giovedì 2 febbraio 2012

Sez. 8 marzo Tema: La piccola Elisa

Le cronache del tempo raccontano che nel Febbraio del 1922 Achille Ratti, arcivescovo di Milano, è il nuovo papa. Ha scelto di chiamarsi Pio XI. Nato a Desio, 65 anni prima, era stato eletto alla quattordicesima votazione. I cardinali conservatori e quelli progressisti non riuscivano a mettersi d’accordo. De Nicola rifiuta di fare un nuovo governo. Accetta Luigi Facta, appoggiato da popolari, democratici, giolittiani. Esce il primo numero de “La Rivoluzione liberale”, la nuova rivista di cultura politica del giovane giornalista Piero Gobetti. Oltralpe è ghigliottinato a Versailles Henri Désiré Landru, omicida e seduttore: in sei anni ha convinto 10 donne a intestargli tutti i beni, poi le ha uccise e bruciate nel forno. Oltre la Manica, invece, Lo scrittore irlandese James Joyce ha pubblicato un nuovo libro: “Ulysses”. La critica dice che è illeggibile.
In questo marasma di avvenimenti mondiali, ad inizio mese, il 2-2-22, nasce in un piccolo paese arroccato sulle colline dell’Appennino, Luisa Maria Teresa per tutti la piccola “Elisa” ultima di nove figli. Mite nel carattere ma un po’ troppo “spilungona” per i suoi tempi, cresciuta a pane e dibattiti politici tra papà antifascista e zio socialista, appassionata di lettura e ciclismo era la pupilla dei suoi fratelli. Ormai ritenuta dai più zitella, Elisa trova l’amore a 33 anni, un po’ troppi per quell’epoca, ma non tanti da impedirle di avere quattro figliole. Di idee moderne e progressiste, è favorevole al divorzio perchè: “è sempre meglio che scannarsi litigando”.
Ma a parte questo, Elisa nasce con un grandissimo dono: due mani miracolose. No, non faceva la pranoterapeuta, ma se prendeva un filo, le sue mani lo trasformavano subito in ricamo, intaglio, centrino, corpetto per un abito da sposa, eppure non faceva la ricamatrice. Se toccava una pianta ormai morta e sepolta questa rifioriva pian pianino, fino a sconfiggere quelle radici secche per tornare a inorgoglirsi sotto i suoi occhi, eppure non si occupava di botanica. Ancora oggi i suoi occhi un po’ liquidi inseguono punti alti, catenelle, giri, come una inappuntabile coreografia o guardano le foglie ingiallirsi e poi rifiorire tra le sue mani come nel ciclo delle stagioni. 
Da lei erano andati esperti e luminari, giunti da ogni parte, tutti volevano capire cosa ci fosse in quelle mani miracolose che facevano rifiorire piante morte. Lei aspettava paziente, giravano e rigiravano le sue mani, guardavano, analizzavano, fotografavano. Alla fine tutti andavano via sconsolati ma con la stessa identica sensazione: come se una nuova linfa scorresse dentro di loro. Allora Elisa tornava a sedersi sulla sua poltrona, gli occhi rivolti alla finestra, a guardare oltre le case, a ricordare le sue vite passate, immaginare quelle future e le sue mani tornavano a brillare. 
Oggi compie 90 anni e nessuno ha scoperto il segreto di quelle mani ma, quando le stringo tra le mie, sento una strana sensazione…come se una nuova linfa scorresse dentro di me.

l.l.g.



25 commenti:

  1. La mia, la nostra adorabile Elisa!! Ti voglio bene, non fa mai male dirlo una volta in più!! Buon compleanno!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. impossibile non dirle tutto l'amore che c'è...
      llg

      Elimina
  2. Buon compleanno a Elisa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lei ti ringrazierebbe stringendoti le mani...
      llg

      Elimina
  3. Auguroni a Nonna Svolgimento! La classe la adotta
    (bello il pezzo, anche la contestualizzazione storica... mi piacque assai)
    GD

    RispondiElimina
  4. merci, merci per gli auguri ma soprattutto per l'adozione glielo farò leggere e ne sarà assolutamente commossa :-)
    llg

    RispondiElimina
  5. quanto avrei bisogno di quelle mani! buon compleanno poi! :)
    meis

    RispondiElimina
  6. Che bellissimo compleanno! Ma siamo sicuri che poi questa splendida nonna se li prenderebbe tutti sti nipoti? Un'intera classe di monelli?
    bg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lei è già in movimento per preparare biscotti e ciccolata calda per tutti e per le alunne a cui i maschi hanno sciolto i nastri nei capelli lei è lì che aspetta per fare due belle trecce.

      llg

      Elimina
  7. può mettere una mano sulla mia testa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vorrei che Nonna Elisa vivesse per altri 90 anni...lasciamo perdere!

      Elimina
  8. Questo post mi ha trasmesso tranquillita'. Ora sto bene.

    Auguri Elisa!

    RispondiElimina
  9. Bellissimo :') Ti vogliamo bene nonnina, tanti tanti auguri! :)
    Nico

    RispondiElimina
  10. Tanti auguri a Nonnina!! Davvero bello... :)

    RispondiElimina
  11. Ho ancora le lenzuola che mia nonna ricamò per il mio corredo, lei che lavorava alla Tela Umbra aveva voluto per la nipote il lino più antico da ricamare per un letto da principessa medioevale. La nipote arrivò al divorzio senza averle mai usate ma ogni volta che apre il cassetto, in mezzo ai copripiumini Ikea, la nonna le strizza l'occhio e sospira...
    Auguri, nonna di tutti! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...lenzuola ricamate...stanno bene anche tra i piumini Ikea e la nonna credo che strizzi l'occhio benevola
      llg

      Elimina
  12. Cara nonna Elisa auguri Si credo che sarà bellissimo baciare le sue mani.
    Metti le tue mani sulle teste di tutte queste testoline. E fa che il mal di testa voli via.
    Ciao nonna e ciao LLG

    RispondiElimina
  13. che tenerezza! Io invece ho avuto una nonna megerissima .... un giorno ve la racconterò.
    Auguri alla nonna e a chi la renderà immortale scrivendo la sua storia.
    Manubirba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie manubirba allora aspettiamo di leggere di lei
      llg

      Elimina
    2. quasi quasi mi ci metto già stasera ...
      un bacione e grazie a tutti perché siete peperoncino per la mia testa

      Elimina
  14. auguri nonnina bella :D ti vogliamo bene! sei speciale Benny

    RispondiElimina
  15. Ciuzza!! Sono riuscito a leggerlo solo adesso....ma è bellissimo!!!! Mi sono pure commosso :-)
    Zia Elisa è grande, ho sempre avuto un grande affetto per lei.....spero di abbracciarla presto. Un bacione!! Gianni

    RispondiElimina