domenica 11 marzo 2012

sez. anatomia - tema: Cuore

Oh mio piccolo cuore, caro compagno, che batti e ci tieni in vita, stai sempre con noi, in cucina (a volte nel tegame, ottimo con cipolla e aceto), sulle nostre tavole (piatto piano, contorno di purè) e nei nostri letti: filo sottile ti collega e alla mente e all'anima e a quei luoghi bassi (dove non batte il sole). Posizione secondaria ti e' capitata...ahime'!
Lo sterno ti fa da scudo e provi gelosia, nascosto talvolta da un petto villoso in cerca di una sensuale tartaruga, altre volte da un davanzale sovrastato da un prosperoso seno che desta curiosita' e molteplici interrogativi circa la sua misura. Mai nessuno che si occupi di te, nessuno che si interroghi sul numero delle tue frequenze cardiache, ne' una lode a Leonardo che rappresento' la tua anatomia. I tuoi battiti da uno stetoscopio sono monitorati: quando sono lenti sembra che tremi, poi le tue frequenze accellerano - ci sono attimi dove corre il rischio di scoppiare, altri in cui sembra voglia schizzare dalla cassa toracica.
"Cuore matto" mentre abbracci la persona amata fino a sentirti male,"cuore muto" quando ti commuovi, tremi di freddo e di paura - il dolore ti indurisce.
Se vai in defibrillazione fai correre tutti:"presto...lo stiamo perdendo...piu' veloci!"
I medici cercano di ascoltare ogni tua anomalia, aritmia o tachicardia, collegandoti ad una macchina, analizzano il tuo miocardio, ventricolo destro, ventricolo sinistro, ma tu sei forte, perfino in coma spesso resisti.


Cerchi sempre qualcosa o qualcuno da amare e non ti dai pace: avvelenato da molti mostri grassi che aumentano i trigliceridi e ti fanno soffrire chiudendo le tue arterie (ma anche certi magri sono dannosi uguale).
Oh cuore, batti e non ascolti ragione, perdoni, ti nascondi, ti disperi, ti ammali...cuore zittito, disperato, messo in croce: segui l'illusione di una adrenalinica passione, scherzi quando sembri spezzato dal dolore ma poi torni a battere e pulsare in modo regolare.
Tu, oh cuore, pompi il tuo sangue e lo distribuisci nelle vene, e li' racchiudi tutto il tuo segreto, organo pulsante - tra una pompa e l'altra, che sia funebre o d'altra specie: pompa di calore o da pompiere o pompa magna.

Antonella Tarantino

8 commenti:

  1. Beh, saranno le Antonelle che vogliono parlare di cuore: penso ad Antonella Lo Coco (ha partecipato all'ultimo X Factor) che canta "Cuore scoppiato". Assegna una serie di aggettivi interessanti e inusuali per un cuore:

    "tutti i pezzi del mio cuore, scoppiato,
    saltato,
    incendiato,
    incustodito,
    violentato,
    rubato,
    arrabbiato,
    alienato."

    Brave a entrambe le Antonelle allora...più la Tarantino però!

    RispondiElimina
  2. "Un cuore matto, matto da legare"

    Mi piace! Brava Antonella e benvenuta tra noi :)

    RispondiElimina
  3. Argh, che post ai globuli!!!
    Nina scrive bene e legge altrettanto: era al reading dlell'8 marzo, sua è stata la conclusione strepitosa!
    GD

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Antonella Tarantino13 marzo 2012 18:38

    Grazie di cuore!

    RispondiElimina
  7. benvenuta!!!! io già ero tua fan da quando ho visto le foto dell'8 marzo, ora ancor di più!

    RispondiElimina