mercoledì 22 maggio 2013

Tema: Io se fossi luna, luna nei cieli di notte

Svolgimento

Io, se fossi luna di cieli di notte, non mi andrebbe proprio per niente a condividere lo stesso cielo con un sole sbruffone e invadente che taglia pezzi regolari di me e se li mangia. Che ad essere luna a metà, a un quarto o a spicchio io non potrei. Avrei la stessa sensazione di chi subisce un'amputazione, sentirei il formicolio della parte mancante e correrei ad avere certezza con la mano e mi ritroverei a toccare puntualmente un arido moncherino. Io se fossi luna a metà, a un quarto o a spicchio, farei un grande fagotto mettendoci dentro giusto cinque o sei stelle, anche quelle più bruttine e che brillano poco e che nessuno dice - guarda che bella stella. Con il fagotto in spalla abbandonerei i cieli di notte e lascerei questo sistema solare. Vagherei per mille e ancora mille anni luce fino a che troverei un nuovo sistema solare. Il sole di questo nuovo sistema solare non sarà sbruffone e invadente che taglia pezzi regolari di me luna a metà e se li mangia.

Il sole di questo nuovo sistema solare dividerebbe con me il cielo esattamente a metà e non taglierebbe e mangerebbe più parti regolari di me, che sarei sempre luna in piena. Ogni tanto potremmo anche giocare a scambiarci i cieli e gli abitanti di quel sistema solare direbbero in coro:

 - Come splende bene questa luna in piena, in questo cielo azzurro di giorno!

oppure

- Quanto è bello questo sole che splende in questo cielo blu di notte!

Vito Bartucca

28 commenti:

  1. Federico Orlando22 maggio 2013 09:03

    Neanche se io fossi un Bartucca le saprei scrivere queste cose belle, che lui è luna in piena unica e quando scrive ci piace un sacco, e allora non hai neanche bisogno di leggere il nome alla fine che già all'inizio diresti: come splende bene questo post in questo blog!

    Complimenti, Bartook!

    RispondiElimina
  2. Io se potessi, vorrei avere VitoBartucca sul comodino a farmi luce mentre leggo i suoi pezzi visionari. Eccellente, anche se latitante (emoticon doppio esclamativo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie raimondo.
      uscirò da questa latitanza un giorno!

      Elimina
  3. Io al bartucca i complimenti non ce li faccio più, così si impara. che lui è diventato magro magro a furia di fare mille cose ma non a scrivere...che ci tocca inseguirlo...e per fortuna che ogni tanto lo si accalappia! :)
    Meis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quanto vorrei farmi accalappiare come si deve!

      Elimina
  4. Correrei,ritroverei, lascerei, vagherei... il condizionale che fa poesia. Il Bartucca canta il suo assolo, descrive le ombre che gli amputano parte del corpo. Dichiara quanto la mente abbia bisogno di un altro universo.
    (Spero sia questo ciò che volevi dire, spesso a me viene il dubbio di captare cose che gli autori non volevano dire,... fammi sapere) Bravo, la tua scrittura continua a piacermi anche se questo testo è ben diverso dai precedenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie adelaide!

      la scrittura, come il teatro, è una necessità. e non si fa mai da soli: l'autore comunica al ricevente e si crea uno scambio. il punto non è "cosa vuol dire l'autore" quanto "cosa quell'autore può dire a me".
      questo post non racconta un bisogno di evasione; è un viaggio in un immaginario mio che sto esplorando. goditelo per quello che è, senza la necessità di un approccio cerebrale.

      :D

      Elimina
  5. IL BARTUCCA E' TORNATOOOOO!!!! Ora sono in ufficio e non posso leggere con attenzione ma più tardi arrivo. Intanto bacio.

    RispondiElimina
  6. Bartucca c'è
    (vado a scriverlo all'ingresso dell'autostrada)
    gd

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'entra niente con il post di Bartucca, ma volevo dirvi che vi ho visti su fbk! La foto del Salone di Toerino dove... SIETE BELLISSIMI1!!!!
      Ma Cla si è fatta bionda? Che il premio Pavese l'abbia sconvolta a tal punto!!?? AhAhAh Abbracci e baci a tutti voi.

      Elimina
    2. Come rappresentante dei belli, colgo la palla al balzo e ringrazio Jole, su CLA non so rispondere, ma è simpaticissima. (emoticon reduce)

      Elimina
    3. Raimondo!! Caschi a proposito, ho commentato il tuo post in ritardo, vai a dare uno sguardo...

      Elimina
    4. No, no, eccomi qua. Ero già da ben prima sconvolta. Semmai il prenio Pavese ha ritoccato le luci che mancavano...Insomma son più bella così no?
      Che dici?

      Elimina
    5. Voglio vederti di presenza prima di confermare solo che prima di fine giugno non se ne parla. AhAhAh!!

      Elimina
    6. Adelaide prendi il primo autobus e ci facciamo un aperitivo in centro...

      Elimina
  7. mi mancate tutti voi compagnetti e mi manca pure la maestra. facciamo finta che per adesso sono in erasmus ma torno presto presto.

    vi amo

    RispondiElimina
  8. Io credo che il Bartucca potrebbe cominciare a raccogliere tutte le sue poesie/temi sulla domenica (senza le quali domeica non è) per proporle a un editore. E credo anche che questo suo modo di far parlare il cosmo e il mondo, luna, sole, stelle, domenica e feste sparse, tutto filtrato attraverso il suo punto di vista, sia unico. Dichiaro perciò il Bartucca patrimonio umano dell'Umanità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sei troppo buona tu!
      in realtà un progettino già c'è!

      Elimina
    2. Non poteva che essere così, visto quanto sei bravo.

      Elimina
  9. Che bella idea, mi piace un sacco questo patrimonio fresco fresco di nomina. (emoticon bartuccofilo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riflettevo: se mettessimo la tassa all'imbarco dei traghetti risolviamo i problemi della Sicilia...
      Ma Bartucca è proprio bello come patrimonio dell'umanità... ce lo verrebbero a vedere come i Bronzi di RIace...
      Vito che ti costa, devi solo stare sul piedistallo...!!!!
      Evviva!

      Elimina
  10. Ma quanto è bello questo Bartucca qui. E' bellissimo!!!Vito...Vitoo...Vitooo...La senti la ola? E alola tolna!

    RispondiElimina
  11. grilletto salterino22 maggio 2013 18:33

    Io se fossi luna a filo e ad uncino scenderei ad afferrare il Bartucca per la sua giacca a quadri e melo porterei in cielo a cavallo del mio arco sottile, crescendo lo nasconderei pian piano sotto la mia coperta argentata per non farlo rubare a quel sole invidioso che ogni tanto prende pezzi di me e se li mangia.
    Io voglio un quaderno di luna stella sole e domeniche, grazie Gesù. Adoroooooooooooo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che tenera che sei!
      grazie mille grilletto!

      Elimina
  12. È bello leggerti e guardare insieme a te la luna, il cielo e le stelle e tu sei luna in piena e sole non invadente; il cosmo e io ti ammiriamo!
    Che luce dai...!!!
    Nina

    RispondiElimina
  13. chi sa perché, io che non conosco bartucca , lo trovo un po' bambino capriccioso e saputello, ma proprio bello!!

    RispondiElimina