domenica 3 novembre 2013

Halloween Writing Contest - Tema: La scuola di Helena

Racconto vincitore dell' Halloween Writing Contest
Svolgimento

Ogni volta che guardo quel grande edificio abbandonato all’angolo della strada, un brivido mi corre lungo la schiena. Si dice fosse una scuola elementare, poi chiusa dopo l’incidente. Cerco di superare l’angolo più in fretta che posso per andare verso la scuola due isolati più avanti. Ma ogni mattina è un incubo terribile che si ripete. Dicono che sono una bambina timida e riservata: in effetti non ho amici. Spesso ho chiesto ai grandi di quell’incidente, di cui a River Queen nessuno parla mai, ma loro sono sempre molto evasivi. Si dice siano morti in tanti quel giorno; qualcuno lo aveva pure predetto per via di quella cometa e di quella luna rossastra portatrice di sventura. Oggi ne ricorre l'anniversario e piove leggero da un cielo grigio e cupo. La strada mi sembra più lunga del solito, l'aria umida e triste. Ecco mi avvicino all’edificio e già mi batte il cuore a mille. Tiro dritto con la cartella piena di libri e quaderni. Stavolta però qualcosa attira la mia attenzione: il cancelletto che porta allo spiazzo desolato è aperto. Qualcosa di sinistro aleggia lì attorno e mi costringe ad entrare. Mi avvicino con curiosità e titubanza, non posso farne a meno: sono anni che faccio sempre la stessa strada. E’ tutto diroccato: la palazzina tetra, anni cinquanta, con le imposte in legno, cade a pezzi. Attorno, i resti di un giardino con alberi spogli e rinsecchiti e qualche pozzanghera perché è novembre e spesso pioviggina. Mi avvicino e mi sembra familiare quella porta aperta e l’ingresso con a terra i mattoncini marroni e neri. Mi pare quasi di sentire la voce dei bambini. Un cavallo a dondolo con la testa mozzata sta all’inizio delle scale di fronte all’ingresso. Che strano….si muove, forse per via della corrente d’aria che c’è. Comincio a salire; ho come la sensazione di sentire qualcosa ma l’unico rumore certo è il vento che sibila tra i vetri rotti delle finestre. I miei passi provocano scricchiolii sulla scala ma mi appoggio al passamano di legno. Quanta polvere, quante ragnatele. Ecco sono al primo piano. Dentro le aule vuote ci sono ancora le lavagne impolverate, i banchi, l’abbecedario, le cartine geografiche penzoloni. Decido di entrare nella seconda aula a destra. Ora mi siedo proprio qui accanto alla finestra, a primo banco, come un gesto abituale.


“Ciao cara - dice ad un tratto una voce femminile. Mi giro di scatto e vedo una donna in fondo all’aula. Emetto un grido di terrore, esco dalla stanza e mi precipito per le scale. Ad un tratto tutto diventa nero, si sente il frastuono dei  tuoni e fuori  piove fortissimo. La scala mi sembra infinita. Inciampo su qualcosa: è il cavallo con la testa mozzata che rimane riverso a terra. Mi rialzo e corro verso la porta.
-Dove vai, piccina?- Un omone alto e grosso mi si para dinnanzi. Lo guardo atterrita, sembra ferito: del sangue sul lato sinistro della tempia gli ha sporcato anche parte della giacca a quadri marroni. Mi giro per cercare un’altra uscita ma sento un vociare sommesso e mi accorgo che c’è gente attorno a me. Nella penombra intravedo dei bambini e la donna che un attimo prima stava sopra; ecco che si avvicina verso di me sorridente. Indietreggio, ma lei, guardandomi dolcemente, mi prende la mano.
Adesso ricordo bene che anche quel giorno pioveva. Qualcuno, alto e grosso, cercò di proteggerci dal quel folle con la pistola...
“George – dice la maestra - adesso puoi chiudere la porta. Anche Helena è tornata”.

Maria Luisa Florio

14 commenti:

  1. Questo post è convincente, interessante, inquietante (quanti aggettivi possono fnire con -nte). Qui siamo proprio di fronte alla tensione creata dalle parole. Il finale, poi, è del tutto inaspettato.
    L'unico elemento che stona è il cavallo a dondolo dalla testa mozzata (diciamo che questo dettaglio è un po' banalotto, abbastanza prevedibile in un racconto horror).
    Brava, brava proprio!

    RispondiElimina
  2. Maria Luisa, un racconto che non ha nulla da invidiare a quelli di grandi scrittori. BRAVISSIMA anche dalla terra del Gianduja

    RispondiElimina
  3. Tensione fino al finale. Bello!

    RispondiElimina
  4. Ho avuto paura, sono stata in tensione tutto il tempo della lettura e alla fine ho avuto paura.
    Mi hai ricordato il finale di "The others".
    Brava.
    L.I.

    RispondiElimina
  5. Leggo solo adesso, il pezzo, bello, è reso prezioso da un finale inatteso.

    RispondiElimina
  6. Nessun dubbio..quamdo siamo arrivati a leggere questo racconto la commissione, senza saperlo è stata unanime :)

    RispondiElimina
  7. Complimenti alla vincitrice.

    RispondiElimina
  8. Complimenti davvero, anche a me è piaciuto molto.
    Adele

    RispondiElimina
  9. Complimenti alla vincitrice. Una vittoria meritata e senza ombra di dubbio.

    RispondiElimina
  10. Maria Luisa Florio3 novembre 2013 22:26

    Grazie...davvero non me lo aspettavo! Grazie a voi tutti per la bella opportunità!

    RispondiElimina
  11. Mai più, dopo aver letto questo racconto, entrerò a curiosare in una scuola abbandonata, come finora ho sempre fatto nelle giornate di noia.
    Complimenti Maria Luisa. (emoticon ecchidormepiù)

    RispondiElimina
  12. Felicissime Complimentazioni per questo pezzo che ha tutta l'atmosfera dei racconti horror senza colpi di scena (che sono banalotti, a volte). La tensione è sempre in crescita dalla prima fino all'ultima lettera!
    Brava!

    Federico

    RispondiElimina
  13. Complimenti, letto tutto di un fiato e brivido finale. La tensione tiene dall'inizio, con il finale che arriva inesorabile e .... orribile. Come poteva non vincere.

    RispondiElimina