mercoledì 14 novembre 2012

Sez. Le torte di Ninà: la torta golosa alla nutella

Svolgimento

Domani viene nonnina Marta, è appena tornata da Lourdes e ha un pensierino per noi, non mi ha chiesto altro, mi ha detto Giacomo, dì a Paola di farmi la sua deliziosa torta golosa alla nutella. 
Dico io – riflette Paola -, ha la pressione a trecento, un po’ di diabete, l’epilessia ma è sempre in giro tra San Giovanni Rotondo, Medjugorje, Lourdes e Civitavecchia (glielo hanno spiegato mille volte che la storia della madonna che lacrima sangue è una panzana: è sangue di porco, gli ha detto Giacomo,lo hanno dimostrato gli esami, ma lei no, cocciuta, anzi cocciuta e invasata, ha detto poco importa, se la Madonna ha scelto di lacrimare sangue di porco si vede che il porco è il suo animale preferito – da allora mangia maiale tutti i giorni!). E comunque, torta golosa alla nutella, che ci vogliamo fare – pensa Paola - , quella deliziosa.
Nonnina Marta di contro compatisce Paola, Giacomo avrebbe meritato una ragazza meno religiosa, più all’avanguardia, più emancipata, anche un po’ femminista.. Paola è una povera zoticona retrograda che accende candele ai santi e prepara torte per riempirsi le giornate; fosse in lei uscirebbe al mattino e rientrerebbe la sera, perché Nonnina Marta a tutte queste storie di apparizioni non ci crede – io li faccio parlare quando mi dicono che sono una cattolica integralista, a me non me ne frega una cippa delle madonne che compaiono, a me interessa viaggiare, prendere treni e aerei, dormire in albergo, mangiare al ristorante, che se non ci fossero le gite della parrocchia mi toccherebbe restare chiusa in casa, esattamente come Paola. Facciamo la volontà di Dio, pensa nonnina Marta, e intanto ripone in borsa il regaluccio che ha comprato a Lourdes per Paolina (la chiama così ma non per vezzeggiarla, lei cita tacitamente le Paoline, quelle che stampano le vite dei santi – non si possono leggere, pensa nonnina Marta).

Diamoci alla cucina, Paola deve preparare la torta golosa alla nutella, la torta golosa per la nonnina Marta timorata di dio e martire, pensa Paola. Deve essere deliziosa. E pure benedetta.
Paola accende tre candele, inserisce il CD di Marylin Manson, clicca ON, volume a palla, chitarra elettrica strapazzata, voce disumana, spegne le luci, poi prende un crocifisso e lo mette sottosopra. Possiamo procedere, l’energia è quella giusta.
Paola tira fuori la farina dallo stipetto, la sparge sul tavolo e con un dito scrive 6 6 6. Raccoglie la farina e la ripone nella terrina. Pesa lo zucchero, 300g basterebbero ma lei ne pesa 666 grammi: il diabete a volte va aiutato, dice Paola, e intanto balla attorno al tavolo graffiando l’aria. Pape Satan, pape Satan, aleppe, urla Paola mentre aggiunge le uova e il lievito.
Mi servirebbe una gallina viva viva da sgozzare fresca fresca, che peccato non averne una. 
Gli occhi di Paola si illuminano di una luce sinistra: la canarina, quella che non si è ancora rassegnata alla perdita delle uova e cova il nido vuoto. Paola si avvicina alla gabbia e le dice Amò, è venuta la tua ora, male che ti vada finisci martire sul calendario. L’uccella non sarebbe molto d’accordo, comincia a battere le ali, si agita, schizza da tutte le parti, prova a dare beccate, ma Paola ha la luce sinistra negli occhi, sa quello che vuole. Paola la afferra, zacchete, la testa salta, poi la spreme nell’impasto, sino all’ultima goccia. Paola si getta per terra e simula un invasamento tenendo le cosce larghe. 
Bene, forno caldo, torta in forno. Una volta cotta basterà scaricarle addosso una manata di mascarpone e un barattolo di nutella.
Nonnina Marta è arrivata. Paolina cara, ti ho pensata, che peccato che tu non sia mai andata a Lourdes, dovresti cara mia, qualche volta ti ci porto io – nonnina Marta non lo farebbe mai, ma tanto si sa, l’acquisizione migliore dei novant’anni è poter sparare cazzate senza doversi giustificare. 
Nonnina cara, risponde Paola, mi farebbe davvero piacere. Mangiamo la torta? 
Sono venuta qui per questo, risponde nonnina sorridendo. 
È proprio carina la nonnina con il suo abito marrone a pois bianchi e i capelli raccolti nella crocchia, un po’ invasata ma carina, pare uscita da un film americano.
Tieni Paolina, dice nonnina, l’ho portata per te. E le porge la madonnina di plastica piena di acqua benedetta. È miracolosa, non sai quanti storpi se ne vanno danzando dopo essersi immersi nelle vasche di Lourdes, dice nonnina mentre gusta un bocconcino di torta… mmmhhh, è proprio golosa questa torta!, e intanto guarda Paola che svita il tappo dalla bottiglietta e si inumidisce le dita e si cosparge il capo e il collo, per fare piacere alla nonnina. 
Ma guarda quanto è retrograda e cretina, pensa nonnina Marta che la bottiglietta di Lourdes l’ha riempita con l’acqua del bicchiere, quello dove di notte mette ammollo la dentiera. 

GD

34 commenti:

  1. Ahahahahah, come ha fatto questo blog a prendere questa piega!? Siamo nati con così buone intenzioni! Ma come può una mente VEGANA generare queste cose?!
    Questo post è fantastico, ahahahahah, questa Paola è sempre più terribile e i suoi ospiti sempre più cattivi!
    Non riesco a smettere di ridere pensando a Paola che scrive 666 nella farina!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. argh, sto pezzo è venuto un tantinello splatter-satanico...
      gd

      Elimina
    2. Si. Splatter satanico! Vergogna D'Amato.

      Elimina
  2. Questa torta è veramente deliziosa.
    Da scompisciarsi la scena della Madonna che piange lacrime di sangue di porco.
    Mi dispiace solo che la canarina non possa dare un contributo alla prossima torta.
    Sull'acqua miracolosa, beh l'importante è essere convinti, ma se c'è la convinzione, che bisogno c'è dell'acqua? (emoticon diabolicon)
    RQ

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, la canarina potrebbe ricomparire, magari in un flash-back o sottoforma di spirito che si invasa in Paola.. RQ, la prox la scriviamo insieme?
      gd

      Elimina
    2. volentieri, io l'avevo una tortadinutella in testa, ma mi sa che per questa volta non sarà cotta in tempo. (emoticheticonto?)
      RQ

      Elimina
    3. nooooo, RQ, sei ancora in tempo,dai, molla una torta!
      gd

      Elimina
    4. Non sono mica una mucca.
      (emoticacca)
      RQ

      Elimina
  3. ahahahha GD ma quanto ti diverti scrivendo in questa sezione? Questo post è divertentissimo.
    Ma due cose mi stonano : "Paola si getta per terra e simula un invasamento tenendo le cosce larghe." avendo già conosciuto Paola durante la preparazione di altre torte, trovo quest' immagine un po' forzata! Perchè le cosce larghe?! Non immagino così Paola!
    E poi... "acquisizione migliore dei novant’anni è poter sparare cazzate senza doversi giustificare." ecco! La parola "cazzate" non la trovo essenziale, da un lato non saprei sostituirla ( si dice sempre "non sparare cazzate"), ma secondo me la nonnina in quel momento non sta dicendo propriamente una cazzata!
    ecco sì, adesso possiamo litigare! eheh AG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, ci rido da solo mentre le scrivo, che prima le scrivo ridendo da solo e poi cerco qualcuno a cui leggere, tutto priato come un picciriddo coglione, sì, lo so, sono un poco coglione.
      le cosce larghe mi sono venute in mente pensando alle cosce larghe delle baccanti della festa di laurea di maria, quanto alle cazzate forse una vecchietta direbbe minchiuni ca non è piccato e manco santiuni.
      la cosa che mi preoccupa è che ultimamente scrivo solo di torte....
      gd

      Elimina
    2. ma continua pure a scrivere di torte che qui ci divertiamo tantissimo! Per il resto è proprio questo il punto!
      Considera che io credo di non essermi nemmeno accorta delle cosce larghe delle baccanti! (maschi! -.-') sì ecco. sei un poco coglione! ihihi ^_^

      Elimina
  4. Divertentissima la prima parte...da shock la parte della canarina sgozzata...questa Paola inizia a farmi paura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione, la seconda parte è crudele.. però il regime satanico della preparazione imponeva un uccello sgozzato.
      in compenso non ho fatto alcuna operazione strana con la nutella, la torta è quasi commestibile
      gd

      Elimina
  5. No no no, la canarina sgozzata e spremuta nella torta è proprio una caduta di stile!
    E poi i satanisti gli animali li mangiano vivi, mica cotti al forno con la nutella!

    Gabriella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. é una descrizione orribile, lo so, ma le messe sataniche sono a base di polli sgozzati.. cosa schifosa perchè potrebbero senz'altro comprare degli ottimi polli allo spiedo già cotti e con la gabbia toracica cosparsa di rosmarino e altre spezie buone.
      però da vegano penso che anche quei polli che vendono cotti in qualche modo sono morti, forse proprio come il canarino di Paola.
      sotto il profilo narrativo non discuto, è una caduta molto splatter la mia...
      grazie Gabriella!!!
      gd

      Elimina
  6. Non si possono scrivere cose del genere! Non è il post a farmi paura ma tu e non mi resta che seguirti in cucina a controllare tutti gli ingredienti delle tue pietanze o evitare di stare alla tua tavola...ahahah
    I riferimenti teologici sono terrificanti anzi diabolici quanto la tua numerologia satanica e il sangue di porco che lacrima e il rito del ballo.
    Io avrei aggiunto agli ingredienti qualche ciocca di capelli ( un diavolo per capello...ahahah)e avrei preso goccia di cioccolata per la decorazione finale dalla gabbia della canarina.
    Quanta cattiva pubblicità!!!

    Nina
    Quanta cattiva pubblicità!

    Nina
    Quanta cattiva pubblicità!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ripetilo un'altra volta che non l'ho capito! ahahahaha

      Elimina
    2. I capelli come ingrediente... mi toccherà farmi ispirare da L'Oreal: grazie Nina!
      gd

      ma la tua torta sarà all'altezza della mia?

      Elimina
    3. Porterò Massime Eterne con me...e lo invocherò nel momento della prova!

      Quanta cattiva pubblicità!!!

      Nina

      Elimina
    4. Ah dimenticavo..per quanto riguarda i tuoi capelli ho l'acqua di Padre Pio proveniente da San Giovanni Rotondo, puoi provare a fare uno shampoo con quella, chissà...!


      Nina

      Elimina
    5. Ahahahahahahha, grande Nina!

      Elimina
    6. Nina ma a questa sottospecie di vegano, che poi è finto e si capisce dal fatto che scrive sempre di torte con uova e uccelli e sangue, perchè nella torta alla nutella versione vegana non metti un po' di ....., di ......, intendo un po' di polvere di stigghiola(non traducibile) in polvere?! :D AG

      Elimina
    7. Ahahaha, anche perchè una POLVERE di stigghiola in SCAGLIE non penso esista! ahahaha

      Elimina
    8. ahahhahah mi è scappata troppa polvere perchè le stigghiola da mettere sono assai!

      Elimina
  7. Grilletto Salterino14 novembre 2012 18:25

    Non sono vegana, detesto certuni animalisti ipocriti, mangio di tutto, ma non tollero che si sprechi il cibo, GiiiiiiDiiiiiiiiiiiiii dovevi spennarla prima la canarina e dopo avergliela fatta spremere mi fai la sacrosanta cortesia di dire a quella stronza di Paola di riporla in frigo e di cucinarla entro due o tre giorni.
    Grazie.
    Grilletto antisplatter

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grill, con una canarina al più si può fare un brodino povero povero... cucinerò anche il suo compagnetto che è rimasto da solo in gabbia
      gd

      Elimina
    2. Grilletto Salterino14 novembre 2012 22:14

      ma che razza di vegano bastardo sei?
      - con tutta la mia stima -
      Grilletto turpiloquo

      Elimina
  8. Grilletto Salterino14 novembre 2012 19:34

    What's "stigghiola"?
    Grilletto assetato di conoscenza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si tratta di interiora ovine o bovine alla brace.
      Street food tipico di Palermo, da consumare immersi in una nuvola densa di fumo dal sentore pesante di barbecue di grasso di yak lanoso himalaiano. Molta gente ne va matta. (emotossisco)
      RQ

      Elimina
    2. Grilletto Salterino14 novembre 2012 22:11

      ah longusu e parti limitrofe, ok
      Grilletto metropolitano

      Elimina
  9. Cavolo!!! La performance culinaria migliore della nostra Paola! Mi hai fatto morire dal ridere, mi piace quando sei così cattivo. Mi è piaciuto tantissimo il fatto che si prendano per bigotte a vicenda e che invece non lo sia nessuna delle due, sono due che si odiano ma non perché sono diverse, anche se credono di esserlo.

    RispondiElimina
  10. :))) Tutto questo senso dell'umorismo nero non lo avevi mai manifestato! Devono averti traumatizzato da piccino con qualche torta avariata: tra le tue, non ce n'è una che non contenga schifezze. E scusa se d'ora in poi da te rifiuteremo tutti il dolce...

    RispondiElimina
  11. Wow! Ho letto la seconda parte accelerando sempre più! Funziona!

    GUA'

    RispondiElimina