tutto unica e personale. Ecco perché l'amore sopravvive. Niente è già stato sperimentato, se non lo abbiamo sperimentato su noi stessi. L'amore sa come diventare la "MIA" stagione più bella e Cetta lo ha detto in un modo semplice e chiaro arrivando dritto dritto all'indirizzo giusto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Adelaide, e ti ringrazio per le tue parole.

      Elimina
  6. Wow, veramente bello questo post, Cetta!
    MI piace moltissimo l'idea del tempo come cassa di risonanza, è proprio l'opposto di quello che comunemente ci si aspetterebbe da una relazione, il fatto che a lungo andare possa dissolversi, scomparire. Invece no, ribalti il comune, mi piace.
    Grande pezzo!
    Complimenti,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tempo per me scandisce gli spazi compresi tra le emozioni, e le ravviva ogni volta. Grazie Federico, hai colto il succo di tutto.

      Elimina
  7. parole bellissime per sentimenti unici anche per chi non li ha mai provati e fanno davvero venire quel certo brivido sulla pelle............grazie maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero tanto che siano in pochi a non averli provati. Grazie a te Maurizio.

      Elimina
  8. Mi sono innamorata di pancia...il punto dove convogliano le nostre emozioni e risalgono in un circolo continuo. Brano ricco di intensità e caldo estivo.
    Brava!

    Nina

    RispondiElimina
  9. Un pezzo intriso di luce estiva, scritto molto bene e letto con grande piacere. (emoticon di stagione)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi me le passerai le emoticon di stagione Raimondo. Così sarà sempre estate. Grazie!

      Elimina