venerdì 30 novembre 2012

Tema: Stampa alternativa

Svolgimento


L’impiegata allo sportello, quando mi vede le si illuminano gli occhi di un sorriso sincero, chissà quanti vorrebbero essere al posto mio. E me la offre con la solita schiettezza e generosità. Io da un po’ di anni la prendo, me la porto a casa, guardo la pelle della copertina con il logo d’oro impresso a caldo bene in vista sul davanti. La sfoglio velocemente, per farmi un po’ d’aria sulla faccia e la poso in un angolo della scrivania. È lì che ritrovo sempre tutte le agende degli anni passati, intatte e illibate, con le pagine ingiallite sul bordo e la polvere stratificata sulla copertina.
La mia compagnia di assicurazioni anche quest’anno ha preparato le sue agende inutili per l‘anno prossimo. Stavolta ho rifiutato con gentilezza, ma la signora dell’agenzia forse ci è rimasta un po’ male.
Non l’avrei fatto, se l’agenda fosse stata di prosciutto cotto.
Mi sarei accontentato anche di un numero minore di pagine, e di una sobria rilegatura in cotenna di maiale. Ne avrei gustato l’utilità giorno per giorno, strappando una pagina e mettendola tra due fette di pane. Mi sarei ricordato con piacere dei miei appuntamenti, delle ricorrenze, della mia banca, della mia compagnia di assicurazione. Già dal primo morso avrei potuto apprezzare il garbo degli impiegati e i loro modi gentili, e avrei digerito anche con facilità qualsiasi aumento sull’RC auto.


Conti alla mano, decidere di regalare ai propri clienti un’agenda di prosciutto costerebbe alle aziende molto meno, rispetto alle edizioni con inserti a colori, stampe in rilievo, sovraccoperte in materiali rari e preziosi. La selezione del tipo di prosciutto e del formato della fetta sarebbero commissionati a un pizzicagnolo di fiducia, per poi affidare l’operazione delicata di rilegatura a uno staff di norcini esperti.
L’Italia è un paese pieno di lavoratori abili nel settore degli insaccati, molte zone di produzione con le loro specialità fornirebbero volentieri il materiale necessario.
Per la realizzazione di un’agenda di pregio, dedicata a una fascia di clienti particolarmente facoltosi, potrei suggerire di scegliere il culatello di Zibello, o anche un prosciutto di Parma DOP riserva ventiquattro mesi. Da utilizzare per tutti gli altri modelli, più popolari, l’ideale rimane la spalla cotta, economica, versatile e senza scarti. 

RQ

9 commenti:

  1. Non è un post vegano.
    Non lo leggo.
    gd

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quando mai ho scritto post vegani?
      Si tratta semplicemente di un suggerimento per evitare i soliti sprechi di fine anno.
      In fin dei conti l'agenda potrebbe essere anche realizzata con foglie di lattuga, alga nori, seitan, pasta fillo, eccetera.
      (emoticon gastrotipografico)
      Dai, su, leggilo, tanto il prosciutto lo mangio io.
      RQ

      Elimina
  2. :D bella idea! Peccato che quest'anno le agende io le abbia già ordinate! Magari la prossima volta, però le farò fare di bresaola, che può durare un bel pezzo...non vorrei intossicare qualche cliente.
    Mi piace questo post, è proprio ganzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie RL, delle volte penso di scrivere cose ganze e invece non sono ganze, poi delle altre volte penso di non scrivere una cosa ganza e invece è ganza. Questo senso di precariato letterario per me rimane un mistero.
      Comunque l'agenda andrebbe tenuta in frigo. Volendo, ma non sono sicuro, si potrebbe anche surgelare. (emoticonaffettato)
      RQ

      Elimina
  3. Io vorrei un'agenda in pregiato wafers alla vaniglia Loacker!! Passerei 365 giorni a leccarla e a dividere con la lingua le cialde dalla crema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bleah, con le pagine tutte attaccate tra loro.
      Ma i gusti sono gusti, e ognuno si merita l'agenda che ha. (emoticon proverbiale)
      RQ

      Elimina
  4. Grilletto Salterino1 dicembre 2012 19:10

    mmm ... ci si può pensare, la compili e la mangi tutta il primo dell'anno così ogni volta che hai un impegno quella te lo ricorda in un modo che ti dico io ...
    Grilletto potrebbeavereeffetticollateralianchegravileggereattentamenteleavvertenze

    RispondiElimina
  5. Hai pensato a una versione in pane carasau?
    (emoticon salutista)
    RQ

    RispondiElimina
  6. Grilletto Salterino2 dicembre 2012 14:41

    potrebbe andare ... anche per i vegani

    RispondiElimina