lunedì 6 febbraio 2012

Sez. 8 - Tema: Margherita C.

Mio marito Riccardo? Un pazzo da legare. Non poteva stare fermo con le mani nelle mani, doveva fare tante cose, e cioè casini di tutti i generi, oppure, nella migliore delle ipotesi farmi la manomorta e se non mi andava lui insisteva dicendo che dovevamo fare l’amore prima che venisse l’indomani. Perché?, domandavo io, domani forse diventi impotente? Non era possibile dissuaderlo. Di notte quando già dormivo lui iniziava a russare alla grande e io non potevo più riposare e seppure mi riaddormentavo al risveglio non riuscivo a scordare quanto russasse forte perché mi rimaneva come un fischio nelle orecchie. Che inferno di vita! Ogni notte era lunga, più nera del nero, avevo gli incubi anche ad occhi aperti e la luna a furia di guardarla mi sembrava sempre più grande da riempire il cielo intero. Appena faceva giorno e splendeva il sole mi ritornava il sorriso perché finalmente Riccardo se ne andava a lavorare e per un po’ si levava dai piedi. Ma il guaio era che la sera tornava a casa e pretendeva che io, stanca morta com’ero tra faccende domestiche e lavoro in ufficio, cantassi per lui tutte le canzoni che conoscevo! Va bene una volta, magari in occasione di qualche ricorrenza, ma tutte le sere era una bella tortura. A volte cantava pure lui, che tra l’altro era stonato come una campana, oppure si metteva a parlare per ore e ore, fino a notte fonda svegliando tutti i condomini che avrebbero voluto dormire anche loro in santa pace. Che inferno di vita! Certi pomeriggi domenicali quando ormai stremata crollavo dal sonno sul divano allora mi saltava addosso abbracciandomi forte perché aveva capito che avevo voglia di fare l’amore! Io? Io volevo soltanto dormire senza avere rotte le scatole! Il sabato cercava di fare il marito modello e mi accompagnava al supermercato ma spesso all’uscita si metteva a correre per strada, lui davanti e io dietro con tutti i pacchi della spesa! Riccardo fermati, gli urlavo, mi sono cadute le patate e la bottiglia del latte si è pure rotta! Fermati che non ce la faccio più! E lui sapete che cosa mi rispondeva? Ma no Margherita cara dopo che abbiamo corso adesso mettiamoci a ballare per strada perché so che ti fa gioire! Disgraziato, gli dicevo, a furia di correre abbiamo perso metà della spesa, un sacco di soldi buttati al vento! Io ti lascio! E lui rispondeva, non è possibile che tu mi lasci Margherita cara, io so che tu odi il rancore! In quei momenti vi giuro che lo avrei strozzato. Ma il peggio doveva ancora arrivare!

Un giorno fu preso dalla mania di uscire con dei secchi di vernice di tutti i colori. Li nascondeva nel portabagagli e quando meno me lo aspettavo si metteva a imbrattare muri, case, vicoli e palazzi e se la gente urlando ci minacciava dai balconi lui si limitava a sorridere e a dare la colpa a me, scusate, scusate diceva ma il fatto è che a mia moglie Margherita piacciono tanto i colori! Ve l’immaginate la reazione delle persone? I secchi di vernice ce li tiravano dietro e tornavo a casa con certi bernoccoli sulla testa che dovevo tenere per giorni la borsa del ghiaccio. Un’altra mania di Riccardo era poi quella di raccogliere fiori, il guaio è che non li raccoglieva nei prati ma li strappava nei giardini pubblici o li rubava ai fiorai. Abbiamo così accumulato decine e decine fra multe e denunzie. Ma lui non si preoccupava di nulla, sorrideva e diceva che dovevamo godere di quello che poteva darci la Primavera. Peccato che i carabinieri che venivano ogni tanto a trovarci non lo pensassero allo stesso modo. Che inferno di vita! L’ultima follia poi fu quella della costosissima culla gigante, tra l’altro mai usata, che commissionò a un architetto ritenendola più erotica e stimolante del nostro letto coniugale. Non ce la facevo più! Dovevo uscire da quell’inferno ma non sapevo come. Poi una sera Riccardo salì sul tetto del palazzo. Distrusse numerose antenne televisive compresa la nostra e dire che quella sera mandavano in onda l’ultima puntata del mio sceneggiato preferito! Decisi di raggiungerlo sul tetto. Perché hai fatto questo macello? urlai. Lui mi guardò tutto ispirato dicendo che voleva su salire nel cielo per prendermi una stella. Ma chi te l’ha chiesto? urlai ancora. Perché tu Margherita sei buona, mi rispose, sei bella, sei dolce, sei vera, sei la mia pazzia. No, risposi furente, non sono io la tua pazzia, sei già pazzo di tuo e questa è l’ultima stronzata che fai! Gli mollai un ceffone, perse l’equilibrio, e mentre stupito cadeva nel vuoto, mi dedicò l’ultima frase della sua vita: “Margherita non sa che può  far male”.      
Laura Mancuso
      

34 commenti:

  1. Aahahahahahaahh...e ancora ahahahahahahaha!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono felice che ti sia piaciuo grazie

      Elimina
  2. manco la Madonna di Siracusa ha pianto quanto me durante la lettura....
    GD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che esagerato!!! Grazie dei complimenti

      Elimina
  3. ah, benvenuta Laura!!!!
    GD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie sono lieta di far parte della squadra! Baci

      Elimina
  4. AHHAHAHH|!AHHHA!HHAHHAH! MI STO AMMAZZANDO DALLE RISATE! MA CHI SEI???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono lieta che ti sia piaciuto il brano. Chi sono? Una che cerca di guardare il punto di vista di chi si pensa possa essere felice di ricevere le attenzioni di uno come Riccardo.

      Elimina
  5. Io non posso stare ferma con le mani nelle mani...devo tenermi la pancia...dal ridere!!
    Benvenuta!
    BG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Com'è bello far ridere la gente! Grazie

      Elimina
  6. :) stupendo!! ma quanto mi fai ridere?? :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di continuare così! Grazie

      Elimina
  7. decisamente un debutto esilarante e ben scritto!
    bentrovata laura...già inserita tra gli alunni!
    Meis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie grazie! Sono proprio contenta di essere dei vostri.

      Elimina
  8. Margherita ha ragione!! Qui di amore si parla. Ma fu amore assassino e possessivo. Insomma folle , folle AMore come disse la Patty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì!! Amore folle era!! Margherita non se la fidava più!

      Elimina
  9. Risposte
    1. Grazie del complimento!

      Elimina
  10. Grande Laura, strepitosa Margherita, uno spettacolo della natura!!
    llg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono davvero contante di avere ricevuto tanti consensi. W Margherita!

      Elimina
  11. e quando gli preparavi la pasta insipida lui ti gridava MARGHERITA E IL SALEEEEEE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhhhh!!!!!!!!!!!

      Elimina
    2. Se è per questo Margherita era anche "tutto" quindi a Riccardo gli poteva portate anche la stricnina....

      Elimina
  12. M'ama non M'ama M'ama...Strappiamole le braccine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Margherita è anche il vento e se le si vogliono strappare le braccine se vola via!

      Elimina
  13. Lauraaa fantastico!!!
    Rosanna

    RispondiElimina
  14. AHAHAHAHAHAHAHAHAH....fantastico, esilarante!
    Laura, sei una meraviglia
    Liliana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dei bellissimi complimenti!!

      Elimina
  15. strepitosa laura !!!
    monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strepitosa ammiratrice! grazie!

      Elimina
  16. bravissima, Laura!!! questo post è divertentissimo!!!è la seconda volta che lo leggo e te lo dice una fan del ricky...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono lusingatissima! Grazie.

      Elimina
    2. Sono lusingatissima! Grazie.

      Elimina