giovedì 26 aprile 2012

Tema: Sez. Soap & Sapone - Dawson's Creek


Svolgimento


Per cinque anni, per un totale di sei stagioni e centoventotto episodi,  Dawson, Joey, Peacey, Jen - i quattro ragazzi di Capeside che fingevano di avere quindici anni, quando in realtà erano quasi trentenni - hanno tenuto noi, adolescenti in calore, col fiato sospeso.
La trama era un cubo di Rubik: in una tranquilla cittadina il quindicenne Dawson Leery sogna di diventare regista ma l’arrivo in paese di Jen Lindley, bella e svampita ragazzina di città, sveglia i suoi ormoni (poiché l’amica d’infanzia Joey Potter non ci riusciva). Da quel momento è una cascata di avventure amorose: Peacey con una professoressa e poi con Andy, tanto carina quanto pazza, Joey con Jack (che si rivelerà omosessuale dopo qualche episodio), Dawson con una ragazza del college che sbuca da tutte le parti e quando meno se l’aspetta, Jen con il resto dei compagni: si scendeva e saliva dai letti degli altri con le movenze di un ballerino di danza classica , al mattino e al tramonto, e poi tutti a correre a piedi nudi sulla sabbia. 


La parola “Amore”, con la A maiuscola, volava ovunque e i ragazzi non avevano pace: dovevano a tutti i costi stare con qualcuno, e poi dannarsi perché innamorati di qualcun altro. 
Noi, invece, vivevamo in paesini di provincia con nomi orribili (Porticello, Villabate, Bagheria), niente a che vedere con Capeside. L’unica A maiuscola che conoscevamo era quella di A-sociale: eravamo cicciottelli, sfigati e puzzavamo a causa della pubertà che incombeva sulle nostre teste. 
E ancora: il volto distrutto dall’acne, la voce che cambiava, le consolatorie patatine fritte con salsa rosa, i compiti da fare, i professori che rompevano, le crisi (tutte quelle immaginabili). Pure noi, sognando di essere come loro, ci incontravamo al tramonto per scattare foto e montarle con la colonna sonora del telefilm - Ana Uana Uei… - cantavamo, quando in realtà, il testo della canzone è “I don’t want to wait…”


FO





25 commenti:

  1. io questa cosa non la guardavo ma ad osservare le facce mi sembrano tutti veramente antipatici: la soap era ambientata nella bottega di un parrucchiere?
    era per caso una produzione low-cost che non si poteva permettere di fornire la scarpe agli attori?
    gli attori hanno tutti lo stesso colore di meches... soffrivano di un biondo contagioso?
    mah, io vado a cercarmi le vecchie puntate di Topazio, almeno la cecata era bionda naturale...
    GD

    RispondiElimina
  2. Ahahahah, si sbaglia...la produzione non era affatto low-cost, le scarpe non le avevano proprio, non le indossavano manco per andare a scuola e soprattutto NON PRENDEVANO MAI UN FUNGO!
    Erano perfetti in tutto i ragazzi di Capeside e, soprattutto, non erano ciechi!

    RispondiElimina
  3. mi pare proprio una soap per morti di fame, meglio il petrolio di j.r.

    RispondiElimina
  4. TU eri ciccione! io sempre magro, pure da bambino e non ho mai avuto problemi di acne massiccia! giusto qualche brufoletto a dx o sx

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo primo commento e devi giusto metterlo nel mio post? Leggo qualche commento più in basso che non ti sei pronunciato sulla puzza in età puberale, rimozione?

      Elimina
  5. la dimostrazione che spesso l'eugenetica si rende necessaria ah ah ah ah :)
    meis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma i ragazzi di Capeside sono come gli scarafaggi, non li elimini facilmente...

      Elimina
  6. Ahahhah dopo aver visto la tua foto l'altra volta ti immagino bene a mangiare patatine con la salsa rosa...
    Con i nomi brutti sono morta...ma in fondo Bagheria non è così brutto.
    Dario come mai sul puzzare non ti sei pronunciato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bagheria è terribile, io voglio vivere a CAPESIDE!

      Elimina
    2. E comunque adesso non ne mangio più patatine fritte con salsa rosa....tse!

      Elimina
    3. quoto Fedecicciabomba.. Bagheria è terribile, tutti a Capeside!
      Comunque, non mi sono pronunciato sul puzzare perché in età pubertale non facevo na mazza quindi non sudavo ergo non puzzavo xD
      però non volevo farlo puzzar.. ops, pesare a Fedeciccio
      Dario F

      Elimina
    4. Secondo me puzzavi e come, io ti vedevo sempre con la solita maglietta...a meno che non ti facessi la doccia con quella addosso...
      Comunque niente da dire sul fatto che Bagheria è terribile, ma il nome mi sembra meglio di Villabate e Porticello.
      Lo so che ora non ne mangi salsa rosa, scemo di un Orlando! Dico ti immagino a quei tempi.

      Elimina
    5. Anche secondo me puzzava e aveva i capelli unti, tutto il contrario dei capelli di Dawson. Ho tagliato tutti i miei perchè non riesco ad averli come quelli di Dawson, che ne sapete voi comuni mortali di provincia!?

      Elimina
    6. in realtà avevo diverse magliette tutte uguali xD

      Elimina
  7. Io invece lo adoravo questo telefilm e ad oggi rivedrei tutte le puntate!! Mi sentivo moolto Joey io!! :P AG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha, figurati, cara AG, che ho qualche manuale sulla regia.....ehm...

      Elimina
  8. ohh my God! non poso commentare perche' non so di cosa state parlando!! mai visto il telefilm di cui parli :( mi sono fermata a Beautiful di 20 anni fa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, e per fortuna! Sai quante cagatelle più piccole in questi ultimi 20 anni?

      Elimina
  9. Io l'ho visto, da eterna adolescente mentre adolescenti cominciavano appena le mie figlie. Si ho visto Dawson e Joy e come una "babba" mi piacevano pure tutte le loro storie intrigate. Belle da americani. Si liberi, senza complessi nel volare da un letto all'altro.
    Oddio io pensavo: a me ...lasciamo perdere...
    Il post è scritto bene: i posti brutti mi sono piaciuti e anche l'acne e le patatine con salsa rosa: qui vedi eri preciso, sputato ai giovani americani.
    Da allora in poi non c'è stata tregua: Da una mamma per amica a quell'altro che non mi ricordo, un susseguirsi di soap!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavolo, per fortuna mi sono fermato a Dawson's Creek! Adesso è questo blog la mia soap quotidiana!
      Ciao e grazie!

      Elimina
  10. Dawson icona della mascella quadrata del vorrei ma non posso.. io adolescente che guardavo di strisci le mie amiche stupide che credevano alla tv.. bel pezzo spumeggiante .
    id

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah! Dovremmo collaborare, io e te, e scrivere nuovamente questo post! "Mascella quadrata" e "icone del vorrei ma non posso" è una descrizione perfetta!
      Grazie ID
      Ciao!

      Elimina
  11. Ah! Doson! Ricordo che venne lanciato in Italia che io andavo alle medie. Tutte le mie compagnette sbrodolavano per il bel biondino, e non si perdevano una puntata, mentre io lo snobbavo e preferivo dragon ball, videogiochi e pallone.
    Poi però mi sono ritrovato, alla veneranda età di 20 anni, ad aspettare le tre del pomeriggio per potermi godere un'altra puntata dell'amatoodiato telefilm.
    Adolescente tardivo.

    Come altre serie simili (penso a OC), sono polpettoni ben calibrati, però sono fatti molto bene. Personaggi molto efficaci, che rimangono in testa.
    (E poi io ho una passionaccia perversa per questa roba!)

    PS - Andy pazza? Ma no! Se non ricordo male, era semplicemente una secchioncella con problemi di autostima....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha!
      Mizza, mi vergogno a dirlo ma ero innamorato di Joey!
      Andy? Era totalmente schizzata!
      Ahahah
      Ciao!

      Elimina
  12. accidenti me la sono persa, ma credo mi avrebbero fatto più effetto degli adolescenti in piena tempesta ormonale
    llg

    RispondiElimina