domenica 2 dicembre 2012

Tema: Zucchero filato

Sez. Aspettando l'Apocalisse
Svolgimento


A guardare il cielo viene da sorridere questa mattina che di più azzurro c'è solo a primavera, e ha nuvoloni belli e bianchi che se ci metti un bastoncino sono zucchero filato. 

E a Mattia lo zucchero filato piace tanto tanto, anche se la nonna glielo dice sempre che poi gli cadono i dentini. La mamma lo imbacucca tutto e lui guarda la finestra e immagina già la stecca di zucchero filato e le sue dita appiccicose e impiastricciate. Ultimi giorni di scuola e poi le vacanze di Natale! Non vede l’ora che finisca la giornata, che nonno Marco a sera lo porterà alle giostre e finalmente avrà il suo amato zucchero filato. Sorride sornione con le guance rosse di letto e si lascia coprire di sciarpa, guanti e cappuccio, almeno zittisce la mamma. Con un bacio grosso sulla guancia la zittisce, che parla velocissima e Mattia vuole tornarsene a letto, altro che scuola! «brrrrrr» gli si torcono le guance e il suo viso è una smorfia da mangiarselo con le patate quando dice di aver freddo, e a ridere la madre innamorata di quel figlio, si sente l'unica donna ad averne mai avuto uno. 

I finestrini si appannano così veloci che Mattia scoppia a ridere, non si vede proprio niente niente ed è bello rimanere al calduccio accovacciato sul sedile. Da dentro non si vede proprio la lunga scia di auto che fanno da tappeto nelle vie del centro «Col Natale alle porte la gente diventa pazza, neanche fosse l'ultimo Natale! Mattia, tu lo sai che la mamma ti vuole tanto bene?» «Sì». Conosceva oramai quel gioco e, senza troppa soddisfazione, rispondeva meccanico alla madre «E tu quanto vuoi bene alla mamma?» «Quanto il mave» con quella erre moscia di dentini da latte oramai caduti. E a canticchiare tutti e due le canzoni di Aladdin «Il mondo è tuooo» stona la madre, «Il mondo è mio» con voce bianca e acuta.


E i compagnetti, e le maestre, e i bidelli con panettoni, pandori, pasticcini e caramelle. Rumori di baci su guance, strette di mano e campane tintinnati. E salta di qua e balla con me, Babbo Natale eppure la Befana, il folletto, i pacchetti coi regali. Lo zucchero filato no. Quello non c’è e Mattia a sognarselo già tra le mani. E la campanella segna la fine di quello strazio. Di corsa in macchina con mamma verso casa, col cielo azzurro, le luci di Natale accese anche di giorno, il traffico, i clacson, negozi pieni di gente «Tanto tu e mammina tua hanno comprato già tutti i regali». Balza giù dal sedile e si lancia in braccia al nonno e affonda il viso nella barba bianca e vaporosa. Pranzo veloce e forsennato, senza forchette che volano in aria imitando improbabili aeroplanini o cucchiai che viaggiano veloci da poterli scambiare per treni intergalattici. Uno sbadiglio fa da preludio a due caldissime e ovattate ore di sonno con le note delicate di un respiro profondo e intenso, e alito che sa di latte e miele. E svegliarsi col buio di un pomeriggio invernale che puoi sconfiggere solo con una spada da pirata nella mano destra e una manciata di biscotti nella sinistra, e un pezzetto di cioccolato, solo un pezzetto «che poi cadono i dentini e ti fa male il pancino». E di nuovo a imbacuccarsi da astronauta: berretto, sciarpa, guanti giubbone, stivali mentre nonno Marco lo aspetta all’uscio. Luci, grida, musiche, clown, palloncini, caramelle, giocattoli, mele caramellate, marionette, bambini, guinzagli, cani, pesci rossi, tartarughe, streghe, mostri, pirati, principesse, cavalli, canarini, pappagalli. Un mondo tutto colorato che non sazia mai gli occhi, ingordo Mattia guardando famelico ogni cosa stregato ora da un colore ora da un suono. E via a fare il cow boy sul cavallo giostra che gira intorno, e vai a fare il mozzo in una nave pirata, e di corsa l’archeologo tra resti di dinosauri. Urla, botti, risate e la bellezza di un cielo bucato di stelle. Mattia guarda il nonno, è il momento di chiederlo: «Nonno, nonno! Mi avevi pvomesso lo zu


VB

11 commenti:

  1. Uno dei racconti più belli che ho letto sulla fine del m
    RQ

    RispondiElimina
  2. lo penso anch'io. VB riesce sempre a trascinare il lettore nel suo mondo e lo fa così bene che il lettore poi si guarda intorno e vede veramente il parco giochi, i palloncini e lo zucchero filato. Bravo Bartuc

    RispondiElimina
  3. Che straziante meraviglia. La fine perfetta del racconto perfetto. VB io comunque ci provo, se poi arriva arriva, e altrimenti niente gelat

    (TVB)

    RispondiElimina
  4. Caro VB penso proprio che tu abbia lanciato una nuov
    RQ

    RispondiElimina
  5. E ora che son tutto appiccicoso di zucchero di filato? :)
    Vito...non ti farò i complimenti...no no...mi paiono così scontati...ti dirò come già sai che di questo racconto sono solo profondamente invidioso! :)
    Meis

    RispondiElimina
  6. azz.... chiunque oggi volesse pubblicare qualcosa, ma proprio chiunque, pure quelli che escono con Adelphi o con Einaudi, dovrebbe rapportarsi a questo post: o scrivi meglio di Vituzzo Zuccheroso o lettera solita "ci dispiace non poterla pubblicare riprovi con prossimo romanzo".

    ma quanto è bello sto post, pare tirato fuori da un film di hitchcock
    gd

    RispondiElimina
  7. grazie cari, siete sempre così lusinghieri!

    io credo che la fine del mondo è:

    "un uomo che non può comunicare ad un altro uomo il proprio desiderio.










    RispondiElimina

  8. Grazie VB questo racconto cosi' filato e delicato mi ha ricordato l'odore di quella nuvola bianca che non strappo dal bastoncino di legno dall'eta' di Matteo.

    RispondiElimina
  9. Grilletto Salterino3 dicembre 2012 21:06

    ci ho dovuto pensare parecchio, ero combattuta tra il troppo zucchero e il troppo "sguardo su bambini innocenti" che anche loro si sa fanno bum con tutti gli altri, ma alla fine ho capito cosa penso:
    quest'idea del NIENTE così repentino è Geniale
    Bravo VB

    RispondiElimina
  10. Queto post è bellissimo, complimenti!
    Mi ha riportata indietro negli anni, ai ricordi d'infanzia e a tutti quei bastoncini di zucchero filato che non ho mangiato ( per via della mia tendenza ad ingrassare)
    rappresentano tutti i miei rimpianti, tutti i desideri che non realizzo perchè nascondo, non manifesto...che tristezza!
    Nina

    RispondiElimina