martedì 7 maggio 2013

Tema: Le ginocchia sul tappeto

Svolgimento


L'anno scorso di questi tempi mia mamma, in un tipico spleen di shopping femminile, ha deciso che proprio no, non poteva più fare a meno di un tappeto persiano. Trattasi di acquisto importante, che ha un significato iniziatico, prima pedina di un irrazionale e grottesco domino: va da sé che dopo avere acquistato il prezioso tappeto non potrai più fare a meno di una casa a Cortina e in effetti questa è un po' una scocciatura. 
Famiglia riunita al gran completo, soprattutto io che, in virtù di un viaggio di qualche anno fa in Marocco, e a mia volta vittima dei venditori di tappeti, sono assurta a ruolo di gran-visir del tappeto famigliare. Così si è palesato l'omino dei tappeti,  il quale, sebbene trapiantato a latitudine nord del 45° parallelo da diversi anni, non aveva ancora perso il gusto della vendita e ci ha srotolato i suoi tappeti sul pavimento di marmo. La tecnica è comprovata: il primo o il secondo tappeto srotolato è quello che comprerai e lui lo sa già; magicamente, anni prima di aver visto la tua casa ha portato i colori giusti e, psicologo del suk, te lo legge negli occhi che non te ne frega niente di quelle altre alternative, a te che già pensi a Cortina. Il tappeto così acquistato, un tripudio di uccellini e fiori sui toni del cipria e del blu, è diventato la star del salotto. 
Le sue frange vengono spazzolate e pettinate una volta a settimana, manco si trattasse di un purosangue da corsa. E tutti noi ci beiamo nel camminarci sopra mentre parliamo al telefonino, solo per il gusto di esercitare coi piedi una lieve pressione sulla lana morbida e sentire sotto i piedi l'altrettanto morbida resistenza elastica che il tappeto per qualche anno restituirà. Solo al bambino Alessio è consentito giocarci a palla sopra e, con grande gusto teatrale, mimare i tuffi dei calciatori grandi. Ora il punto è questo: ogni volta che lo guardo non posso fare a meno di pensare all'altro tappeto, senz'altro meno prezioso e sicuramente meno morbido che si tiene fra la lana svariate viti di orecchini femminili, tracce meritevoli di un'indagine alla CSI e, cosa più importante, le orme invisibili delle mie ginocchia. 

Il ginocchio scorticato ha sostituito il valore simbolico che nell'adolescenza aveva il succhiotto. Una donna con il ginocchio scorticato dal tappeto del suo amante è una donna indubbiamente felice, o almeno io lo sono stata su quel tappeto. 
Quella crosticina sulla rotula, quando me la guardo coperta dalla calza nera durante una riunione, mi da un brivido euforico lungo la schiena.  Io posso dire che il tappeto volante esiste, anche se al massimo si è spostato di qualche centimetro, e vola sul respiro mozzato, sulla luce delle candele e i riflessi dei gatti, sulle note del pianoforte che ci sta di fianco. Quindi resta da decidere se il tappeto sia un oggetto di alta borghesia o un luogo di piacere.  Oppure, come dimostra il parroco alla fine di "Bocca di Rosa", un porto franco in cui amore sacro e profano possono convivere.  In ginocchio.

Pixie


25 commenti:

  1. Quando l'erotismo si colloca con la leggerezza! E pensare che ho già messo via i tappeti per il trattamento estivo...ahimè, forse troppo presto!

    RispondiElimina
  2. :) coniuga, intendevo. Ma ho avuto un evidente spostamento negli spazi mentali...

    RispondiElimina
  3. Argh, è vero, quando si narra di erotismo senza per forza tirare fuori i termini consuntissimi della letteratura erotica, e comunque riuscire nell'intento, allora non si può far altro che apprezzare tanto la narrazione.
    Complimenti Pixie e (mi preparo a fare una bella gaffe) devo dire "Benvenuta" o hai già scritto per la maestra??

    RispondiElimina
  4. Bel racconto. Comincia in maniera divertente, viene da pensare che su quel tappeto accadrà qualcosa di esilarante, invece si trasforma in qualcosa di più serio, bello. Soddisfa. Mi piace il tappeto che vola sul respiro smorzato, sulla luce delle candele perchè come dice De Drescenzo "Siamo angeli con un'ala soltanto, possiamo volare rimanendo abbracciati" Per questo su quel tappeto sei riuscita a volare. Di sicuro hai riportato alla mente ricordi belli a molti di noi. Mi piace anche l'idea del ginocchio sbucciato.
    Nuova alunna?

    RispondiElimina
  5. Rita (la maga delle spezie)7 maggio 2013 09:02

    dai 40 in su, consiglio tappeti in pura seta. mi piace

    RispondiElimina
  6. :) Pixie è amica di un amico. Elegante come una cicogna e molto timida, all'inizio era un po' riluttante a pubblicare il tema, io l'ho letto e tramite il mio amico l'ho convinta, ed eccoci qua. Non so se tornerà ancora a trovarci. Spero tanto di sì.

    RispondiElimina
  7. Si può iniziare una serie: i minimalisti dei pavimenti nudi, i bucolici dei tappeti di foglie, gli igienisti delle piastrelle da bagno, gli speedy Gonzales degli ascensori, gli opportunisti della moquette da ufficio, gli autolesionisti da scoglio,...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai dimenticato : gli amanti dei bagni d'alta quota ( 10milapiedi)

      Elimina
    2. e i pigri del letto? (emoticon pigro)

      Elimina
  8. Wow. Doppio wow. Uno per ginocchio.

    RispondiElimina
  9. Il tappeto fa parte del mondo onirico, mondo magico di sogni, di terre lontane, sorprendenti, desideri da mille e una notte...e su quel tappeto puoi volare verso orizzonti ignoti felici anche a costo di ritrovarti con le ginocchia scorticate e il cuore graffiato e pensare - come sono tristemente perfette le mie ginocchia...-:))
    Benvenuta in classe e complimenti!

    Nina

    RispondiElimina
  10. Ci sono dei "tappetari" che con il tappeto regalano un paio di ginocchiere, se vi Fa di piacere posso darVi i riferimenti

    RispondiElimina
  11. Bel post: ben scritto, leggero e divertente .
    Brava Pixie e ...benvenuta in classe !

    RispondiElimina
  12. Ma alla fine scusate, io non ha capito, qualcuno mi spiega? Perchè le ginocchia scorticate?
    Azzardo ipotesi.
    1. ricerca affannosa di orecchino perso nel tappeto
    2. attacca-stacca-attacca cavo alimentazione decoder sky
    3. esercizi per rassodare i glutei, carponi alzando prima gamba destra e poi sx
    4. carezze al gatto di casa

    Altro non mi sovviene.
    Gg.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahahahah

      Elimina
    2. Inceratuta pavimento con le pattine

      Elimina
    3. Lente a contatto?
      Conta della densità dei nodi?
      Preghiera islamica?

      Elimina
  13. Niente di meglio che un tappeto persiano per nasconderci il/la partner appena eliminato. È così avvolgente. (emoticon CSI)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O per nascondercisi dentro, la storiella su Cleopatra insegna

      Elimina
  14. scusate il ritardo nella risposta mi stavo disinfettando una rotula ma era per una buona causa.
    Bello condividere il tappeto con voi ma in fondo sono solo una scrittrice frettolosa e inesperta. Il poco che so l'ho imparato sul persiano e vi ho detto tutto
    Fantastica l'idea della serie, anzi sto proprio per prendere un aereo... Quasi quasi...
    Pixie

    RispondiElimina
  15. Grazie a te dell'incoraggiamento! E... Buona cena :-)

    RispondiElimina
  16. Scortica anche la moquette aeronautica? Gg

    RispondiElimina
  17. Non fate gli impertinenti!!
    La Maestra

    RispondiElimina
  18. Io devo a questo post l'avere imparato una parola nuova.

    La mia prof di italiano al biennio delle superiori ci correggeva in rosso le giustificazioni quando scrivevamo "Motivi famiGliari" perché sosteneva che viene dal latino familia. Tutto gasato prendo il sito dell'Accademia della Crusca e cerco la parola incriminata, che a distanza di oltre trent'anni mi suona ancora male.

    Trovo questo articolo:

    http://www.accademiadellacrusca.it/it/lingua-italiana/consulenza-linguistica/domande-risposte/familiare-famigliare-altri-casi-simili-oscil

    Cito: " [...] La ragione dell'incertezza è presto detta: le basi nominali sono parole "popolari", cioè rampollate direttamente dal latino per trasmissione diretta [...]

    Rampollate! Che bella, rotola sulla lingua.

    RispondiElimina