lunedì 4 novembre 2013

Tema: Oltre il buio

Svolgimento

«Dai lasciami stare, è tardi. Domani lavoro»
«Quello me lo chiami lavoro. Vieni qua. Tu non hai un lavoro. Dammi un bacio.»
«No, davvero, devi andartene, lasciami. Domattina mi alzo presto, vado in Via Lampara a sentire i vicini di quella poveretta. Hai presente quell’aggressione in casa, ora la donna è in fin di vita: quasi un altro femminicidio. Che se era femminicidio mica mandavano me. Ma da qualche parte devo cominciare ... dai lasciami»
«Sì, ma tu ti fai sfruttare da questi qua. Non è un lavoro se non ti pagano. Hanno bisogno di bassa manovalanza e hanno trovato una cretina. Si approfittano di te perché sei giovane e ingenuotta. Dai, basta adesso parlare, vieni qua.»

«Devo riuscire a scrivere un buon pezzo sul femminicidio, non è che mi prenda tanto questa cosa ma non si parla d’altro, e spero di farmi notare dalla boss. È una grande, sai, per me è un mito. I miei colleghi la chiamano Pulitzer, per sfotterla ... però, secondo me, lei lo sa benissimo. Comunque, con questo filone di articoli sui femminicidi …»
«Ma che, allora dici sul serio? La usi sul serio questa parola? Ma che significa? Niente. Un morto ammazzato è un morto ammazzato, maschio o femmina. Femminicidio! Tanto per inventare nuovi oggettini sociologici, per riempire pagine di carta straccia. Roba per quelle sfigate femministe nostalgiche, come la tua capa, ma l’hai guardata? Pare una pazza. Che mi diventi femminista pure tu? Vieni qua ora, basta, ho voglia di te.»
«Punto primo, i libri e i giornali non sono carta straccia. E il femminismo è stata una cosa seria e tu sei un ignorante. E non erano sfigate. E poi le parole sono importanti. Pensaci su, questa notte.»
«Penso a te che mi vuoi lasciare a stecchetto, proprio stasera, stronza. Per alzarti domani, vero?, per farti usare da quelli, per andare a friggere un poco di aria fritta pure tu. Vieni qua.»
«Anche tu mi usi. Dov’è tua moglie stasera? Al capezzale di sua madre?»
«Ma che c’entra adesso. Non ti fare venire le tue solite mestruazioni mentali con mia moglie. Lo sai che io non ti uso. Io ti amo.»
«Ah sì? E allora perché non la lasci?»
«Ho capito, hai voglia di litigare. Buonanotte, ci sentiamo domani, sempre che tu abbia tempo per stare con me. Sei una stronza, per una sera che potevamo dormire insieme. Vieni qua, dai. Dopo me ne vado. Io ti voglio.».
«Ma io no … »
«Davvero, stronzetta?»
Si avvicina, le è addosso.

Alle sue spalle, oltre il buio, il televisore acceso sulle news, senza volume.
Sotto il busto proteso del giornalista c’è scritto che sono le undici e mezzo, e lei ha sonno, ha camminato tutto il giorno per le vie della spazzatura perché vuole scrivere un pezzo sulla spazzatura da un’angolazione diversa, ha visto i bambini giocarci intorno, giocarci in mezzo. Giocarci.
E pensa a quei bambini adesso, ai figli di questa città che li abbraccia di miasmi e putridume colorato. Pensa che più che una piaga delle ecomafie, i cumuli nelle vie a volte le sembrano istallazioni, o una specie di pubblicità post moderna, con tutti quei sacchetti con il logo bene in vista di supermercati e templi dell’hi-tech.
Pensa alla costruzione dell’identità di quei bambini, a un mosaico fluido in cui l’immondizia firmata avrà per sempre il valore di una fondazione, potente come quello che può essere stato per suo nonno il colore dei campi mietuti di fresco o il loro lezzo aspro, di bruciato, in luglio. O per suo padre l’urlo rauco delle prime motoguzzi arrivate in paese, così diverso dai lamenti dei trattori.
Ecco, è di questo che vorrebbe veramente scrivere: di costruzioni e di evoluzioni. Di generazioni ammorbate e di futuri insostenibili.
Ma oltre il buio, alle spalle di lui, sotto il gessato impeccabile del giornalista, scorrono le notizie del giorno, poche parole che allagano gli occhi, si fanno leggere, colano significato.
Allarme femminicidi: donna trovata morta con il cranio sfondato, forse era incinta.
Dove? Ah, ecco sì, in un’altra città, lontano, lontano da qui …
«Aspetta, guarda, ce n’è stato un altro, un’altra donna … ».

«Togliti questo cavolo di vestito».

Patrizia Sardisco

8 commenti:

  1. Un pezzo molto bello. Mi è piaciuta tantissimo la parte che va da "Alle sue spalle..." fino a "... futuri insostenibili."
    Brava Patrizia.

    RispondiElimina
  2. bel post ma: hai provato a pensare tutta la prima parte non sottoforma di battute ma attraverso la narrazione di una voce terza?
    e non che il pezzo non funzioni così ma lieviterebbe parecchio
    gd

    RispondiElimina
  3. La seconda parte vola alto. La voce narrante diventa terza come dice Giorgio. Anche nella prima diluirlo invece che farne un dialogo avrebbe la stessa valenza. Il pezzo funziona bene, ha una grande forza, Grazie

    RispondiElimina
  4. Letto. E' un testo che ha bisogno di più letture però: ho intravisto diversi strati che vorrei masticare con lentezza e gustarne tutte le sfumature.
    ... Il femminicidio, la spazzatura, l'immagine dei bambini che giocano nel pattume come la cosa più normale di questo mondo, i sacchetti che riportano loghi di colossi elettronici e di supermercati che vendono prodotti avvelenati, la globalizzazione ... Poi lo strano rapporto di lei, intelligente, intraprendente che chissà perché sta con un uomo sposato, stronzo, per il quale il femminicidio è uno dei tanti casi di morti ammazzati ....
    Davvero da rileggere, a parte che lo trovo scritto benissimo. A me piace molto la tua scrittura: è una srittura che si presenta elegante, equilibrata (già detto in altro contesto, e confermo e sottoscrivo) ma mai banale o superficiale, piuttosto forte e che colpisce nei punti giusti.
    Ha la potenza del pugno di un pugile sferrato nello stomaco dell'avversario, ma su un ring e con i guantoni.
    Sei brava, Pat.
    L.I.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lucia, mi vuoi proprio bene!

      pat

      Elimina
  5. Grazie, grazie per la critica, provo a spiegare.
    La scelta di zittire la voce narrante per tutta la prima parte corrisponde al tentativo di sperimentare la "reticenza", fino alle sua massima conseguenza, cioè la scomparsa di un punto di vista esterno alla situazione che non fosse quello del lettore, il quale proprio in virtù di questo vuoto vede aumentare il proprio spazio per posizionarsi dentro la storia.
    Inoltre mi piaceva giocare con il televisore muto, da una parte, e lo scambio di battute dall'altra, incommentabile nella sua autoevidente drammaticità
    ma... vi prego, ditemi!

    pat

    RispondiElimina
  6. Dico che è un pezzo scritto molto bene, anche se le due parti, prima solo dialogo e poi solo narrazione, sembrano sbilanciate. Brava Pat.
    Spesso succede una cosa strana, per i media un problema è come se non esistesse, poi diventa un'emergenza quotidiana, poi purtroppo torna a non esistere. (emoticon mediatico)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Raimondo, apprezzo in egual misura complimenti e critiche. Se promettete di non scatenarvi dico che forse le seconde sono quelle che scavano, che seminano più profondamente

      pat

      Elimina