venerdì 24 maggio 2013

Tema: L'abbraccio verrà

Svolgimento


Anche le nuvole bianche erano carta buona per scrivere, lo sapeva bene. Le parole, come anelli, le si erano infilate al dito, le aveva sposate con una cerimonia durata trent’anni. 
A celebrare le nozze era stato suo padre con racconti che somigliavano a fiabe, con aforismi e detti popolari. Così le aveva insegnato la vita e il dialetto.
Adesso atterrava sopra un tramonto color zafferano, all’aeroporto, ribattezzato da poco, Falcone-Borsellino. Respirando dentro i colori di quel cielo mai visto riconosceva già i racconti di suo padre conservati nell’anima insieme a limpide foto. 
Nell’attesa delle pesanti valige, tra tante mani protese, guardava la gente che le stava intorno; erano facce pallide, come la sua, scolorite da un sole ingannevole, ma piene delle attese migliori. 
A Palermo non si viene per il viaggio della speranza, la guarigione si cerca altrove, pensava Giovanna, eppure in quelle facce le sembrava di riconoscere la voglia di guarire, magari con una vacanza, magari riabbracciando gli affetti più cari. 
Osservava con avidità. Aveva capito quante parole c’erano dentro ogni sguardo e quanto sentimento dentro ogni parola. 
“Deformazione professionale” avrebbe detto chi avesse saputo. Scriveva da anni. Ma lei, che sapeva rintracciare un’emozione perfino nel vuoto dell’aria, non avrebbe abbracciato nessuno. 
Morto suo padre, aveva deciso d’intraprendere quel viaggio in cerca dell’ispirazione, di un luogo che la riavvicinasse a lui o che le regalasse qualcos’altro che ancora le sfuggiva.
Aveva tirato giù la prima valigia con un gesto goffo. Un omone, che aveva misurato ad occhio lo scompenso di forze tra le sue braccia e il bagaglio, l’aveva aiutata.
Aveva compiuto trent’anni sotto la pioggia incessante di Ratisbona. 
La Germania le aveva dato un ospedale pulito per nascere, l’aveva sfamata e cresciuta. Nient’altro. 
Non le aveva dato un orizzonte verso il quale guardare, solo un muro di nuvole, nere d’inverno, bianche d’estate. Un muro di pioggia battente, da chiudersi in casa senza voglia di uscire. Non le aveva dato un mestiere se non una penna con la quale fuggire. Non le aveva dato neppure un amore importante per il quale rinunciare al resto del mondo. 
E lei era rimasta lì, nell’attesa di concludere il suo ruolo di figlia, figlia di un questuante di sogni, un lavoro e una vita migliore.
Quella terra le sembrava nemica, forse, per via dello zio Totò ucciso da un soldato tedesco nell’ ultima guerra. Un soldato che, magari per sorte, era anche padre di quell’ altro tedesco che, per amore, si era portato sua madre. 

Non aveva conosciuto la madre né lo zio e le immagini di quella parte di vita mancavano come acqua alla fonte; eppure lei n’era una traccia tangibile. Giovanna era lì grazie a sua madre, suo padre era lì grazie al fratello che gli aveva salvato la vita offrendo la sua. 
Né l’odio irrazionale né l’amore temerario avevano impedito, dunque, il miracolo della sua esistenza. Ed a quel miracolo Giovanna sentiva adesso di dover dare un senso, rintracciando magari la terra dove lei era già stata concepita insieme al progetto di una vita diversa. 
Aspettava ancora la seconda valigia ed in testa aveva il rumore della pioggia che aveva sentito per tutta la vita. Uno scroscio assillante  che dava troppa voce ai tetti spioventi e, con il vento, perfino la parola ai fantasmi. Primi fra tutti lo zio e sua madre.
Le nuvole bianche, nei giorni migliori, erano state la carta lontana sulla quale aveva scritto tante storie con gli occhi.  
Le nuvole nere erano state lavagne tracciate col gesso, ricaduto, ogni volta, su di lei come neve.
Nell’ultimo tratto di volo aveva visto appezzamenti di terra color tabacco e montagne senza una macchia di verde, oppure con qualche chiazza, sparuta e sbiadita, ma sempre montagne stranamente celesti. Non più il cuscino di rami, rigidi, nascosti da foglie di un cupissimo verde. 
Tutto era accerchiato dal blu, ne distingueva la misura coi palmi di un sentimento; in gola il fiato sospeso, nel petto una gioia recondita e per questo profonda ed immensa, più del mare lì sotto. Non più il verdastro Danubio raggiunto dal Regen. 
L’aereo era sceso di quota e la pista, infine, aveva incollato lei alla terra di suo padre, come due calamite.
Ecco cosa era venuta a fare, riconquistare due zolle di terra per piantarci la sua anima bianca e l’aveva capito, finalmente, atterrando sopra quel tramonto color zafferano e guardando quelle facce pronte a guarire.

La seconda valigia è arrivata. 
Fuori dall’aeroporto l’abbraccia l’aria calda di luglio, la stessa, che attraverso i racconti, l’aveva scaldata nei giorni più freddi.  
Vede l’omone a dieci passi da lei, si scambiano un breve saluto con un cenno di capo e mezzo sorriso. Era partita senza salutare nessuno, qui già saluta qualcuno. Vede quattro sconosciuti abbracciarsi, si sente lì in mezzo, tra loro. E’ strano, è contenta anche lei per quegli abbracci, non si chiede neppure perchè. 
Non sente più la pioggia dentro le orecchie, ma sente suo padre accarezzarle il viso, la mano calda, un soffio di scirocco. Con un gesto istintivo alza gli occhi cercando una nuvola bianca, è un tuffo, magnifico, dentro la pagina nuova. Qualcuno la urta col gomito, le sorride e si scusa e Giovanna adesso ha capito che anche l’abbraccio verrà.

Adelaide Pellitteri

33 commenti:

  1. Quante parole taciute dentro ogni sguardo e... quanta poesia in questo racconto lieve e intenso.
    Grazie Adelaide :-)
    Bea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Bea, come, con altre parole, dice il Bartucca: tra autore e lettore ciò ch'è bello è riuscire a provare queste reciproche emozioni.

      Elimina
  2. Malinconia e speranza .
    Sottinteso l'orgoglio della sicilianità di chi scrive.
    Mi stupisci sempre.
    Luciana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lu,ma so che presto sarai tu a stupire me.

      Elimina
  3. Adelaide ma è bellissimo! Leggendolo pensavo a quanto sono felice ogni volta di atterare all' areoporto di Palermo per le vacanze. Non è la mia citta' ma la amo come se lo fosse.
    Mi hai trasmesso tutte le cose belle che provo anche io quando dal finestrino vedo il mare.

    Salterei come un grillo dalla felicita'! Cri Cri!

    W Palermo W la Sicilia ..anche se so che viverci non è facile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna! Tu sei sempre molto buona con me! Sono contenta di avere toccato anche le tue corde. Se oltre le emozioni si condividono le immagini e i ricordi allora si capisce che il testo non è venuto fuori come un monologo, ma come una canto che (per l'appunto) si può intonare insieme. Grazie. Spero di conoscere presto te, il Meis, la Lepri, la Sabri e tutti gli altri.

      Elimina
  4. Questa volta la tua dolcezza malinconica mi ha davvero fatto venire i brividi!
    E coinvolgere un lettore a livello epidermico non è certamente da tutti.
    Annabella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ricordo che questo testo è il risultato delle tue "acutissime critiche" te ne sarò sempre grata.
      A presto

      Elimina
  5. In questo racconto si sente la Sicilia, il caldo, il senso di spaesamento che ti coglie già quando esci dall'aeroporto, e la sensazione che il passato, per quanto lontano, non sia mai passato abbastanza: a Palermo si vive con i morti.
    GD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... il passato, per quanto lontano, non sia passato abbastanza...
      Non potevi dirlo in manierqa migliore. Grazie

      Elimina
  6. Questo racconto è pieno di malinconia quanto di speranza e anch'io penso che in alcuni abbracci siano contenute tante parole quelle che non si riescono o non si possono dire ma che chiudendo gli occhi diventano dolci ricordi, ricordi color zafferano caldi come il sole, belli come la nostra Sicilia.
    Bello leggerti, brava!
    Nina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei la Nina delle torte? Ne ho mangiato una strabuonissima!!!
      La mia Sicilia... non riesco mai a staccarmi da lei, la amo straamo, e stravedo per lei tanto da vederne tutti i difetti ed amarla lo stesso.

      Elimina
  7. alcune immagini davvero molte belle e ispirate...teneramente malinconico e che si legge in un soffio
    Meis

    RispondiElimina
  8. Una scrittura allusiva, metaforica, agile, nitidissima... E chissà che qualcuno non abbia insegnato anche ad Adelaide "la vita e il dialetto"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per gli aggettivi, quello che mi piace di più? Nitidissima! Ho faticato parecchio per imparare ( e so bene di avere ancora molta strada da fare)
      Un tempo amavo moltissimo scrivere in dialetto, per quanto sembri una lingua cacofonica (almeno nella pronuncia palermitana) in realtà è splendida.
      "... davanti a tia dimisu, vurria senza parrari essiri 'ntisu" (davanti a te amareggiato vorrei, senza parlare, esser capito)(Antonio Veneziano)

      Elimina
  9. Quanta poesia in luogo dove spesso sono le lacrime e i sorrisi ad accoglierci o a darci commiato. Con te diviene anche un luogo di nostalgica speranza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dobbiamo sembra coltivarla la speranza, deve essere la nostra compagna di vita! Solo per lei ha senso combattere e dunque vivere. Grazie per il tuo apprezzamento

      Elimina
  10. Mi piace questo racconto di Jole, anche a me ha fatto sentire il vento caldo sulla faccia, ha descritto molto bene il vuoto della mancanza, che per fortuna in sicilia ci sono i siciliani a riempirlo. E mi sono piaciute le nuvole bianche e le nuvole nere (emoticon aeroportuale)

    RispondiElimina
  11. Grazie anche a te Raimondo (emotion VOI)

    RispondiElimina
  12. Federico Orlando25 maggio 2013 11:28

    Complimentazionissimi, Jole!
    (emoticon bravissima!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. FO! Mi hai fatto fare l'an plein!!! (mi pare si scriva così, ma ho qualche dubbio, se capito però, vero?) Grazie ancora

      Elimina
    2. io lo dico sempre, quando sono solo nella mia stanzetta, che prima o poi con le royalties degli emoticon logorroici diventerò ricco sfondato. RQ

      Elimina
    3. Eh, ma senza di me non avrei mai inventato gli emoticon logorroici...vogliamo ancora parlare di ROYALTIES!?

      Elimina
    4. Federico, tagliamo la testa al topo e facciamo fifty fifty (emoticon interrogativo)

      Elimina
    5. Tu al topo vuoi tagliare la testa per mmangiartelo :)

      Elimina
    6. ahahah wood, mi sono proprio fatto una pessima fama in sabaudialand. (emoticon a scoppio)

      Elimina
    7. Ma che parlate in codice? Royalties, sabaudiallnd... AhAhAh! ( Emoticon Gulp!)

      Elimina
    8. Jole scusa, mi corre obbligo dare qualche spiegazione. Nessun codice, solo discorsi pregressi.
      Le royalties sono relative all'uso indiscriminato degli emoticon non sintetici, cioè descrittivi, una invenzione che prima o poi mi renderà milionario, anche se dovessi darne fifty a FO.
      Invece la sabaudialand altro non è che la terra di annawood, di recente calpestata da un'orda di personaggi famelici, tra cui il sottoscritto. Ciao. (emoticon che farà di me un nababbo)

      Elimina
  13. Jole carissima, e che ti posso dire che già non ti abbiano detto egregiamente tutti gli altri ? Solo "brava" ( e d'altronde io lo so bene quanto tu sia brava !!)
    Antonella Renda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antonè caso mai testarda, quello sì, perchè i miei limiti li conosciamo bene. Gli strafalcioni sono sempre in agguato. Comunque grazie anche a te.

      Elimina
  14. Jole oh che mi sono persa!!!
    Ma sai che ricevere un commento dal Giglio equivale ad un premio prestigioso?
    Brava!!!
    Posso? fammelo dire...: buon sangue non mente.
    Ma qui mi superasti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cla!!! Buon sangue sì, filo a doppia mandata ci lega!! Del commento del Giglio rimasi sorpresa, felice ed anche di più.

      Elimina