martedì 13 novembre 2012

Sez. Pensione da Eroi - Tema: Il Vicino

Svolgimento
Ho rogitato il 31 gennaio del 2011, e un pomeriggio di febbraio ho parcheggiato l’auto nell’aia perché avevo un discreto carico di cianfrusaglie da portare nella nuova casa. Vedo un uomo che esce da una porta e mi apostrofa in maniera garibaldina: “Ciò, lo sa che non potrebbe parcheggiare a meno di cinque metri da una casa perché c’è un limite alla proprietà privata?”. Io penso “Boia mondo, ma se qui parcheggiano cani e porci qui proprio adesso ti dovevi svegliare?” e gli ribatto: “Abbia pazienza, ma appena mi tolgono le griglie che chiudono il patio la metterò nel mio parcheggio. È questione di qualche giorno”. “Ah, hai comprato la casa da Ruggero? Meno male, almeno si muove qualcuno, anche per scambiare una parola ogni tanto. Io sono Bepi, abito di sotto. Lascia pure la macchina lì, tranquillo che tanto non dà fastidio a nessuno”.
Basta poco per far cambiare repentinamente umore a Bepi, e lo vedo ogni giorno. L’importante è aspettare che faccia lui la prima mossa, per capire come gli gira. 
So pochissimo di lui, quelle due o tre cose che mi ha raccontato. È pensionato, ma fa volontariato ospedaliero come personale sulle ambulanze. Vive solo, credo non sia mai stato sposato. Gli piace il liscio, guarda sempre gli spettacoli sul tipo di “Festa in piazza” sulle tv private, e bestemmia come un turco addosso a ogni trasmissione tv, specialmente i telegiornali; in quel caso raddoppia la dose: bestemmie e parolacce per il commentatore, e bestemmione da fuoco per la classe politica in generale, i calciatori, le veline e chiunque altro sia oggetto delle notizie. 

È anche il migliore antifurto che possa avere, non si perde nemmeno l’andirivieni dei miei gatti e di quelli dei vicini su e giù per le mie scale, figurarsi se gli scappa un forestiero che cerca di arrampicarmisi in casa. Si, perché è un uomo molto discreto, dice sempre che non gli interessano gli affari altrui.
Un giorno stavo stendendo il bucato in cortile, e…
 - Ah, fai bene ad approfittare della bella giornata.
 - Si, col bel tempo mi si asciuga subito, Bepi.
 - Senti che profumo. Che cosa usi per lavare? Sai, io non ho mai imparato, ogni tanto mi viene la donna.
 - Detersivo, e parecchio ammorbidente. Magari guardo che abbiano profumi simili.
 - Oh, ma già la seconda lavatrice che fai oggi, ti dai da fare!
 - Si, approfitto del sole. 
Poi, con un fare quasi buttato lì e un po’ ammiccante, mi chiede: 
 - Ciò, sai di quello di sotto?
 - So che ha comprato casa e poi non ha più pagato il mutuo, e la casa andrà all’asta prima o poi.
 - Macché, è andato in galera, ne ha per sette anni.
Bepi non ama farsi gli affari altrui, davvero.
A distanza di quasi due anni mi rendo conto che per lui il mio uso smodato della lavatrice possa essere un’usanza un po’ esotica, e che la tanto vantata donna delle pulizie non l’ha mai vista nessuno di noi: il nostro vicino è anche il falegname che gli ha sistemato le imposte, e mi diceva che Bepi cambia le lenzuola ogni sei mesi; vedendo che in media ogni dieci giorni stende un bucato composto invariabilmente da un paio di mutande e una maglietta, oppure un paio di calzini ed il grembiule che usa per cucinare posso pensare che sia la verità; del resto, che cosa aspettarsi da uno che scola la pasta in cortile perché ha gli scarichi di casa intasati da anni e non vuole pagare qualcuno per lo spurgo della biologica? 

MM

19 commenti:

  1. Secondo me il pezzo ha guadagnato tantissimo con l'ultima parte (in realtà mi piace l'immagine di quest'uomo che scola la pasta in giardino)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe carino se per scolare la pasta usasse una vecchia racchetta da tennis, oppure un setaccio stile "La febbre dell'oro"

      Gabriella

      Elimina
    2. La prossima volta vediamo se riusciamo a fotografarlo, o a registrare una delle serie di bestemmie reiterate

      Elimina
    3. Ah, dimenticavo: il bucato in foto è il suo di due settimane fa; è rimasto fuori tre giorni, ha preso la pioggia, si è riasciugato da solo e poi immagino sia stato indossato

      Elimina
  2. mi è venuta fame leggendo sta cosa fitusa...
    bravo melon, hai colto un aspetto della terzà, la diffidenza di molti per l'acqua
    gd

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa, io ti dico che questo è talmente zozzo che cambia le lenzuola ogni sei mesi e a te viene fame?

      Mi ricordi che se dovessimo vederci cucino io?

      Elimina
  3. A me "uomo molto discreto" e poi il tono della frase "Bepi non ama farsi gli affari altrui, davvero." piacquero tanto tanto! :)AG

    RispondiElimina
  4. A me, questo personaggio ha fatto venire in mente uno che conoscevo che, per non sporcare la cucina, preparava il puré nel bidet. (emoticon pfanny)
    RQ

    RispondiElimina
    Risposte
    1. RQ ti diro' di piu', sono certa che era un PIEMONTESE..molto tipico!

      Conosco dei Piemontesi miliardari con villa su 3 piani che vivono in lavanderia per non "SCIUPARE" il palchetto o sporcvare la cucina nuova.
      GIUROOOOO

      Elimina
    2. il mondo è proprio piccolo.
      (emoticon che non ci sono più i miliardari di una volta)
      RQ

      Elimina
    3. Io una volta lavavo i piatti in vasca da bagno,vale?

      Elimina
    4. Evvai, mi sento meno solo!!

      Elimina
  5. RQ batte tutti. Mito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio vero. (emoticon modesto)
      RQ

      Elimina
    2. ahahahah (emoticon che si scompiscia dal ridere)

      Elimina
    3. Grilletto Salterino13 novembre 2012 21:36

      Sentite questa - storia vera verissima è - conosco una Signora che conservava l'acqua in cui lavava i piatti nel lavandino e la usava per un paio di giorni per risparmiare sul detersivo.
      Questo lo faceva prima della pensione, chissà che fa adesso?????
      Grilletto schifato

      Elimina
    4. Adesso si morde le mani per non averne conservata abbastanza. Sarebbe stato un brodo ottimo per la minestrina. (emoticon cinico)
      RQ

      Elimina
  6. Melon.se non esistessi bisognerebbeinventarti,se non altro per la gioia dei gatti!

    Mi hai fatto ridere ma anche tanto pensare. . .E se il materasso di Bepi fosse milionario?? Ti stupiresti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi stupirei no, wood: pecunia non olet. Ma non credo di avere lo stomaco per provare a svaligiargli il pagliericcio

      Elimina