lunedì 19 novembre 2012

Tema: Fazio ha fatto una marchetta a Faletti

Se volessimo, se volassimo, se valessimo…. dopo che Filippo sentì queste parole andò in bagno a vomitare: il riso nero che aveva ingurgitato riscoprì la luce di una lampadina a basso consumo per tre secondi, dopodiché finì a navigare dentro le tubature di una fogna che scarica chissà dove.
Un passo indietro: Filippo tra un X-factor in replica e un America’s next top-model  era finito su “Che tempo che fa”, programmino imbastito su tutti i cartamodelli di una cultura militante di sinistra che invita scrittori ebrei, politici palestinesi, filosofi francesi e soubrette invecchiate-ma-ancora-di-successo in sud america.
Quella sera (ieri), l’ospite era Giorgio Faletti, non in veste di scrittore o di cabarettista, no, in veste di cantautore.
Il pezzo proposto è “nudi”, un titolo che richiama ad una stanza chiusa, a due corpi che forse hanno fatto l’amore o stanno per farlo, insomma, belle premesse.


Ma Giorgio Faletti  ci tiene a dire che la canzone è autobiografica, che ricorda l’incontro con una donna in un villaggio, lui innamorato di lei, lei innamorata di lui (della sua faccia, del suo carattere etc etc) che però gli dice che senza soldi non si mette su casa (o qualcosa del genere). Per cui si lasciano.

A distanza di anni, Giorgio Faletti tira fuori questa canzone. Forse per  dire a quella donna che se si fosse fidata oggi sarebbe la moglie di uno scrittore/cabarettista/cantautore di successo che va pesino da Fazio?
Che cosa squallida la vendetta.
Io a quella donna direi: Amò, sei stata fortunatissima a non esserti fidata di un meschino che oggi canta ‘sta gran minchiata col botto. Hai fatto bene. Ma per farglielo sapere, non scrivere una canzone. Non fare nulla. Che quella canzone proprio non si può sentire. Lo sai cosa dice? bocche di labbra…. ahahhahahhahahah ma anche: Se volessimo, se volassimo, se valessimo.
Dopo l’ultima nota il regista ha esitato sullo sguardo umido di Faletti per diversi secondi.
Filippo dopo aver vomitato si è ripreso guardando un reality in cui gli sfidanti dovevano essere bravi a creare vestiti, ha vinto una che ha utilizzato ricambi per aspirapolvere.

GD

29 commenti:

  1. la querula bontà da minculpop di centro sinistra si sposa con la pochezza di talenti esibiti a benefici di "guadagni" amici: fossero questi produttori, editori, funzionari di partito a dirigere aziende culturali pubbliche. Film che nessuno vedrà mai nelle sale e finanziati con fondi pubblici arrivati per non aver rotto i coglioni in aula per altre manovre ben più meschine (conflitto di interessi?) ...così lavoriamo tutti e possiamo anche permettervi di prendere in giro il potere: con qualche imitazione bonaria o il walter e la jolanda della littizzetto...Fazio è né più né meno del pippo franco da bagaglino!
    Meis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meis, dicono che un passaggio da FAzio, in termini di numeri, equilvale a 15.000 copie vendute.
      gd

      Elimina
    2. senti, se dovessi mai andarci io e te promettimi che a metà iniziamo a litigare che devono intervenire a dividerci....fatto ciò scoppiamo a ridere come mentecatti ah ah ah ah
      Meis

      Elimina
    3. io e te da Fazio? ahahhahahahhaaa peccato non potersi tirare i capelli, ma ci pigliamo di sicuro a colpi di borsette come ARbore e Benigni in una gag di qualche anno fa
      gd

      Elimina
  2. Fazio sa fare solo marchette.
    la scorsa settimana l'ha fatta a Paolo Giordano cosi' come si è premurato di fargliela Gramellini sulla prima pagina della La Stampa nel suo BUONGIORNO.

    Alla fine è sempre la stessa storia : Gli SCRIBACCHINI vanno in TV e gli SCRITTORI quelli veri li lasciano marcire!
    w la SOTTOCULTURA!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Wood. Quel Corpo umano di Giordano è brutto fin dal titolo

      Elimina
  3. FrancescoBetteDavis19 novembre 2012 15:40

    eppure, una volta per tutte, bisognerebbe spiegare, testo alla mano, perché Faletti è uno scrivente e non uno scrittore e Giordano, etc.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. generatore di trame?
      http://www.mediamente.rai.it/docs/approfondimenti/010705.asp

      io ci ho provato a leggere sia un libro di Faletti che uno di Giordano (vabbè, uno di Giordano...il primo....) e la sensazione che usino un generatore di trame è moooooolto forte
      :)
      Meis

      Elimina
  4. Forse fare le marchette fa parte del format, così come era al Costanzosciò.
    La canzone di Faletti però era veramente brutta.
    Allora meglio "come è fatto" per scoprire come si costruisce una mazza da baseball o come si inscatola il cuore di palma (emotizapping).
    RQ

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhaha, guardiamo le stesse cose.. RQ, anche tu rimani imbabolato davanti il programma "Malattie imbarazzanti"?
      gd

      Elimina
    2. "malattie imbarazzanti" dipende quali, perché mi impressiono troppo. Comunque pensavo di essere solo e invece mi stupisco di te GD, che mi scivoli sul pus. (emoticon imbarazzante)
      RQ

      Elimina
  5. @Francesco
    Forse possiamo cambiarla ma è l'unica che c'è
    Questa vita di stracci e sorrisi e di mezze parole
    Forse cent'anni o duecento è un attimo che va
    Fosse di un attimo appena
    Sarebbe con me tutti vestiti di vento ad inseguirci nel sole
    Tutti aggrappati ad un filo e non sappiamo dove
    (signor tenente della minchia, di G.Faletti)

    e' un volo a planare
    dentro il peggiore motel
    di questa carrettera
    di questa vita balera
    e' un volo a planare
    per essere inchiodati qui
    crocifissi al muro

    Persino una canzoncina della BErtè destinata a far rimepire le casse di un juke-box è molto molto meglio della migliore canzone di Giorgio Faletti.
    Non ho trovato il testo di Nudi...

    Ah, dimenticavo, il pezzo era arrangiato in modo scarno con una chitarrina leggera leggera attipo Carla Bruni, con lui che pareva Gino Paoli, con lui che prima canta in modo stentato usando i toni bassi, e poi, sul ritornello, scende di un'ottava per dare incisività al dolore.... della cippa!

    E poi quel primo piano languido sugli occhi sofferenti di Faletti.. ma nemmeno nelle sigle delle telenovelas si osa tanto...

    GD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cmq nella canzone "nudi" nel ritornello sale di un ottava e nn scende, le note sono più acute rispetto a quelle gravi delle prime strofe. Io ho trovato la melodia invece molto gradevole nella sua semplicità. Non per fare un paragone, ma il grande Tom Jobim in una nota canzone dice: "C'è tanta gente che parla tanto e non dice niente, o quasi niente. io mi sono servito di tutta la scala e alla fine non è rimasto niente, non è servito a niente.." A volte anche con una sola nota si riesce a dire tutto.

      http://www.youtube.com/watch?v=0CYpukkQo04

      MR

      Elimina
    2. La questione, cara MR, non è sulla melodia (per quel che mi riguarda, una vale l'altra), ma su:
      1. testo banale (solo Valerio Scanu con i suoi "in tutti i modi, in tutti i luoghi, in tutti i laghi" aveva osato tanto.... ahaaaa
      2. La parte finale in cui sale di un'ottava (grazie per avermi corretto :) ), è un modo banale di enfatizzare
      3. Arrangiamento scarnificato per dare drammaticità al testo.

      Sì, non sono necessarie troppe note o troppi accordi per creare un bel pezzo: Horse with no name, degli America, si basa solo su due accordi. Ma ripeto, il problema non è melodico, il problema sta nel " se volessimo, se volassimo, se valessimo ".
      (vado a ripassare Valerio Scanu)
      GD

      Elimina
  6. Ho trovato questo BLOG un sacco di psunti per creare la trama di un BEST SELLER!!

    http://obbrobbrio.blogspot.it/


    PS Tra i 2 la piu' patetica ormai è la LITTIZZETTO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ottimo link.

      ormai la Littizzetto non la guardo più..dice sempre le stesse cose.
      GD

      Elimina
  7. Grilletto Salterino19 novembre 2012 18:25

    sicuramente la tizia ci aveva "due roberti così"

    RispondiElimina
  8. Ah Ah Ah!!! Filippo, mi hai fatto ridere. E'scritto così bene che pare di stare a parlare con Filippo, che ti snocciola con ritmo di samba un Faletti olè. Un faletti con la f minuscola che si è svenduto ancora una volta...Come mi dispiace perchè Faletti mi era simpatico, e olè è finito nella pattumiera. Ma il riso nero l'hai davvero vomitato? Che peccato costa quel che costa...si chiama Venere. E non valeva di certo se valessimo, se volessimo, se volassimo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cla,il tuo commento e' troppo Faighissimo!

      Elimina
    2. Mi fa piacere che ti sia piaciuto. Ma a te Faletti piaceva? Non come scrittore. L'ho letto e fa piangere. Come personaggio si mi piaceva. Questa scivolata da Fazio ti giuro mi lascia di gesso. Ciao Fantastica wood

      Elimina
  9. Ahah pura poesia! Prendi spunto da testi tanto profondi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro Faletti, quanto mi è piaciuto vederlo cantare, è bravo davvero, sembra Gino PAolo pur avendo venti anni in meno.
      PErò il mio cane ulula meglio.
      GD

      Elimina
    2. Dovresti insegnare a Wally a cantare "se valessimo, se volessimo, se volassimo"

      Elimina
    3. nah, Wally preferisce gli standard del jazz, tranne che quando allatta, allora solo le canzoni di Cristina D'Avena
      ahaahha
      gd

      Elimina
  10. Visto che ho ragione io a non volere la TV in casa? Finch durerà, perché se e quando il moroso dovesse decidere di trasferirsi da me si poterebbe la sua al seguito, che è pure larga come un lenzuolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Metterei un mi piace, dico: mi piace

      Elimina
    2. Io non ho una TV in casa. Ho vietato ai miei, quando ci trasferimmo, di portarne una per me.

      Elimina
    3. e i pornazzi allora dove li guardi?
      ahahaaahaa
      gd

      Elimina
    4. su youporn! of course ;)
      GM

      Elimina