domenica 5 febbraio 2012

Sez. 8 marzo - Tema: Il mondo di Greta.


...quand'ebbero camminato fino a mezzogiorno, 
giunsero a una casina fatta di pane e ricoperta di focaccia, 
con le finestre di zucchero trasparente. 
"Ci siederemo qui e mangeremo a sazietà," disse Hänsel. 
"Io mangerò un pezzo di tetto; tu, Gretel, mangia un pezzo di finestra: è dolce"...

Hänsel e Gretel
fratelli Grimm





Entrò nella stanza correndo la bimba che quasi stava per inciampare e il merletto del suo abito bianco bianco e fresco fresco di ammorbidente si sarebbe sporcato e strappato. L'ingresso sapeva di dopobarba e di mentolo perché era domenica ed era arrivato lo zio che si rasava solo la domenica. E lei non voleva contare i giorni della settimana, li sapeva certo, ma a lei non importava, tanto sapeva che c'era la domenica che odorava di dopobarba e di mentolo perché arrivava lo zio. E portava le paste. Dentro ad un pacchettino con la carta gialla e il nastro rosso che teneva al mignolo che era un equilibrista lo zio. Aveva i baffoni neri neri e duri duri che si pungeva le mani Greta quando glieli afferrava forte e li tirava. E rideva lo zio con la sua voce grossa di Babbo Natale. E lei rideva con la sua voce da topina che squittiva come Rudolf, che era il suo criceto che girava nella ruota e non si annoiava mai. Greta e il suo vestito bianco bianco che sapeva di ammorbidente la domenica. Andava alla prima elementare e riempiva pagine di A e conosceva l'alfabeto intero, e sapeva contare, e sapeva a memoria le canzoni dei cartone animati, e giocava a fare la mamma con il suo bambolotto che faceva la pipì. E Greta faceva la pipì. Dentro al letto una notte sì e una notte no e le piaceva tanto svegliarsi col calore tra le gambe e il letto caldo. E la mamma la lavava e la profumava con la colonia alle rose. Beveva il latte caldo e andava dritta a scuola a riempire pagine e pagine di O. Come rideva con la sua bocca sdentata di latte e le sue labbra rosse di fragole. E l'odore di mamma nelle ascelle. Greta che indossava le sue scarpette blu e non le voleva togliere mai. Che erano di velluto e Greta le accarezzava mentre la maestra spiegava come se ho tre caramelle e la nonna me ne da due io ho cinque caramelle. Il velluto era bello e morbido come il pelo di Gigio il gatto grigio. L'ultimo regalo di natale.

Greta aveva la sua camera che sapeva ancora di nuovo, con le sue bambole e i trucchi delle fatine, con le aluccie disegnate e gli amuleti e le bacchette magiche. E sognava dentro al suo baule che c'era un altro mondo lì dentro, “il mondo di dentro al baule”. C’era Oriol in quel mondo che la prendeva per mano e a Greta sudava la mano ma rideva perché lui la accompagnava in quel mondo.  Era una meraviglia dentro al baule. Fiori coloratissimi e mai visti, cavalli bianchi con la coda d’argento, gatti dorati con occhi verdi, uccellini azzurri dal becco rosso, farfalle grandi come non aveva mai viste, frutti strani dai colori forti e dal sapore dolcissimo. Poi fiumi e laghi con alghe, pesci verdi e gialli, gamberetti azzurri, ostriche blu, vongole arancioni e granchi bianchi come la neve. Greta che si incantava. E non lo diceva a nessuno Greta che c’era quel mondo che poi tutti ci volevano andare. Lo sapevo solo lo zio che sapeva di dopobarba e mentolo e che veniva la domenica e lei si faceva trovare bellissima. Davanti allo specchio si pittava le labbra di rossetto rosa e gli occhi verdi. Lo zio era uguale uguale a Oriol che viveva nel baule. Solo che lo zio era più bello. Una domenica prese la mano grande e forte e piena di peli dello zio e lo portò nella sua stanza e, civettuola, gli mostrò le sue bambole e il bambolotto che fa la pipì come lei. E i trucchi tutti in bella vista e l’orologio e il quadretto e le penne con le piume e le bacchette magiche e gli amuleti che ti trasformano. E aprì il baule Greta e prese per mano lo zio e lo accompagnò nel mondo incantato. E lo zio era pure incantato. Era forte lo zio, grande e grosso coi  suoi baffoni neri neri e duri duri che si pungeva le mani Greta quando glieli afferrava forte e li tirava. E lo zio si sedeva nella seggiola e Greta a cavalcioni su di lui. E rideva Greta sopra al suo destriero con l’odore buono che era di dopobarba e di mentolo. Con quella faccia liscia di velluto blu e i baffoni neri neri e duri duri. A greta piaceva tanto lo zio che arrivava la domenica. E portava le paste. Dentro ad un pacchettino con la carta gialla e il nastro rosso che teneva al mignolo. Era un equilibrista lo zio.


VB

8 commenti:

  1. C'è innocenza nell'indecenza. Nel crimine c'è la collaborazione della vittima a sua stessa insaputa e l'orrore vive accanto alla fiaba, e vi si mescola. Dirlo e non dirlo, farlo vedere senza mostrarlo ma svelandolo. Vito secondo me è già pronto per l'università.

    RispondiElimina
  2. Vito sei un grande !
    BG

    RispondiElimina
  3. Bellissimo pezzo! Mi è piacita la scelta del punto di vista e come hai mantenuto l'equilibrio tra la malizia e l'innocenza, mostrando senza descrivere. Con quei baffoni pungenti che incombono su tutto il pezzo. Dai ripetizioni agli asini dell'ultimo banco?
    Manubirba

    RispondiElimina
  4. ogni baule pieno di colori ha dentro sfumature segrete, spaventose e buie...e la tua raffinatezza nel raccontarle rende tutto magico nonostante tutto......perchè la vita è anche questa purtroppo. bravo bravo come sempre e più di sempre...

    RispondiElimina
  5. grazie!
    come al solito siete troppo gentili...

    RispondiElimina
  6. ... semplicemente elegante!
    matali

    RispondiElimina
  7. Bello e in temissima.
    Si sull'orlo sempre di una narrazione diafana con personaggi tenuti in bilico tra circo e belle epoche : immagino lo zio in panama e baffoni e poi in calzamaglia a fare l'equilibrista con una bambola in pizzo. Purtroppo il gioco s'intorbidisce dentro a un baule da mille meraviglie che non sono più luogo d'innocenza e d'infanzia. Racconta con tanta leggera eleganza l'innocenza violata. Grazie!! non si dirà mai abbastanza ...purtroppo.

    RispondiElimina