martedì 6 marzo 2012

Tema: L'importanza dei cardini per Virginia Woolf

Bisogna oleare i cardini, cigolano! – o forse avevano detto strepitano? e poi, chi era stato a dirlo? Leo ieri mattina a colazione, sì, mentre si ostinava a rompere delle noci con le mani (lei distratta – Lady Ramsey mi distrugge, vorrei un’ombra che tarli il suo sguardo mentre i suoi occhi si perdono nel mare) o, forse, era stata Vanessa a lamentare che quelle cerniere così asciutte avrebbero fatto fallire persino il piano di un ladro astuto: ruberebbe mai le bozze del tuo romanzo? Chissà che una firma maschile non possa finalmente mettere d’accordo tutti!
Tanto sciocca Nessa – no, si diverte alle mie spalle -, eppure tanto cara se non che potrebbe avere ragione ma la sfida è questa, e poi (lo sottoscriverei mille e più di mille volte ancora) un uomo finisce per tessere grandi orditi, enormi solo a distanza – tele indiane in cui un filo grezzo interrompe la corsa dell’occhio.
Leo, che orrore! Come mai la porta del mio studiolo è muta?
Signora Woolf, il signor Leonard non c'è, stamattina Charlie ha ingrassato le giunture, è stato il signor Leonard a incaricarlo, che a volte ci vuole, ha detto il signor Leonard – dice Lottie alle prese con la biancheria da riporre.
Che poi Lottie è scesa giù in cucina – Nelly a sventrare una tacchinella che la signora vuole per pranzo -: hai sentito la signora urlare? Non voleva che le si ingrassassero i cardini! Era furibonda, ha detto persino che il cigolio per lei è canto di uccelli, ha nominato chissà quale maledetto pennuto paradisiaco che vive tra i boschi, io a far finta di niente, lei allora mi ha detto Lottie, sei una imbecille, sparisci dalla mia vista. Poi si è seduta, ha maledetto suo marito dieci volte e quindi ha preso un foglio bianco e si è messa a scrivere. Ora pare calma, provvidenza di dio.

Accompagnato dal cigolio dei cardini e dallo stridore dei chiavistelli, dai tonfi e dagli sbatacchiamenti di panelli di legno rigonfi di umidità, pareva si stesse svolgendo un parto rugginoso….. (Gita al faro)

GD

20 commenti:

  1. virginia, uno dei miei grandi amori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. argh, mi hai beccato che lo stavo rivedendo... ehssì, leggerla è una lezione di scrittura.
      'notte!
      GD

      Elimina
  2. nel castello cambiai due volte le
    giunture arggh,
    sono mille finestre.
    GD devi soggiornare a shankill!!:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ella..un posto piu' soleggiato no?? :)

      Elimina
    2. (dopo essermi documentato su shankill - w wikipedia, ecco la risposta)
      sìììììììì, ci vado - ma prima voglio visitare la grotta del leone a pizzo cane (a 10km da casa mia), dicono che ci seppellivano i morti di lupara bianca... Ella, vuoi le coordinate?
      GD

      Elimina
  3. Sig.ra Fletcher6 marzo 2012 11:50

    Gent.le Sig.ra Woolf,
    sono la Sig.ra Fletcher sua vicina di casa, ringrazi Charlie per aver oliato i cardini, Le ha salvato la vita, perche' nella prossima serie della Sig.ra in Giallo non avrei esitato a farla morire schiacciata sotto il suo cancello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trucida signora Fletcher, spoetizzante per giunta.. non è che di secondo nome lei fa Lottie?
      GD
      (i cardini della Woolf non si toccano, lei li ha messi pure nell'incipit della signora Dalloway)

      Elimina
  4. Maledire dieci volte il marito ha un suono familiare, come quello dei cardini arrugginiti: cose assolutamente necessarie.
    La creatività ha bisogno della tortura, e che l' olio divenga odio. La calma serena che non ha bisogno di misurarsi è la tomba della scrittura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La calma serena che non ha bisogno di misurarsi è la tomba della scrittura.

      (Lepri, ma questa frase merita di fare da esergo.... e in qeusto caso il commento supera il post...)
      GD

      Elimina
    2. Troppo buono...

      Elimina
    3. troppa fifa :)

      Elimina
    4. esergo...cardini...poetizzante...ma che meraviglia :)
      meis

      Elimina
    5. Maestraaaa!!! La Wood dice che la Lepri è una strega cattiva!!

      Elimina
    6. Maestra, mi creda : Terrorizza gli alunni, li obbliga a scrivere cose che non pensano :)

      Elimina
    7. quando la lepri non c'è, la wood dice cose peggiori assai....anche cose tipo Il giustiziere delle notes!
      gd

      Elimina
  5. viste le sue entrature ecclesiastiche chiederemo al Meis se invita per l'ora di religione l'esorcista padre Amorth ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esci da questo corpo, brutta sputacchiatrice di passato di piselli!
      GD

      Elimina
  6. è che di Virginia ce ne è una sola...e mica è facile aprire il mistero delle sue porte cigolanti di chiavistelli stridenti...

    RispondiElimina
  7. eh no caro Bartucca..c'e' anche la Virginia di Moncalieri, madre di Gianni Agnelli :)

    RispondiElimina