domenica 4 settembre 2011

TEMA: Le camille editoriali e la generazione TQ*

SVOLGIMENTO

Come ci ha spiegato la maestra, nel mondo reale che ci circonda ci sono troppe camille editoriali tutte fatte con la stessa ricetta romanzesca: tre personaggi che soffrono veramente troppo (assai), almeno 60.000 parole semplici,  pruriti all'apparato genitale q.b. e una manciata abbondante di punti e a capo.
La maestra ci ha detto che ci sono delle persone, ritenute scemissime e che si fanno chiamare generazione TQ, che odiano le camille editoriali e vorrebbero che tutti ammettessero che sono indigeste e fanno rincoglionire (questa parolaccia l'ha usata proprio lei).
A molti i TQ fanno ridere, dice la maestra, perchè nel mondo reale che ci circonda quando qualcuno si incazza tutti gli altri si scompisciano e fanno a gara a chi fa più pipì: dicono persino che i TQ non sono veri militanti perchè, a differenza di altri come i Wu Ming, non partecipano a cose in piazza tipo il G8. Ma se i TQ andassero a Kabul, allora li prenderebbero sul serio?
GD

* generazione TQ: movimento di intelettuali e altri lavoratori del mondo della cultura e dell'editoria che hanno deciso di attaccare il sistema.

5 commenti:

  1. Federico Moccia (alcune informazioni potrebbero essere false)4 settembre 2011 17:35

    ...stai parlando di qualcuno in particolare per caso?

    RispondiElimina
  2. Io odio tutti i libri di Margareth Mazzantini, in particolare quello di cui avete pubblicato la copertina sopra, senon fosse la moglie di quell' altro nessuno se la filerebbe. Libri patetici come Lei.

    RispondiElimina
  3. @Anonimo: pensa un po', la Mazzantini ha scritto "Zorro" per suo marito perchè pare che in letteratura mancasse un testo modulato sulle sue capacità interpretative... buttana 'ra miseria a iddu Shakespeare non gli basta..

    RispondiElimina
  4. @Federico Moccia: non mi riferivo a te, le tue "editoriali" non sono solo camille...

    RispondiElimina
  5. Federico Moccia (alcune informazioni potrebbero essere false)5 settembre 2011 10:31

    ahahahahah!

    RispondiElimina