mercoledì 21 marzo 2012

Tema: Il sudore


Svolgimento

Il movimento delle pale del ventilatore è quasi un sollievo e poi, al buio, è uno dei pochi rumori riconoscibili, meglio seguire questo che lasciarsi distrarre da quelli che vengono da fuori, acqua che scorre, qualcuno che canta in lontananza, passi sulla terra bagnata e poi ci sono tutti i rumori e i movimenti che vengono dalla stanza, a qualche centimetro dal mio letto, quelli fanno ancora più paura, sono rumori di piccole zampe che spostano gli oggetti, tende mosse dal vento e pure qualcosa che precipita da chissà dove; provo a dormire, magari se non stessi galleggiando nel mio sudore raccolto dal sacco a pelo impermeabile che ho usato per coprire il materasso sporco, ci riuscirei; magari se la zanzariera decidesse di rimanere appesa al chiodo piuttosto che poggiarsi delicatamente sul mio volto già bagnato e appiccicoso, riuscirei a chiudere gli occhi; magari se l’elettricità non venisse a mancare nel paese in cui mi trovo, nel bel mezzo della notte, il ventilatore riuscirebbe ad allontanare le zanzare anofele dalla mia pelle – non hai bisogno della zanzariera e del ventilatore insieme – dice il mio coinquilino: e adesso che entrambi sono fuori uso?
Il movimento che sento addosso, e che sale dal braccio al collo, non è un insetto, probabilmente è solo la mia immaginazione, mi dico, ma le zampe sulla pelle bagnata sono inconfondibili; chiudo gli occhi, non penso al buco della finestra, non penso alle creature che potrebbero entrare da lì, e poi che ore saranno, presto sarà l’alba, qualcuno non mi aveva detto che alle cinque, in Africa c’era già il sole caldo?


Sono riuscito a dormire un poco? Non lo so, adesso provo ad aprire gli occhi e guardare l’orologio dal display del cellulare, ce la posso fare. I due zeri che segnano le due in punto sembrano i miei occhi spalancati, sorrido mentre qualche altra goccia si aggiunge al resto del sudore.

Il buio è rassicurante in realtà, penso questo mentre le pale del ventilatore riprendono il loro movimento ad un metro da me. Meglio se mi rimetto a dormire.



FO (nelle foto: la mia stanza a Nametil, Mozambico)

11 commenti:

  1. Su questa tua esperienza ci dovresti scrivere un romanzo. Se non lo hai già fatto :)

    RispondiElimina
  2. Ahahah! No, non l'ho ancora fatto. Aspetto di imparare a scrivere bene per farlo...per questo sono qui

    RispondiElimina
    Risposte
    1. FO, non fare il modesto sususussuus

      Elimina
    2. Ahahahah, mai fatto il modesto, cara wood!

      Elimina
  3. insetti sulla mia pelle....sono già nel panico!!
    hai perfettamente reso l'idea!
    llg

    RispondiElimina
  4. Sappi che mi sarei messa ad urlare.
    Molto efficace la descrizione

    RispondiElimina
  5. agli insetti piace il sangue dei vegani?
    Gd

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto! Non rovinarmi il prossimo pezzo ahahaha!

      Elimina
  6. FO e Plas..d.um F.l.ipa.um ?!? curiositàààà :D AG

    RispondiElimina
  7. @AG: proprio lui! ahahahah spero di non incontrarne più in vita mia!

    RispondiElimina