venerdì 15 novembre 2013

Tema: Aillte an Mhothair - Sulla Scogliera

Sez. In Viaggio
Svolgimento

Aveva contemplato in silenzio la nervatura irregolare della costa sulla strada panoramica che portava fin sopra la scogliera. Sul ciglio sinistro, il cielo digradava nel mare in tonalità di blu sempre più intenso. Mentre a destra, ondulati manti erbosi di un verde ipnotico si alternavano a distese d’erica viola in piena fioritura. Un susseguirsi infinito di muretti a secco, uno diverso dall’altro, frangeva l’esplosione di colori quasi come la cornice di un quadro impressionista. Di tanto in tanto, dei cartelli bianchi con scritte nere semi-scolorite sia in inglese che in gaelico preannunciavano l’ingresso in qualche piccolo borgo di pescatori, ormai pressoché disabitato. 
Era la sua prima volta. Il vento soffiava forte in direzione del mare. Raffiche salmastre di nuvole gonfie correvano senza posa all’orizzonte. Spinta dal vento, ubriaca di correnti impazzite, era carambolata a qualche metro dallo strapiombo. Folate sempre più violente le sferzavano il viso quasi impedendole di respirare. I capelli, risucchiati dalle correnti, sbattevano in tutte le direzioni come ciocche ribelli di una gorgone. Il fragore incessante del mare si mescolava al battito del suo cuore.
La macchina a noleggio era parcheggiata prima della curva oltre la quale si apriva quello squarcio di infinito ululante. Ci aveva lasciato tutto quello che l’avrebbe potuta identificare: il passaporto, le carte di credito, il cellulare. Sul sedile posteriore, i libri di seconda mano appena acquistati in una libreria di Galway: Swift e Wilde in un’edizione in pelle e una confezione di immancabili biscotti Digestives. Rapida, selvaggia, bulimica. Tutto questo era lei. Anche nel distacco.

Era arrivata lì, come una turista qualsiasi. Partendo da Cork e risalendo la costa in senso orario. La sera prima si era fermata a Doolin, un piccolo porto di mare proprio di fronte alle isole Aran. Aveva preso alloggio in un cottage lungo la strada, nascosto dietro una siepe di sorbo selvatico. Imboccato un vialetto fiancheggiato da betulle e ontani, si era trovata davanti una donna di mezza età che gesticolava manovre improbabili. Indossava un grembiule a fiori sopra degli stivaloni gialli di gomma. Era appena tornata dalla legnaia con un fascio di sterpaglie. Neanche il tempo di entrare nell’ingresso tappezzato di ninnoli e moquette, che la donna le mise in mano una tazza di tè fumante. Come parlando a una specie di aliena, si mise a descrivere tutte le più tradizionali usanze irlandesi. Sembrava cantasse una specie di filastrocca e gli occhi le brillavano come braci. Aveva l’aspetto di una rustica uscita da una poesia di Yeats. Alla fine, stremata, si fece convincere e ordinò del porridge ma a patto che ci mettesse anche una goccia di whisky e della panna liquida. La donna rimase alquanto sorpresa da quella insospettata conoscenza. Allora, se apprezza le nostre usanze, deve proprio andare da O’Connor, ha il pub proprio davanti al porto. Tutti i turisti ci vanno. Preferisce la Guinness o la Murphy’s? Le trova entrambe. Io le consiglio la Smithwick's però! La provi e poi mi dirà.
Dopo aver fatto una doccia tra mille acrobazie per non gelarsi visto che l’acqua calda durava pochi minuti, si vestì in fretta e decise di dirigersi in paese a piedi. Prese il sentiero dietro casa che le aveva indicato la proprietaria e si ritrovò persa in una landa molle e intrisa d’acqua. Oltre i recinti, migliaia di pecore si preparavano alla notte. Le osservò una a una. Sembravano ipnotizzate dallo stormire degli alberi o forse dalla cantilena di violini e armoniche che si sentiva in lontananza. Il gregge era tranquillo e inerme come una matassa informe in attesa di un cardatore o di un poeta in cerca di memoria. Si soffermò a scrutare l’erba nuova. Il verde dopo la mietitura aveva una forza dirompente. Il suo essere si fece incandescente. Arrivata in paese, non fece altro che seguire la scia musicale e arrivò dritta dritta al pub. Le fu servito il tradizionale Irish Stew affogato nella birra scura. Nel pub impazziva una sessione di musica folk. Era tutto più o meno o come se lo sarebbe aspettato. 
Il giorno dopo approdò a Inis Mor, la più grande delle isole Aran. Sembrava il luogo ideale per arrivare all’essenziale. Da quella posizione avrebbe potuto contemplare la terraferma ripercorrendo le tappe del viaggio fin lì. Per tutto il tempo non fece altro che camminare, come alla ricerca della sua ombra, percorrendo l’isola in lungo e in largo. Doppiandone i capi più volte. E prima di andarsene, ringraziò il pescatore che la costrinse a guardare le onde per ore. Per distinguerne le forme e l’intensità. Anche lei come una massa acquorea, non aveva fatto che salire e scendere dalle scogliere, sentendo tutta la gravità e la leggerezza del cuore.
Ora era seduta sopra la staccionata. Proprio accanto al segnale di pericolo. Ogni anno succedevano disgrazie e qualche incauto turista precipitava nel vuoto, scivolando su millenni di animalità pietrificata.  Un rumore assordante inghiottiva ogni parola e ogni gesto. Tutto fluttuava dentro l’aria salmastra e umida. Il volo ipnotico di migliaia di uccelli dai becchi colorati accerchiava uno sperone nero di lava antica. Ricordava la testa di una donna. Sottocosta, brulicavano armate di storie dimenticate. La storiografia le aveva impiccate allo strapiombo. Rimanevano solo i nomi altisonanti di sconfitte e vittorie. Una toponomastica di menzogne. E poi quella scia di sangue e leggende. Tutto crollato dentro un’ampolla di idiomi perduti.
Un ultimo pensiero la trattenne. Sentiva una nostalgia scura di torba e fango. Più volte, durante quell’approdo, aveva affondato i suoi piedi nella brughiera e ne aveva sentito il richiamo selvatico e l’odore di fossile. Dietro di lei, aleggiavano cantilene di corpi mummificati durante la Grande Carestia.  

Bea Ary

24 commenti:

  1. Azz, Bea, è un imperativo, tira fuori tutto il romanzo, non ci credo che questo è solo un post.
    Scrittura grandiosa, ricca, avvolgente, densa, raffinata senza essere fine a sè stessa... io una Bea così la rapisco e la metto alla catena e la costringo a scrivere mille pagine come questa!
    W Bea!
    GD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, arrossisco... troppo buono. Che faccio? Mi trasferisco in un cottage in cima alla scogliera o nel Burren a pascolare pecore e a cardare i pensieri? Comunque, sappi Giorgio : la storia che non ho mai ancora scritto è già dedicata a te! Mi confondi!

      Elimina
    2. Bea, la voce narrante del tuo brano ha sicuramente tantissime cose da dire e tanti che non vedono l'ora di leggerle.
      GD

      Elimina
    3. Comincio a pentirmi di aver scritto questo post! Mi farò venire il morbillo e tutte le malattie esantematiche e poi anche quelle psicosomatiche, etc!

      Elimina
  2. Bea, quando vuole, tira fuori dal cappello sempre qualcosa di prezioso. E stupisce. Il registro alto qui ben si amalgama a quanto raccontato e e alla "toponomastica delle menzogne"
    plaudo :)
    Meis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà perché amo questa terra, la sua storia, la sofferenza, l'oblio e la menzogna di cui ci parlano i suoi sterminati silenzi. Grazie Meis!

      Elimina
  3. l'unica cosa che mi preoccupa è essere d'accordo con Giorgio ;)
    Meis

    RispondiElimina
  4. Sarà perchè anch'io subisco il fascino di questi posti ma a me il brano di Bea è piaciuto tanto. Credo che i gusti geografici personali non vadano a sminuire o a influenzare l'oggettività della qualità della narrazione.
    Grazie per avermi fatto viaggiare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Michele. Bella questa geo-empatia! I viaggi a volte ritornano a noi per ricordarci la nostra essenza. Ti ringrazio tanto per i complimenti :-) Me li coccolo in attesa del prossimo viaggio.

      Elimina
  5. Mizzica, Bea, hanno ragione i miei predecessori commentatori a farti quei fior di complimenti. A me, sentire chiamare le scogliere "millenni di animalità pietrificata" mi ha fatto andare in sollucchero. Beninteso, certe scogliere con quel vento, chi soffre di vertigini, meglio non avvicinarsi troppo al monitor.
    Ciao. (emoticon a precipizio)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Raimondo: sono in solluchero anch'io perché amo la condivisione e amo i miei compagni, tutti tutti, anche quelli che per qualche motivo o per l'altro non ho ancora letto e anche quelli che verranno! (emoticon ecumenico) Grazie!

      Elimina
  6. grilletto salterino15 novembre 2013 20:14

    Questo post mi ha beato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! La vera beatitudine è stare in una classe così bella con tanti compagni/e così diversi tra loro ma tutti bravissimi, per non parlare delle maestre!!

      Elimina
  7. Ho sentito l'odore dei pub, ho gustato il porridge e ho provato la Guinness, la Murphy’s e la Smithwick's. Ho ossevato il gregge inerme, una matassa informe in attesa di un cardatore o di un poeta in cerca di memoria.Mi sono seduta accanto al segnale di pericolo sopra ai "millenni di animalità pietrificata". Ho viaggiato con te leggendo il tuo racconto, che ho trovato scritto magistarlmente: hai usato una scrittura corposa, consistente e nello stesso tempo ricercata.
    Brava, brava.
    Emoticon del: perché non ci andiamo tutti?
    L.I.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucia, sono senza parole per la tua recensione!! Ti voglio bene! Quando partiamo? Allora, si va prima a Parigi, poi a Londra e infine in Irlanda, che ne dite? :-)

      Elimina
    2. Azz, io ci sto.
      Emoticon del sorriso a sessantaquattro denti.
      L.I.

      Elimina
  8. Non conoscevo le zone di cui parli - ma ora sì.
    Un racconto molto intenso, scritto benissimo ("infinito ululante" e le pecore che si preparano alla notte sono da antologia). Dagli altri commenti intuisco che c'è un progetto più ampio, dietro: ho capito male? Se ho capito bene, sono qui a fare il tifo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paolo :-) In realtà il progetto non c'è. Ma forse per la prima volta da quando scrivo, ogni immagine si legava all'altra come in uno spartito. In realtà non ho fatto altro che abbandonarmi al ritmo. Non so se c'è una storia,ma un senso profondo sì. Proverò a tirarlo fuori. Non so come, ma ci proverò. Grazie per l'incoraggiamento :-)

      Elimina
  9. Bea, in che luogo meraviglioso ci porti, con i suoi grandi spazi, le sue musiche, i suoi sapori, il frastuono e i silenzi... Quoto Lucia: quando ci andiamo? Voglia di Irlanda, una terra che mi ha sempre affascinata, con i luoghi che racconti, quella lingua tanto misteriosa che è il gaelico, le tradizioni... e che voglia di provare la Murphy’s e la Smithwick's!
    Il tuo personaggio sembra fuggire da qualcosa o qualcuno, il mistero che per me è un po' una caratteristica dell'Irlanda è anche il mistero di questa donna, che non ci viene svelato, trovo che il non detto qui sia affrontato proprio bene. Ci sono delle frasi che mi sono piaciute tantissimo, come "il gregge era tranquillo e inerme come una matassa informe in attesa di un cardatore o di un poeta in cerca di memoria", questa sequenza mi ha ricordato un po' le atmosfere oniriche di alcuni brani di Murakami. E poi il finale, cavolo! Una goduria da leggere! Brava, brava, brava Bea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vale!! L'Irlanda è la mia terra. Credo di esserci nata tante vite fa. S', anch'io vorrei saperne di più di questa donna misteriosa che mi ha catturata. Sento che non posso abbandonarla al suo destino! Intanto magari c potremmo fare un bel viaggetto in Irlanda con la Maestra! Ci sto! :-)

      Elimina
  10. Casa si può aggiungere a ciò che è stato detto? Brava, brava, brava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Adelajde!
      Troppo gentili tutti, ma mi fa davvero un gran bene frequentare questa classe di lettori e scrittori appassionati :-) E ora tutti al pub, offro io!
      Slainte! ( Salute in irlandese)

      Elimina
  11. Descrizione fantastica. Questo è il linguaggio che amo, scorre dentro e non inciampa in posto alcuno. L'immagine della donna sospesa che non resiste al richiamo della terra e si nega al mare è bellissima, rimanda ad un universo femminile intero. E' stato un piacere leggerti, davvero.

    Adele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggo ( colpevolmente) solo ora i vostri magnifici commenti. Adele, credo che la scrittura di questo pezzo significhi qualcosa di molto profondo per me, qualcosa che devo indagare meglio, forse con altra scrittura. Per certo, scrivendolo,ho sentito una forza trascinatrice, una sorta di aderenza tra parola e sensazione. Una calamita che mi ha guidata nel ricordo.Grazie!

      Elimina