venerdì 24 febbraio 2012

Sez. Anatomia - Tema: La lingua


Talmente usata da esser dimenticata.
Protagonista silenziosa,
istrionica custode dell'anima.
Avviluppata, arrotolata
vive nascosta tra soffi e sbuffi
in un umida caverna.
Comanda e decide ogni azione
tenendo in scacco intelletto
e ragione.

Pudica, sboccata,

Difesa da due ancelle
arroganti e vanitose.
Due sierene imbellettate
e viziate.
Due mascar spietate.

Meretrice e traditrice
Voluttuosa danzatrice

Taciturna dispensatrice di pensieri

Anima di uomini
e di imperi
Adorata musa
passionale e golosa
Al suo volere ti devi inchinare

è lei che ti racconta
in silenzio
tristezze e piaceri.
è lei che per prima devi
nutrire.
è lei che per prima ti dirà
che devi morire.

Ella Bix

31 commenti:

  1. la mia lingua è nata per fare GOSSIP!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vogliamo parlare di cibo?? :)

      Elimina
    2. Uff...si a me piace anche arrotolare sulla lingua i crostini di gorgonzola, quelli salame e burro occelli,i grissini al sesamo, la pasta al forno con gli anelletti, la meringata, la creme brule'..etc etc

      Elimina
  2. la mia....no, non posso scriverlo ;)
    meis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah, battuta scontata Meis!

      Elimina
    2. talmente scontata che manco avevo finito di scriverla che eri qui a commentarla :P
      meis

      Elimina
    3. Meis , che banalita'! te la passo solo perche' oggi è venerdi'

      Elimina
    4. ma non ho neanche scritto a cosa...che ne sapete?! Malevoli...malevoli siete, sempre a pensar male...volevo scrive: per declamare versi!!!!!
      meis

      Elimina
    5. MEIS, Non ti salvi neanche in CORNER hai dovuto pensarci troppo!

      Elimina
    6. malevoli e malpensanti :P
      meis

      Elimina
  3. Viaru è
    Monica Lewinsky

    RispondiElimina
  4. la mia per leccare il barattolo della nutella
    BG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'hai una prolunga o sei incorociata con i ramarri? come c'arrivi fino in fondo?

      Elimina
    2. Vuoi che srotoli?

      Elimina
  5. abbiamo tutti un gran da fare vedo oggi eh eh eh eh
    buon fine settimana ragazzi...grande Ella :)
    meis

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. Questo post mi piace molto comunque!

      Elimina
    2. Anche AMME'! Ella è Davvero incredibile come riesce ad infilare le parole!

      Elimina
  7. Di bue, nel bollito, insieme alla sacra coda. Da mangiare con maionese e salsa verde. Mhmmm...
    (solo uno di noi due poteva scriverlo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. onnivoro sono e onnivoro rimango :-)

      Elimina
  8. Son arrivata tardi...è rimasto qualcosa da leccare? Ella,il tuo post mi è piaciuto assai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhahah! forse il fondo del barattolo di nutella se la lingua di BG non si è srotolata tutta:)

      Elimina
    2. Grazie Bea,
      hai una bella istrionica danzatrice in bocca
      :-)
      pare una fiorentina :-)!

      Elimina
  9. Mi piaaaaceeee questo post!!! io la mia la uso da sempre per fare le linguacce!!!! (e mi vengono bene...)

    RispondiElimina
  10. Beccatevi questa: http://www.youtube.com/watch?v=McLssSVCSqs
    Mi piacque assai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante
      Il direttore ha il mio nome, che sia un destino
      perverso.
      Li conosci valeria!?
      Gli invio la mia lingua

      Elimina
    2. Eheh non personalmente...però sono stata a un paio di concerti

      Elimina
    3. Spesso mi son domandato
      come nascono i testi delle canzoni.
      prima la musica
      prima il testo
      entrambi.
      Valeria,
      può essere una bella sezione di workshop.
      chi ha conoscenze nel campo?

      Elimina
  11. Posso dirti che si può procedere in entrambi I modi, spesso però nasce prima la musica: quando viene dall'anima ha una tale forza che parla già da sola, l'aggiunzione di un testo è solo completare un discorso già iniziato, con fantastiche possibilità perché musica e testo possono essere in contrasto, cosicché le parole cambiano significato, si deformano, si strizzano o si diluiscono. Altre volte il testo può essere preesistente rispetto alla musica, come ad esempio in alcune canzoni di de andrè o nella poesia "negghia" che è stata musicata dallo stesso gruppo di "cinestetica". Secondo me dipende dall'intenzione comunicativa dell'autore, che "sente"prima le parole o I suoni.

    RispondiElimina
  12. Leggo in ritardo la tua risposta BV, scusami.
    Ho la stessa sensazione,,,la musica ha vita sua, le parole sono integrazione.
    Anche se in canti popolari privi di strumenti senza la parola non hai musica,,,,interessante
    Hugs PJ

    RispondiElimina